One Piece Episodio 914: il Kaioken di Luffy VS Kaido?!

9790

Non dimenticare di seguirci anche su Telegram! Ti basta cliccare qui!

One Piece Episodio 914: il commento dell’ultima puntata dell’anime di One Piece tratto dal manga ideato e disegnato da Eiichiro Oda

Buonsalve a tutti, fan di Dragonball Super.
…no scusate, mi sono confuso.
Beh, quello di oggi è un episodio sicuramente divisivo: o lo avete amato più del solito o lo avete detestato. Se devo tirare a indovinare, direi che coloro che seguono solo l’anime l’hanno quasi tutti adorato, mentre chi segue il manga starà gridando allo scandalo. Per chi non abbia visto l’episodio, il motivo di tale sconcerto è duplice: la resa grafica esagerata e le vicende mostrate poco coerenti col contenuto del manga.

Concentriamoci prima sulla sceneggiatura (circa), poi ci soffermiamo sulla direzione artistica. La puntata di oggi adatta metà del capitolo 923 del manga, altro gran capitolo. Il senso di tutto il 923, senza spoilerare troppo, è mostrare la superiorità assoluta di Kaido su Luffy. Insomma, non avrete DAVVERO pensato che il gommoso fosse già al livello di Kaido, dopo che è quasi morto contro Katakuri, vero? Col cazzo, ma ci arriviamo.

Vuoi sconfiggere Kaido? Seh, aspett semp…

Voglio subito dissipare un dubbio, che purtroppo questa puntata potrebbe aver generato: Kaido non si è fatto niente. Ma zero, nulla.

Nel capitolo, Luffy fa due cose contro Kaido in froma drago: l’Elephant Gun in testa e l’Elephant Gatling sul muso. Vediamo cosa succede esattamente nel manga. Anzitutto, come abbiamo detto, cazzottone in testa:

Poi Kaido rialzatosi reagisce e prova a nuclearizzare Luffy, il quale schiva e subito contrattacca con l’Elephant Gatling. Kaido non riesce a reagire.

Perché Kaido non si muove? Chiaramente, perché è ubriaco come la merda. La cosa nel manga è molto chiara e permette di prendere più con le pinze gli effetti dei pugni di Luffy sul muso del drago, e infatti ciò che seguirà non sorprese nessuno ai tempi (o meglio, non in negativo). Insomma, Luffy sta sprecando tempo.

Nell’anime cosa succede invece? Nulla di troppo diverso in realtà, anche qui vediamo cazzottone in testa e Elephant Gatling. Tuttavia in mezzo alle due scene ci sono molte cose in più, i ben noti filler, che possono dare confusione. In primis, i numerosi clash frontali tra Luffy e Kaido che sembrano suggerire una parità tra i due. Quelle scene non danno certo l’idea che il drago stia subendo passivamente in preda all’alcol, vero? Anzi, i suoi versi e movimenti sembrano proprio lasciar intendere che stia attivamente contrattacando, o peggio che ci stia provando.

Scena allucinante, ma poi ci torniamo.

Non è assolutamente così, come avete visto nelle vignette del manga. L’unica ragione per cui avete assistito ad un combattimento “alla pari” tra il gommoso ed il drago è la solita di moltri alti episodi: bisogna guadagnare tempo ed estrarre materiale da meno di 10 pagine di fumetto, quale modo migliore se non allungare un combattimento (come è successo mille altre volte, più recentemente con Shutenmaru e Jack). Il problema è che raramente tali filler sono scritti intelligentemente, o meglio con la giusta considerazione per il contenuto del manga. In questo caso, non ha senso mostrare Kaido contrattaccare senza far danni, perché non è nelle condizioni di combattere come si è visto e non avrebbe di certo fallito. Piuttosto si può mostrare un altro paio di tecniche da parte di Luffy contro il Kaido sbronzo, per esempio un bel Grizzly Magnum in gola, rigorosamente poco efficaci.

