One Piece Capitolo 1018: l’Omelia del Reverendo

11517

IL MILLE

DICIOTTO

 

[nulla di nuovo sotto il sole]

 

F R A T E L L I!

 

Chi Rho.

No, non è un modo stupido per chiamare Oda, anche perché il semplice “Ehy Ciro!” va benissimo.

È uno dei simboli più importanti al mondo.

Si tratta di un monogramma, un insieme di lettere che unite formano una parola o una frase.

I monogrammi cristiani vengono chiamati “cristogrammi”.

Le lettere che compongono questo simbolo sono X e P. Le vedete?

La “χ” greca si pronuncia “Kh” mentre la “ρ” è la rho e si pronuncia “r”

Sono le iniziali di “CHRist”, Cristo.

In inglese, l’abbreviazione “Xmas” per indicare il Natale deriva proprio da questo simbolo. CHRISTmas viene abbreviato in Xmas.

Gli inglesi hanno aggiunto anche “IST” per completezza.

Dopo il 300 d.C. l’imperatore Costantino il Grande decise di fare una modifica a questo simbolo.

LO RACCHIUSE IN UN CERCHIO

Dovete sapere che la figura di Gesù è una rielaborazione, una trasformazione (una retcon?) dei culti solari precedenti al cristianesimo.

In un mosaico nella Basilica di San Pietro c’è Gesù che fa le veci di Apollo e sul carro trasporta…

Avete capito…

[I see no difference]
Quindi si pensa che Costantino abbia aggiunto questo cerchio al monogramma per rappresentare il sole.

E arriviamo al punto.

Il sole.

Parola chiave di questo capitolo, forse dell’intero manga.

One Piece è pieno di simboli che rimandano al sole, alla luce (di Shandora, della rivoluzione, da spegnere).

A Skypiea vediamo spesso un cerchio con 8 “raggi” più piccoli

Che ci sia un collegamento con Shandora stessa? Ci arriviamo…

Anche il simbolo di Alabasta ha lo stesso sole. Capitolo 823:

E quello dei Kozuki ce lo siamo dimenticati?

Ma è a Skypiea che voglio rimanere. Wiper (best personaggio evah) ha sul braccio un cerchio con otto raggi. È un peccato che il cristogramma ne abbia solo 6, altrimenti sarebbe stato un interessante parall…
http://mirziamov.ru/product/zaym/4slovo/

[ah no…]
A volte questo simbolo viene “spogliato” dell’alfa e omega e vengono aggiunti altri due raggi.

IN HOC SIGNO VINCES

“In questo segno vincerai”

Dovete sapere che quasi tutti i cristogrammi sono collegati tra loro e sono rimasticazioni dello stesso termine: “Gesù Cristo”.

La parola “vittoria” viene usata in un altro simbolo cristiano, stavolta ortodosso:

NIKA

Che vuol dire “vince”, “vittoria”. È un termine greco ovviamente, infatti Nike è la dea della vittoria.

Quindi abbiamo una divinità solare (un Sun God) a cui viene affibbiato l’epiteto “Nika”, cioè colui che vince.

Divinità morta sulla croce sacrificandosi per noi e che nonostante tutto, ha continuato a schierarsi a favore degli uomini.

“Padre, perdonali perché non sanno quello che fanno”.

Gesù si è sempre schierato a favore degli oppressi, degli schiavi, liberando popoli e fungendo da ispirazione per le generazioni attuali, che continuano ad adorarlo dopo millenni dalla sua morte

Un po’ come il Nika di One Piece, nato chissà quanti secoli fa, ispira gente del calibro di Fisher Tiger (best personaggio evah) che utilizza Sun God per creare “I Pirati del Sole”.

La figura cristica nasce come divinità solare e viene “retconnata” dai cristiani ma le sue radici sono più antiche.

Egiziane.

Precolombiane.

Oda ha utilizzato Maya, Aztechi e Incas come riferimento agli shandoriani, i bilkiani, gli skypieani.

I POPOLI DEL SOLE

Ma non voglio parlarvene adesso. C’è ancora tutta la faccenda di Rufy come attuale Joyboy e Nika come Joyboy primordiale. O forse era quello dei Cento Anni ma con un nome diverso?

Mettetevi comodi, c’è ancora tanto da raccontare. L’Omelia è appena cominciata.

