One Piece Episodio 943: quanto è forte Sanji?

4707

One Piece Episodio 943: Se non hai ancora visto l’episodio, puoi guardarlo su Crunchyroll cliccando qui!

One Piece Episodio 943: il commento di Symonch all’ultima puntata dell’anime di One Piece tratto dal manga ideato e disegnato da Eiichiro Oda.

Bentornati anche questo inizio settimana! Avete già visto l’episodio 943? Se la risposta è no, in cima trovate il link all’episodio. Oppure, potete leggere qui sotto se vale la pena vedere la puntata, questa settimana.

L’episodio finisce di adattare il capitolo 944 e adatta quasi tutto il capitolo 945, solito ritmo di un capitolo-un episodio. Tuttavia questa parte della saga si presta bene a un ritmo minore di adattamento, come abbiamo visto, prevalentemente grazie alle scene d’azione facilmente (ed oso dire necessariamente) completabili con dei filler ben animati. Questo episodio è un altro buon esempio a mio parere.

Nel manga, la guerriglia tra i pirati e le varie forze di Kaido e Orochi non occupano troppo spazio. In effetti, abbiamo di nuovo una singola pagina di combattimento, per Zoro anche meno:Ditemi ancora che Oda non sta correndo, su, vi sfido. Ma tornando a noi… Zoro e Kyoshiro si meritavano un combattimento quantomeno decente, e l’anime ce lo fornisce al posto del manga. Invece di avere la semplice informazione “quel ronin è al pari del boss Kyoshiro“, abbiamo modo di vederlo in prima persona per merito delle valide animazioni di Dennis Cablao e degli storyboard di Aya Komaki. In questo episodio la regia è affidata a Tasuku Shimaya, ma non gli storyboard, il che significa che molto probabilmente le coreografie sono molto merito di Komaki. Peccato però non aver mantenuto il tempo scuro generato da Nami nell’episodio precedente.

Animation Director: Shigefumi Shingaki.

Sia in questo duello che in quello con Sanji, chi non segue il manga può essersi posto un paio di domande, ne parliamo tra poco. Prima analizziamo il secondo combattimento: Sanji vs Drake. Anche in questo caso si tratta di una pagina scarsa di combattimento. E con combattimento intendo che Drake tira una codata a Sanji e lui si rialza, fine.Di nuovo più che giusto dare più spazio al combattimento, anche se stavolta il risultato è meno entusiasmante, Drake è spesso disegnato in modo strano e i due sfidanti, più che combattere, chiacchierano schernendosi. Devo però dire di aver apprezzato i dialoghi, Drake considera Page One (o Paginello, per chi legge il manga) un incapace e Sanji tira fuori il suo lato culinario. Buon lavoro di Akiko Inoue in sceneggiatura, seppur non eccellente, nemmeno sul lato combattivo (presumo sia lei ad aver deciso come allungare il combattimento di Sanji). Il duello si conclude però in modo spettacolare quando Sanji individua Hiyori, e Drake viene messo KO in una scena splendidamente animata da Takashi Kojima. Sanji rotea in aria in modo bizzarro, ma il suo effetto lo fa. Bello come Drake cerchi di resistere, sguardo fisso sul nemico.
E qui bisogna parlare del dubbio che molti avranno: il battleboarding. Per i meno avvezzi al termine, i “rapporti di forza” tra i personaggi in combattimento. Sanji può davvero sconfiggere Drake? Kyoshiro è davvero al pari di Zoro? Di solito non apprezzo certi tipi di discorsi, perché in One Piece i combattimenti sono molto poco importanti rispetto al resto. Ma nel produrre filler del genere, spesso si fanno errori madornali come mostrare Caesar Clown scontrarsi alla pari con Luffy, quindi a volte è meglio mettere i puntini sulle i anche per valutare il lavoro di sceneggiatura.