Morale della favola: Luffy non è in grado di fronteggiare Kaido in quel modo, ma l’anime potrebbe dare ai fanboy del gommoso l’idea sbagliata del rapporto di forza tra i due (non i fan eh, i fanboy: quelli esaltati e poco critici). In generale, tra la non-inferiorità di Luffy e le reazioni poco affini al personaggio di Kaido, la sceneggiatura di Shinzou Fujita sul duello non mi ha convinto. Invece è stato giusto mostrare la disperazione di Kin’emon e piacevole vedere Kiku col sangue freddo. Tutto ciò che riguarda Speed e che nel manga non c’è, ovvero l’arrivo molto scenico di Kaido e Luffy che fa svenire i mob intorno alla cavalla con l’Haki del Re (ma non era giallo adesso??) li ho molto apprezzati, per merito anche della regia di Yasunori Koyama.

La reazione di Kaido al nome di Luffy non mi è piaciuta, visto che non lo attacca all’istante come invece avviene nel manga (e ci credo, è il marmocchio che gli sta catafottendo il business!).

Questa pagina mi piace molto! Purtroppo non hanno disegnato Kaido nella stessa posa e maniera, né hanno ripreso al meglio le vignette centrali molto cinematografiche.

Questo è ciò che ha scandalizzato i detrattori dell’anime per quanto riguarda le vicende narrate, e devo dire che concordo. Ora passiamo all’altro lato della medaglia per l’anime, ovvero la resa grafica. C’è un solo modo per descrivere cosa non va in questo episodio dal punto di vista della direzione artistica: sembra Dragonball Z, anzi Super. Parliamo un po’ di questa faccenda, vi va?

In One Piece, i protagonisti non hanno certo il controllo dell’aura, nonostante l’Haki possa assomigliare molto al concetto. Luffy non fa certo eccezione, anzi combatte completamente in corpo a corpo. Il massimo che si può vedere, quindi, è un pugno gigante molto potente e magari indurito dall’Haki che impatta sui corpi coriacei degli avversari o sull’ambiente, generando magari onde d’urto notevoli. Questo, di solito, è ciò che si si aspetta di vedere in One Piece, non di più. Quel che ci è stato offerto in questo episodio era molto, molto di più, anche troppo. Gli effetti speciali e le conseguenti luci sono molto distanti dalla natura dei combattimenti di questo manga: fulmini, auree, campi energetici, esplosioni di luce…sono fenomeni molto più adatti a opere dove il sovrannaturale nel combattimento è molto più presente, come Naruto o, appunto, Dragonball Z.

O Super, fate voi.

Non è la prima volta che si parla di “dragonballizzazione” di One Piece: anche contro Katakuri, prima del cambio di stile, alcune scene erano state esagerate in termini di potenza ed effetti speciali, come il famosissimo episodio finale del duello. Questo mi infastidiva leggermente per i motivi di cui sopra, e già temevo che la cosa si sarebbe ripresentata più evidente in futuro. In effetti, appena lessi il capitolo 923 già sapevo che avremmo visto molte “dragonballosità”. In casa Toei insomma il crescendo di potere dei protagonisti e nemici sembra esser stato tradotto in una vicinanza nei combattimenti allo stile dell’opera eterna di Toriyama, forte anche della sua incalcolabile popolarità (anche chi non ha mai visto tutto Dragonball avrebbe accomunato questo episodio all’anime di Goku).

Questa volta però abbiamo raggiunto un livello decisamente eccessivo! Luffy e Kaido sono costantemente circondati da fulmini, il drago ad un certo punto fa pure divampare l’aura come nemmeno Freezer. Non scherzo!

Il clash tra i due è completamente irreale, come vedete Luffy e Kaido nemmeno si toccano! Sono circondati da una qualche barriera d’energia, quella di Kaido in particolare mi ricorda troppo il Colpo Nova di Freezer (ne aprofitto per dire che è a mani basse il miglior villain di tutto Dragonball).

 

Molto similmente tutti gli altri clash successivi sono assurdi, coinvolgono l’intera città e mostrano luci e barriere energetiche completamente estranee a One Piece e soprattutto a Luffy. A parte la codata di Kaido (bella!) tutto il resto è degno di un episodio di Dragonball Super. Ma la scena più assurda di tutte è…

KAIOOOOOOOKENNN!!!!!

Ellamadonna, e che cazzo è?! Kaioken? Super Saiyan God? Kyuubi liberato?? Non riesco nemmeno a dire cosa dovrebbe essere nel contesto di One Piece. Haki? Del Re Conquistatore? Nemmeno Shanks lo manifesta così!!