BENVENUTI A TUTTI

Signori,

SI VA!

Il capitolo inizia con il bordello, le tette e i soldati che continuano ad ingrossare le fila alleate.

Ormai il distacco con i nemici si assottiglia sempre di più.

Un paio di capitoli fa il divario era 3:1. Ora siamo 2:1

Anche meno

Il Cp0 rappresenta lo specchio di Oda. Sa moltissime cose ma non le rivela

ANZI

Le rivela a metà, che è peggio.

Stronzi come il Maestro.

Parlano di Who’s Who, ovviamente.

Nel dialogo, uno dei due ha paura che possa sopravvivere e rivelare informazioni croccanti al resto del mondo. L’altro lo rassicura perché ormai quello che sa è obsoleto.

APPARTIENE AD EVENTI PASSATI

Come a voler sottolineare che le vicende di 12 anni fa hanno preso una piega talmente diversa che se anche uno come Who’s Who dovesse diffondere le notizie, sarebbero irrilevanti perché ora ne hanno di nuove che sostituiscono quelle vecchie.

È passato troppo tempo e quindi il Tobiroppo non è più un pericolo per nessuno.

MA COSA SA?

Quali informazioni possiede Who’s Who?

Cerchiamo di delineare un profilo basandoci su quello che dice.

È ABBASTANZA RAZZISTA

Verso gli uomini-pesce

Azzardo un’ipotesi. Non credo che il suo astio sia bigotto come quello di Stelly o di un Drago Celeste

[cap. 905]
Loro sono ignoranti e provano avversione per tutte le razze eccetto la propria. Le loro parole sono guidate dall’inconsapevolezza

Who’s Who invece mi è sembrato incazzato SOLO verso gli uomini-pesce.

E loro soltanto.

Quando era in prigione gli dissero di pregare un certo Nika, il Dio del Sole affinché lo salvasse.

Un uomo che avrebbe portato gioia a tutti.

Un Joy Boy.

E avrebbe liberato gli schiavi.

Altra parola chiave.

Ma sapete una cosa?

WHO’S WHO MI SEMBRA UN COGLIONE

Fa dei collegamenti infantili. Da imbecille.

Dovrebbe prendersela con il Governo per averlo imprigionato mentre si incazza con Jinbe solo perché ha come unica colpa quella di essere il sottoposto di Rufy, il possessore attuale del Gomu Gomu, frutto che ha dato il via al suo incarceramento.

Ma Jinbe che cazzo c’entra?

È come se io me la prendessi con Alessandra Mussolini solo per il nonno. Almeno i treni arrivavano in orario.

Dovrei incazzarmi con lei per la Marcia su Roma?

Secondo Who’s Who, sì.

In realtà ce l’ha anche con Shanks, e ci sta, ma con Rufy?

Solo perché indossa il suo stesso cappello?

No amore di mamma, non è naturale. Sei un coglione.

Sappiamo che il tigrotto non sa nulla sul Gomu Gomu, quindi il segreto rimane ben custodito nelle mani del Governo.

Per rispondere alla domanda di prima.

Cosa sa?

Un cazzo di niente.

Le sue informazioni sono confusionarie e inutili, buone solo come introduzione per qualcosa che Oda approfondirà (bene) fra moltissimo tempo.

A livello narrativo possiamo dire che Who’s Who è stata la classica pedina sacrificale che il Maestronzo Oda ha utilizzato per dare un incipit.

Ormai ha esaurito il suo ruolo.

C’è la possibilità che si levi dai coglioni già dal prossimo capitolo.

Anche la questione di Nika se ci pensate è un’informazione di seconda mano, sentita da una guardia che poi è sparita.

Prima di affrontare questo benedetto Dio del Sole, parliamo della sua prigione

IMPEL DOWN?

Sicuramente. Come detto anche la settimana scorsa, potrebbe aver visto Jinbe durante la rivolta di due anni fa.

Perché la mia mente dice “Impel Down” mentre il mio cuore urla “Marijoa”?

Facciamo due calcoli usando la Timeline.

Fisher Tiger libera gli schiavi 15 anni fa, ben TRE ANNI prima che Who’s Who venisse incarcerato (cioè 12 anni fa). Ma soprattutto, 12 anni fa, mentre il tigrotto inizia la sua prigionia, Fisher Tiger muore.