Zoro viene definito al pari di Kyoshiro anche nel manga, e qui è difficile sbagliarsi. Si tratta però delle valutazioni dei sottoposti di Kyoshiro, non parole di Oda. Zoro non stava dando il 100%, manca la tipica bandana della cazzimma. Nel manga come nell’anime, Zoro ammette che Kyoshiro è molto forte. Trovo quindi che, senza bandana da cazzimma, ci stia un duello alla pari tra i due (Kyoshiro non è l’ultimo arrivato…). Come avvenuto contro Kamazo/Killer, però, è molto probabile che il ronin possa sconfiggere lo yakuza se tirasse fuori più furia assassina, semplicemente non è successo. Chi legge il manga sa che Kyoshiro ha un’abilità che a Zoro sembra mancare, quindi perché Marimo vinca servirebbe davvero la bandana. Promuovo quindi il combattimento filler, che mantiene salda l’idea di pareggio.

Mi piace questa posa.

Passiamo però a Sanji. Il cuoco riesce a mettere KO Drake impegnandosi parecchio. Però questo non succede assolutamente nel manga, dove Sanji accorre in soccorso a Hiyori abbandonando la lotta senza ripensamenti. Dunque Inoue ha fatto bene a mettere Drake a terra dopo due tecniche abbastanza potenti del cuoco? Non sono molto sicuro.
Sanji ha già affrontato abbastanza alla pari Page One con la tuta, quindi da potenziato direi, anche se non si è impegnato e stava più che altro provandone le features. Drake sostiene di essere più forte di lui, e non mi sembrerebbe affatto strano. Nel manga, Sanji si prende una codata e basta. Non mi ha dato l’idea di essere al pari di Drake sinceramente. In conclusione, ritengo che dei colpi così incazzati possano danneggiare l’allosauro, ma non metterlo KO. La scelta di metterlo fuori combattimento potrebbe essere “aggiustata” se Drake si rialzasse subito nel prossimo episodio. Non sono esperto di battleboarding, specialmente in un manga dove i combattimenti sono molto situazionali, quindi ditemi voi cosa ne pensate. Ma a giudicare da quanto si vede ultimamente nel manga, Drake non è il tipo da farsi battere facilmente da uno come Sanji, forte ma non abbastanza.

Ringrazio piuttosto Guo Wei Huang, l’art director, per questa scena:La sceneggiatura di Inoue però mi piace in generale, avendo deciso di dare più spazio agli Oniwabanshu rispetto al manga. Anche se non è un filler, adoro come sia stata adattata questa scena:

by Pika

Passiamo al lato di Udon. Vorrei far notare che Kid e Killer vengono sottoposti ad una vera e propria tortura, senza filtri. Non capita spesso in un manga “buonista” come One Piece. Adoro anche Queen che in questo episodio (e capitolo) si rivela particolarmente minaccioso. “Bastano 5 centimetri d’acqua per annegare chiunque”, verissimo cazzo. A meno che non si parli di uomini-pesce, ma vabbè.

Tutta la parte in cui Luffy protesta contro Queen è stata resa un po’ più drammatica rispetto al manga. Infatti:

  • Queen non si mette a ballare nemmeno per un secondo
  • Luffy indurisce il pugno (nel manga è un pugno normale) e Queen lo blocca comunque
  • il capitano rischia pure di cadere e morire decapitato
  • gli sgherri della Piaga non fanno notare che il boss è arrabbiato per l’assenza di shiruko…

Tutte queste differenze rispetto al manga rendono la scena più seria, un po’ come quando hanno fatto dimagrire Luffy e Hyougorou alla morte di Yasu. Ripropongo la stessa riflessione: è giusto rimuovere le parti più buffe inserite da Oda? O è un modo per snaturare il manga? Ad ogni modo, ha funzionato: si capisce che stavolta Luffy è davvero nella merda, e Queen colorato di rosso davanti all’esile gommoso colorato di blu enfatizzano la differenza delle loro posizioni.Il finale è un po’ troppo lento, in ogni aspetto, ma immagino fosse opportuno far concludere l’episodio come si conclude il capitolo 944 (questa parte è stata posticipata rispetto al manga). Ho apprezzato però l’interruzione della colonna sonora all’arrivo di O-Lin. In questo episodio, in generale, le OST sono state usate bene e, in un paio  di occasioni, interrotte. Dovrebbero usare questo trucco più spesso, funziona.