Evidentemente, almeno in Giappone, questa versione di Luffy e di One Piece super esaltata e vicina al buon vecchio (e nuovo) Dragonball piace, e parecchio. Per quanto mi riguarda… a me non dispiace tantissimo, sapete?

Fermi, giù le forche. Tollero di più questa esagerazione, in questo episodio, per il fatto che Kaido è di per sé un personaggio mooolto potente, il più potente visto finora forse, e il suo design draconico è un perfetto involucro per quella potenza. Trovo quindi più normale del solito vedere certi effetti speciali esagerati su uno come lui, una creatura normalmente associata a caratteristiche anche magiche, che già è in grado di sparare dalla bocca simil-Kamehameha di fuoco. Come ho detto prima, leggendo il capitolo mi aspettavo alcune esplosioni particolarmente luminose e colorate.

…tuttavia qui stiamo un po’ esagerando! Non era davvero il caso di regalargli l’aura di Freezer e, soprattutto, non era il caso di regalare a Luffy il Kaioken di Goku, nonché le sue frasi (“Yurusanee-zoooo!!!”, ovvero “Non ti perdonerò!!!”, è una delle grida più famose di Goku soprattutto in Super). Insomma, per quanto divertente da vedere, l’episodio è stato più che altro straniante. So che a molti invece è piaciuta molto questa piega Saiyan dell’anime, fortunatamente supportata dai soliti colori meravigliosi di questa saga.

E ora…l'”Angolo della Sakuga“! Perché anche la scena di uno che vomita merita una lode se animata come si deve. E oggi di animatori capaci ne abbiamo visti un po’, a partire da Ishizuka che, di nuovo, regala una delle due scene migliori dell’episodio col suo tratto caratteristico. Fulmini ed effetti speciali a parte, la scena è un piacere per gli occhi. Peccato solo duri un po’ troppo. Bello vedere Kaido muoversi e cadere come una creatura vivente, non come l’ultima volta. Merito di Tingmu Yang.

Cazzottone.

Un animatore degno di nota oggi è Bahi JD, che ha animato quasi un minuto intero di scena dal primo clash frontale con Kaido fino alla corsa sui teti di Luffy, questa in particolare è molto dinamica e…beh, figa. Sicuramente più interessante da fare del clash, dove Luffy per un attimo viene disegnato con un viso un po’ diverso dalle linee guida del chara-design. Bahi ha lavorato anche su Ping Pong e Space Dandy (non guardate solo One Piece, giusto?).

Ancora più lunga, più di un minuto, è la scena di Shimanuki: Kaido si rialza e spara il Boro Breath su Luffy. Aura di Freezer a parte, il raggio di fuoco è bello è Kaido che si staglia sulla città è epico (pur senza scaglie…). Shimanuki aveva anche la scena del drago ubriaco che sbatte ovunque. Oltretutto, Shimanuki è uno dei due (eh sì, ben due!) animation directors di questo episodio.

La pagina di cui vi parlavo prima è stata adattata così.

Si presume invece (non è ancora confermato) che RonDeseo abbia animato questa bella scenetta di Kaido che accelera e prende a codate il gommoso. A dir la verità, se ci fosse stato l’haki, questo colpo avrebbe fatto parecchio male a Luffy, ma fortunatamente non hanno strafatto. RonDeseo ha lavorato con Black Clover!

Infine, altra star dell’episodio è Hirotaka Ito. Non solo è il secondo l’animator director per tutte le scene dell’episodio (e direi che ha fatto bene il suo dovere), ma ha anche animato un paio di scene. Più precisamente il “Kaioken” di Luffy con successivo clash e il finale, l’Elephant Gatling (fortunatamente senza effetti speciali assurdi se non quelli sonori). In entrambi i casi un ottimo lavoro a parer mio, considerando che dalla regia (aka Ashita e Vin) mi fanno sapere che si è appena ripreso dalla rottura di un polso!

A dirla tutta ci sono anche altri animatori degni di nota oggi, come Saucelot, ma vi rimando al sakugabooru di One Piece se siete curiosi. In definitiva dal punto di vista delle animazioni l’episodio è ben prestante, il che ha reso i restati difetti ben più facili da tollerare. Questa gangbang di animatori oggi potrebbe spiegare la grave carenza dello scorso episodio… se così fosse capirei, ma avrei diviso più equamente le forze.