Quindi potrebbero non aver avuto contatti.

PERÒ IL DISCORSO DEL “SOLE” RIMANE

Alla luce degli eventi attuali, perché Fisher Tiger ha battezzato la sua ciurma “I Pirati del Sole”?

E perché Jinbe si scalda tantissimo quando sente parlare Who’s Who in quel modo?

L’idea è che tra gli uomini pesce ci sia questa leggenda di Nika, un po’ come quella di Montblanc Noland detto “Il bugiardo”. Una favola, cioè una storia talmente antica che col tempo ha perso la sua credibilità agli occhi della gente comune ed è diventata allegoria.

Cosa sappiamo di Nika?

Abbastanza per poter scrivere qualcosa.

Dunque, sembra vestito come “quelli lì”, il popolo del cielo

Con la gonnella e il petto nudo.

L’altro ieri in Live mi avete fatto notare una cosa molto interessante.

NIKA SOMIGLIA A RUFY

[cap. 300]
[cap. 253]
Che cosa possiamo dedurre?

Forse era un uomo vestito come un popolo del cielo ma con la stessa personalità di Rufy.

Personalità che poi qualcuno avrebbe ereditato nelle generazioni successive fino ad arrivare al nostro rabber.

Quella che vi sto raccontando è una teoria, quindi non ci sono fonti nel manga.

JoyBoy era un appellativo che veniva donato ad una persona in particolare. E questa persona, questo Joy Boy nella sua epoca aveva un ruolo da compiere.

Lo intuiamo quando Kaido dice che Rufy non può esserlo.

Come a dire: “Non sei l’uomo che Roger (il precedente Joyboy) stava cercando”.

[cap. 576]
Ma ovviamente Kaido si sbaglia e lo scoprirà al termine di questa saga.

Quando verrà sconfitto.

Questo titolo poteva avere a che fare con la libertà. Magari il JoyBoy degli anni di vuoto ha fallito la sua missione ed è venuto meno il suo ruolo. Non è riuscito a liberare gli uomini-pesce dalla loro schiavitù e ha deciso di scusarsi con la principessa sirena dell’epoca.

Non trovate anche voi delle somiglianze con Naruto?

Indra e Ashura erano due fratelli che combattevano tra di loro. Non sono riusciti ad ottenere nulla, così la rivalità si è spostata nella generazione successiva con Madara e Hashirama. Insieme hanno costruito molto, ma hanno anche distrutto. Il rapporto con gli Uchiha non si è risolto. Tobirama li ha ghettizzati a Konoha facendo aumentare il loro risentimento.

Non sono stati incisivi. Ma hanno spianato la strada per la generazione successiva.

Nika potrebbe rappresentare la generazione “primordiale” (passatemi il termine), una persona da cui è nato tutto. Magari Oda potrebbe abbozzare una sorta di rivalità, un astio tra bene e male, sole (!) e luna

LUNA

Magari sto correndo troppo. Le mie dita vanno da sole (SOLE). Sento la tastiera che scricchiola perché non è abituata a essere picchiata così forte.

Tutti (o quasi) i clan di Wano avevano il termine “Luna” al loro interno.

Kozuki, Luce lunare

Amatsuki, Luna paradisiaca

Uzuki, Luna di pioggia

Fugetsu, Luna ventosa

E ci butto anche il clan Shimotsuki che vuol dire Luna di ghiaccio

Dopo JoyBoy (quello dei 100 anni di vuoto), abbiamo Roger e Xebec che rappresentano Hashirama e Madara. Il Re dei pirati ha ereditato la volontà di Nika nella sua epoca.

Questo personaggio misterioso potrebbe anche essere il Joyboy degli anni bui

Sarebbe interessante, anche perché i due nomi non si escludono a vicenda perché lo consideriamo come un titolo, un ruolo.

E poi se ci pensate, Shandora è caduta dopo aver combattuto una battaglia per proteggere i Poneglyph. Nika potrebbe essere morto durante questo scontro.

[cap. 290]
Roger e Xebec

Hashirama e Madara

All Might e All For One

Sono persone che hanno costruito ma che non sono state incisive. Sono arrivate troppo presto

Rufy e Teach sono i Naruto e Sasuke, i Midoriya e Shigaraki, la generazione attuale, quella che è riuscita (o riuscirà) dove quella precedente ha fallito.