Trovo che questo episodio si difenda molto bene, i difetti che ho citato non hanno reso la visione fastidiosa. Passerete 20 minuti piacevoli.

[Symonch]

P.S.: non ho parlato del fighissimo Hawkins e di Law? Beh la scena è stata riportata quasi paro paro, ma ho apprezzato l’interruzione della colonna sonora quando Shachi viene tagliato.

Leggi anche: One Piece Episodio 934: Zoro trabocca di potere!!!

One Piece è un manga scritto e disegnato da Eiichirō Oda, serializzato sulla rivista giapponese Weekly Shōnen Jump di Shūeisha dal 19 luglio 1997. La casa editrice ne raccoglie periodicamente i capitoli anche in volumi formato tankōbon, di cui il primo è stato pubblicato il 24 dicembre. L’edizione italiana è curata da Star Comics, che ne ha iniziato la pubblicazione in albi corrispondenti ai volumi giapponesi il 1º luglio 2001. La storia segue le avventure di Monkey D. Luffy, un ragazzo il cui corpo ha assunto le proprietà della gomma dopo aver inavvertitamente ingerito il frutto del diavolo Gomu Gomu. Raccogliendo attorno a sé una ciurma, Luffy esplora la Grand Line in cerca del leggendario tesoro One Piece e inseguendo il sogno di diventare il nuovo Re dei pirati

One Piece è adattato in una serie televisiva anime, prodotta da Toei Animation e trasmessa in Giappone su Fuji TV dal 20 ottobre 1999. L’edizione italiana è edita da Merak Film ed è andata in onda su Italia 1 dal 5 novembre 2001 per poi continuare su Italia 2 nel 2012; inizialmente intitolata All’arrembaggio!, la serie ha avuto diversi cambi di denominazione nel corso delle stagioni, fino ad assestarsi sull’originale One Piece. Toei Animation ha prodotto inoltre 11 special televisivi, 13 film anime, due cortometraggi 3D, un ONA e un OAV. Svariate compagnie ne hanno tratto merchandise di vario genere, come colonne sonore, videogiochi e giocattoli.

One Piece ha goduto di uno straordinario successo. Diversi volumi del manga hanno infranto record di vendite e di tiratura iniziale in Giappone. Con trecento milioni di copie in circolazione al 2014 l’opera è il manga ad avere venduto di più al mondo. Il 15 giugno 2015 è entrato inoltre nel Guinness dei primati come serie a fumetti disegnata da un singolo autore con il maggior numero di copie pubblicate: oltre 320 milioni.

2 Commenti

  1. Ciao.
    Volevo sottolineare un passaggio secondo me importante.
    Nel manga Zoro sembra più in difficoltà contro kyoshiro rispetto all’anime…e ok…(questo ha relativamente poca importanza) ma quello che secondo me è importante sottolineare non è soltanto che a Zoro manchi la “bandana della cazzimma” (ovvero la dimostrazione a chi legge di fare “sul serio”) , ma manca SOPRATTUTTO la TERZA SPADA.
    E’ zoro stesso a sottolineare che lui “non combatte con tre spade” (non solo almeno) , ma bensi’ con “la tecnica\lo stile a tre spade”
    Per affrontare e battere Killer (Kamazo), ha infatti bisogno (in uno scontro che poteva sembrare equilibrato sulla carta ,tra i due primi spadaccini di due ciurme pirata) di utilizzare una terza lama…

    • Osservazione giustissima! Oltretutto gli manca la spada migliore. Ma se anche Kyoshiro non si fosse impegnato?
      Ad ogni modo ribadisco che, a maggior ragione, Zoro volendo potrebbe prevalere sullo Yakuza, ma il pareggio di adesso ci sta tutto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here