In questo episodio divisivo non so bene da che parte stare, se con quelli che l’hanno amato o con quelli che l’hanno odiato. In generale non posso dire di essermi annoiato, quindi a rigor di logica sto coi primi, ma non è un episodio da 10 e lode e non so se sarei tanto buono senza tutta quella sakuga di cui sopra. L’importante è che sia chiaro, agli anime only, che Luffy NON È tanto forte come sembra…o che Kaido non è tanto debole, ma questo lo vedrete tra una settimana.

Concludo chiedendovi: ma a conti fatti, l’episodio vi è piaciuto?

In generale, vi è piaciuto questo episodio?

View Results

Loading ... Loading ...

[Symonch]

Leggi anche: One Piece Episodio 907: La primissima avventura di Luffy!

One Piece è un manga scritto e disegnato da Eiichirō Oda, serializzato sulla rivista giapponese Weekly Shōnen Jump di Shūeisha dal 19 luglio 1997. La casa editrice ne raccoglie periodicamente i capitoli anche in volumi formato tankōbon, di cui il primo è stato pubblicato il 24 dicembre. L’edizione italiana è curata da Star Comics, che ne ha iniziato la pubblicazione in albi corrispondenti ai volumi giapponesi il 1º luglio 2001. La storia segue le avventure di Monkey D. Luffy, un ragazzo il cui corpo ha assunto le proprietà della gomma dopo aver inavvertitamente ingerito il frutto del diavolo Gomu Gomu. Raccogliendo attorno a sé una ciurma, Luffy esplora la Grand Line in cerca del leggendario tesoro One Piece e inseguendo il sogno di diventare il nuovo Re dei pirati

One Piece è adattato in una serie televisiva anime, prodotta da Toei Animation e trasmessa in Giappone su Fuji TV dal 20 ottobre 1999. L’edizione italiana è edita da Merak Film ed è andata in onda su Italia 1 dal 5 novembre 2001 per poi continuare su Italia 2 nel 2012; inizialmente intitolata All’arrembaggio!, la serie ha avuto diversi cambi di denominazione nel corso delle stagioni, fino ad assestarsi sull’originale One Piece. Toei Animation ha prodotto inoltre 11 special televisivi, 13 film anime, due cortometraggi 3D, un ONA e un OAV. Svariate compagnie ne hanno tratto merchandise di vario genere, come colonne sonore, videogiochi e giocattoli.

One Piece ha goduto di uno straordinario successo. Diversi volumi del manga hanno infranto record di vendite e di tiratura iniziale in Giappone. Con trecento milioni di copie in circolazione al 2014 l’opera è il manga ad avere venduto di più al mondo. Il 15 giugno 2015 è entrato inoltre nel Guinness dei primati come serie a fumetti disegnata da un singolo autore con il maggior numero di copie pubblicate: oltre 320 milioni.

1 commento

  1. Penso che i disegnatori si siano dimenticati in alcune scene animate parecchie vignette del manga e mi riferisco a quelle che riprendono le reazioni e i dialoghi della popolazione e degli sgherri di Kaidoh. Tipo le reazioni degli sgherri di Kaidoh ai colpi subiti a causa dei pugni di Rufy, o la scena in cui il bambino avvista Rufy in cielo mentre scaglia il primo colpo su Kaidoh (questo nello scorso episodio). Manca appunto la sorpresa dei personaggi di contorno (la popolazione) all’arrivo del salvatore, come nei fumetti dell’uomo ragno o superman. Nel manga Oda ha reso l’idea, sembrava una di quelle scene tipiche da arrivo del supereroe. Secondo me avrebbero reso l’anime più coinvolgente a livello emotivo. L’anime è risultato troppo concentrato sul combattimento dei due come se si trovassero in una città deserta, senza far intervenire nessun personaggio di sfondo che desse l’impressione di assistere al combattimento o quanto meno essere coinvolto dalla distruzione. Solo di Law, Hawkins e Jack ci viene data qualche espressione di stupore e nulla più. Per me è stato un errore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here