Novel su Ace, Prima Parte – Riassunto e Foto

63

          

Questo il riassunto del primo volume dedicato a Portgas D. Ace, contenuto nel OnePiece Magazine: 

Un ragazzo non vedeva l’ora di scrivere un saggio d’avventura come quelli riportati su Brag Men (libro apparso ad Ohara, che legge anche Nami, su cui sono riportate delle avventure così assurde da essere considerate “romanzi di fantasia”, tra cui l’approdo a Little Garden).
Ora però non è capace di scappare dal deserto di un’isola troppo bella chiamata “SIXIS”, nel Mare Orientale. La corrente attorno all’isola è abbastanza irregolare e nessuno riesce a scappare.
Mentre parla con un teschio accanto a lui, si accorge che qualcun altro si è intromesso nella conversazione senza che se ne rendesse conto. Quella è stata la prima volta in cui il ragazzo e Ace parlarono.




Ace dice “Piacere di conoscerti”. Il ragazzo pensa che abbia la sua stessa età.
All’inizio pensa che Ace possa essere venuto a salvarlo, ma ben presto si rende conto che è stato anche lui vittima di un naufragio. L’uomo è parecchio infastidito dal fatto che Ace continui a sorridere nonostante la difficile situazione in cui si trovano.
L’uomo ha passato 3 giorni sull’isola, mentre Ace 6.
Ace gli dice: “Che ne dici di costruire una zattera?”.




Entrambi i ragazzi sono alla ricerca di un tesoro che pare sia nascosto su quell’isola. Ace chiede al ragazzo il suo nome, ma lui si rifiuta di dirlo visto che lo ha abbandonato una volta presa la via del mare.
Ace dice “Siamo amici, no?” (le stesse parole pronunciate da Rufy ad Usop quando lo invitò a salire a bordo della Merry). Il ragazzo prova a prendere in prestito il nome di Ace per farne anche il suo pseudonimo, ma Ace gli dice di trovarne uno personale, consigliandogli “Deuce” visto che le due pronunce sono simili.
Il ragazzo sembra contento del suo nuovo nome, anche perché “Deuce” vuol dire anche “Sfortuna” e si presta abbastanza bene alla loro attuale situazione.
Ace decide quindi di chiamarlo “Masked Deuce”, visto che indossa sempre una maschera per non farsi riconoscere dalla Marina.

Deuce era uno studente di medicina con pessimi voti. I suoi genitori non lo consideravano. Voleva semplicemente vivere un’avventura senza però essere un ricercato. Ace e Deuce parlano delle loro famiglie. Nel discorso Ace menziona Rufy sorridendo. Deuce ad un tratto dice “Se ci fosse un figlio di Roger, penso che debba morire”. Ace diventa silenzioso tutto d’un tratto, mostrando un’espressione molto seria, il che fa capire a Deuce che lui è proprio il figlio del Re dei Pirati. Deuce si allontana, in preda a sentimenti contrastanti e dice ad Ace di non parlargli più.




Passano alcuni giorni. Ace non riesce a scappare dell’isola con la sua nave ridotta a pezzi. “Non posso morire in un posto del genere!” Non è certo di buon umore. Deuce cerca di trovare cibo e acqua, ma senza successo.
Un giorno, Deuce vede Ace con in mano un frutto sulla spiaggia. Deuce è affamato e arriva alla conclusione che non si sono problemi se uccide Ace, visto che si tratta del figlio di un leggendario criminale. Poco prima di attaccarlo con il ramo di un albero, lo stomaco di Deuce brontola. Ace lo vede e pensa che sia venuto ad aiutarlo a costruire una barca. Ace gli offre il frutto, ma Deuce si rifiuta di mangiarlo sentendosi in colpa per aver cercato di ucciderlo.

Deuce alla fine capisce che Ace è una brava persona, anche se figlio del Re dei Pirati. Decidono quindi di dividersi il frutto. Deuce trova che il frutto sia il più terribile, ma al tempo stesso il più delizioso, cibo che abbia mai mangiato. Deuce si gira e vede Ace prendere fuoco. Entrambi sono sorpresi nel vedere il corpo in fiamme. Il frutto era il Mera Mera.




Dopo alcuni giorni, Ace diventa in grado di controllare il fuoco. Deuce chiama la nave “Striker”, che si muove grazie a delle pale azionate dal fuoco. Deuce dice che a quanto pare era una voce falsa quella che diceva ci fosse un tesoro nascosto sull’isola. Ace risponde “Non è detto…”
Ace porge la mano a Deuce dicendo “Verrai con me, vero?” Deuce risponde “Potrei scrivere un tema d’avventura niente male insieme a te”.
Si stringono con forza la mano. Ace dichiara “Diventerò il Re dei Pirati!”.
Nascono così i Pirati Spades.

LEGGI LA SECONDA PARTE —> ACE NOVEL, PARTE DUE

 




LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here