Provate a pensarci, c’è sempre una storia che si collega ad un possessore primordiale, uno che ha dato il via a tutto, anche alla rivalità con il suo opposto.

Così facendo si inizia una guerra millenaria che si combatte attraverso i secoli, e che la generazione attuale dovrà affrontare ma con altri protagonisti, altre lune e altri soli, altri bianchi e altri neri che danzano, si scontrano, combattono una battaglia nata anni e anni prima.

Who’s Who le sta prendendo, dopo aver passato l’intero capitolo in “vantaggio”.

È sempre così. Se i nemici urlano dicendo che il personaggio buono non può nulla contro il cattivo, state sicuri che il cattivo cadrà.

Se per tutta la durata dello scontro, il cattivo ha la meglio e sembra in vantaggio, state sicuri che cadrà.

E quasi sempre, la rimonta da parte del buono avviene sempre grazie ad un moto di rabbia.

“Who’s Who, non avresti dovuto… è… stato… un errore!”

Jinbe si incazza perché il tigrotto ha raccontato la storia a cazzi suoi, non è stato corretto.

O forse è solo ignorante.

Questo mi fa ipotizzare che l’uomo-pesce sappia tutta la vicenda e magari conosca anche la leggenda. Lo abbiamo detto prima, potrebbe trattarsi di una storiella che gli abitanti di Fishman Island conoscono bene come noi sappiamo Cenerentola o Pinocchio.

E l’incazzatura gli è venuta perché ha strumentalizzato la figura di Fisher Tiger relegandolo a “oggetto della mia ira”, senza sapere che magari dietro quel simbolo solare c’è un universo.

Mi sto rendendo conto solo adesso che l’80% dell’Omelia è fatta di teorie e ipotesi in un capitolo fatto per l’80% di mazzate, 15% di cose inutili come Tama che parla e Nami che accoglie il Dildo Tact come suo compagno e il 5% di bombe lanciate a caso.

Io sto lavorando con questo 5%

Oda è stronzo e continua a riempire di misteri un calderone già stracolmo di punti interrogativi. E noi continuiamo a bestemmiargli contro tutta la sua dinastia (fino a Nika) ma nonostante tutto non ci stacchiamo da questo manga del cazzo.

Insomma, nulla di nuovo sotto il sole.

Ah, a proposito…

La nave di Rufy si chiama Thousand Sunny

Mille Soli.

11 commenti su “One Piece Capitolo 1018: l’Omelia del Reverendo”

  1. Buongiorno rev,
    volevo fare un appunto: ciò che e avvenuto con l’iconografia relativa a Gesù Cristo non penso possa essere definito “retcon” in quanto non si tratta di una modifica di eventi descritti in precedenza per adattare a nuovi sviluppi, bensì è stato rappresentato il Dio-uomo (realmente esistito) in situazioni che lo traspongono laddovè si trovavano dei appartenenti a culti politeisti, con lo scopo di convertire i pagani rivelando la verità, cioè il vero Dio.
    A mio parere scrivere che “La figura cristica nasce come divinità solare e viene “retconnata” dai cristian” non è affatto corretto.
    Dico questo perchè penso che quando si trattano certi argomenti si deve essere molto precisi e non approssimativi.
    Per il resto ti ringrazio per il tuo modo ti intrattenerci e per gli spunti di riflessione che ci poni ogni domenica (o quasi) un abbraccio

    Rispondi
    • Il termine “retcon” l’ho usato per scherzare sulla questione del capitolo precedente. Il discorso del frutto Gomu Gomu eccetera.

      Quando ho riletto l’omelia ieri notte sapevo che non era il termine adatto ma l’ho tenuto comunque perché ormai non si fa che parlare di retcon.

      Voglio specificare che questo non è un sito dove si approfondiscono tematiche sociali, politiche, religiose. Si parla di One Piece. Quindi ci sta essere un po’ approssimativi, giocare con i termini come ho fatto io con la retcon. Fa parte dell’omelia.

      Non c’è bisogno di essere molto precisi come dici tu, non è il luogo adatto.

      Ti ringrazio molto. Ciao.

