Site icon OnePiece.it

Le saghe politiche negli shonen

Shonen

Il ruolo degli archi narrativi politici nelle opere shonen principali come One Piece, Naruto e Hunter x Hunter

One Piece, Hunter x Hunter, Naruto e altre opere shonen offrono worldbuilding e ritmi eccellenti tramite saghe politiche intense e concise.

Gli archi narrativi negli shonen sono spesso lunghi per dare spazio all’enorme cast di personaggi, approfondendo le loro storie e dandogli momenti memorabili. Tuttavia, con alcune storie che si estendono all’epicità come Wano e Dressrosa per One Piece, la Quarta Guerra Mondiale Ninja di Naruto, e la saga delle Formichimere in Hunter x Hunter, una piccola pausa può essere rinfrescante. Queste saghe più piccole interrompono perfettamente il ritmo della serie tramite un intelligente worldbuilding per le loro storie individuali.

Quando un autore fa uso di una breve saga per introdurre o dare spazio ai poteri politici dei loro mondi, interrompe il ritmo e permette a queste lunghe storie di respirare e muoversi indipendentemente dai loro protagonisti. Aggiungere queste vigorose brevi saghe alla trama principale dà un senso di equilibrio e completezza al mondo. E anche quando non sono molto impressionanti, hanno comunque un forte impatto.

Il Reverie di One Piece

Eiichiro Oda ha dato una piega impressionante alla storia di One Piece dopo il timeskip, con una potente e misteriosa saga. Zou non ha avuto tanti capitoli quanto l’Isola degli Uomini-Pesce, Dressrosa e l’Isola Whole Cake, ma è stata una saga comunque molto significativa. Ci sono state rivelazioni impressionanti e riunioni più o meno spettacolari, ma è stata la saga del Reverie ad essere la più significativa, in proporzione.

Numerosi misteri hanno circondato i Cinque Astri di Saggezza dalla loro prima apparizione a Jaya, e l’introduzione di poteri ancora più misteriosi hanno fatto da base al Reverie. Presentazioni, rivelazioni e altri misteri riempiono il palato tra l’Isola Whole Cake e Wano. La saga ci ha dato anche chiari motivi per essere eccitati per il futuro della serie.

Con numerosi personaggi presentati nei precedenti archi narrativi, e altri le cui avventure sono continuate off-screen nelle miniavventure, Oda ha dato al mondo un senso di vita e movimento. Definire un altro misterioso nemico al di fuori di Sakazuki e Barbanera ha contribuito a costruire il mistero riguardante la fine di One Piece. Posizionare l’Armata Rivoluzionaria nel ruolo di eroi sviluppa ulteriormente il loro impegno nella loro missione, e la loro connessione con Orso Bartholomew.

La saga del Reverie è una pausa essenziale nella trama principale che ha costruito tensione ed eccitamento tra i fan per godere anche di un’altra avventura al di fuori di quella di Rufy e la sua ciurma.

Il Summit dei Cinque Kage di Naruto

La prima parte di Naruto è rimasta vicino al Villaggio della Foglia, senza mostrare troppo del resto del mondo. Masashi Kishimoto ha speso la prima parte della storia a sviluppare i personaggi principali di Konoha e gli elementi del mondo ninja, dando un contesto alle future interazioni. Problemi sottili dall’interno del Villaggio cominciano a ribollire durante la saga del Summit dei Cinque Kage, mentre il mondo comincia a crescere immensamente con l’introduzione di impressionanti potenze mondiali.

Incontrare ed assistere alla potenza dei Kage ha posto il mondo secondo una prospettiva migliore. La loro introduzione si districa nella storia mentre si addentrano in un conflitto verbale che sfocia in una breve battaglia contro il gruppo guidato da Sasuke. La potenza di un ninja fortemente affermato si è ridimensionata quando l’immensa e selvaggia forza dei Kage hanno lasciato un impatto indimenticabile.

Guardarli gestire e affrontare le nuove abilità dello Sharingan di Sasuke con varie tecniche gli ha gettato la base per la misurazione dei conflitti futuri, costruendo un ponte perfetto per la Quarta Guerra Mondiale Ninja.

L’elezione del nuovo Presidente di Hunter x Hunter

Dopo la lunghissima ed emozionalmente distruttiva saga delle Formichimere, Yoshihiro Togashi continua a sviluppare la storia in una direzione unica. La saga dell’elezione del nuovo Presidente definisce più chiaramente il mondo degli Hunter mentre rimarca quanto fosse importante Netero per l’equilibrio dell’Associazione. Nonostante abbia portato a delle strane conclusioni, la saga ha aperto la porta a così tante possibilità che ha costituito il punto di svolta per il districarsi di un’infinità di nuove trame.

Gli strani e misteriosi membri dello Zodiaco aggiungono più fascino all’Associazione, e le formichimere sono ancora percepite come una minaccia. La presenza di Ging Freecss è enorme ma gestita delicatamente, sviluppando misteri e domande intorno alla sua persona, così come le sue abilità e i suoi obiettivi.

Nonostante Killua e Leorio giochino la loro parte nella saga, il focus viene incentrato sull’antagonismo di Pariston nei confronti dei suoi compagni dello Zodiaco. Anche con la conclusione del viaggio di Gon che ritrova suo padre, e il deisderio di Killua di salvare sua sorella, la saga sembra avere un finale aperto.

Questa saga è il punto di svolta dal racconto principale di Gon in altre storie fondamentali che provvedono ad una pausa carina da epici archi narrativi.


Articolo tradotto dal web: fonte

Vai alla barra degli strumenti