      Rispondi
      • Ma secondo me sei stato molto preciso nella metafora: Cristo è una figura fantasiosa che viene sovrapposta al precedente “riscrivendo” e riadattando. È che i permalosi non lo vogliono accettare.

        Rispondi
        • Non sono i permalosi che non vigliono accettare, sei tu che non accetti la realtà: Cristo è realmente esistito quindi non è una figura “fantasiosa”. One Piece è fantasia, non Cristo… Cerca di ritornare in contatto con la realtà…

          Rispondi
  2. Buonasera Reverendo
    gran bella omelia, come al solito. Non avendo mai commentato, volevo farti i miei complimenti: dopo ogni capitolo porti un punto di vista diverso, interessante; chi ti legge ha modo di vedere la storia da un punto di vista originale, cogliere ciò che non avrebbe potuto vedere da solo. O almeno è cosi nel mio caso.

    Per quanto riguarda la rabbia di Jinbe, non credo sia causata solo dalla mancanza di rispetto per Tiger. Who’s who ha ridotto tutta la storia degli uomini pesce a schiavitù. Li considera subumani, schiavi per definizione, e si dimostra razzista fino al midollo. E questo e imperdonabile x Jinbe
    Io lo trovo una presa di posizione forte sulla più stretta attualità, come molte altre volte in One Piece.

    Rispondi
    • Ciao caro, benvenuto. E’ un’interessante chiave di lettura, mi piace. Io credo che Jinbe sappia qualcosa su quanto accennato da Who’s Who, quindi magari può avergli fatto ricordare qualcosa in merito, soprattutto sul fatto che le cose non le ha raccontate nel modo giusto

      Rispondi
  3. ciao Reveverendo
    Ti seguo da molto anche se questo è il mio primo commento ad un tuo articolo.
    Prima cosa… Complimenti per la trasmissione (cit.)
    Anch’io ho pensato che questo Nika sia un Joyboy del passato (se non il primo).
    quando who’s who racconta che Nika aveva la capacità di portare il sorriso sulle labbra degli schiavi, il nome Joyboy assume un significato e non rimane più un nome messo li a caso:
    JOY (gioia) BOY (ragazzo).. portatore di gioia.
    Ogni sagra della porchetta con open bar che fanno ogni qualvolta liberano un popolo dal cattivo di turno, con quelli che erano oppressi o schiavi fino all’arrivo dei Mujiwara, adesso le vedo in un ottica diversa: non più come una festa post mazzate ma proprio come una manifestazione della capacità del JOYBOY di questa epoca descritta da who’s who.
    non so se questo collegamento sia stato già fatto o se sia interessante

    Rispondi
  4. Ciao Rev,

    bella omelia come al solito, ma solo io penso che la mazzata finale di Jinbe sembra essere impregnata dell’haki del re? Magari è un volo pindarico, ma se così non fosse significherebbe che Jinbe è ufficialmente il terzo della ciurma ad aver sfoggiato il potere, anche come ulteriore prova delle sue capacità!

    Rispondi
    • Non so se si possa definire o meno il terzo o il quarto più forte in ciurma. Sarebbe interessante se Jinbe avesse l’Haki del Re però nell’ultimo capitolo le scosse non mi sono sembrate di Haki del Re. Magari mi sbaglio

      Rispondi
      • Si effettivamente la mia potrebbe essere un’impressione forzata dettata dall’hype e dal fatto che se ne è parlato nei capitoli più recenti. Del resto, l’haki del re è una qualità rara: che si sia manifestata in zoro dopo rufy è un “caso fortunato” , non può diventare un elemento ricorrente tra i mugiwara solo perché è la ciurma del futuro re dei pirati.

        Grazie!

        Rispondi
  5. Ciao reverendo, ti ringrazio per l’omelia che ci proponi ad ogni capitolo del manga mi diverto molto leggendola e mi apre anche nuovi spunti di riflessioni.
    Anche io credo, come sottolineato più in alto da un’altra persona, che jinbe abbia l’haki del RE e che oltretutto lo sappia usare, nelle vignette sembrano esserci proprio i lampi neri e per di più in una si vede il pugno che non tocca l’avversario. Secondo me è il secondo più forte dopo Luffy. Ciao e grazie ancora.

    Rispondi

Lascia un commento