One Piece Episodio 945: il Flusso di Ciliegi

7639
one piece episodio 945

One Piece Episodio 945: Se non hai ancora visto l’episodio, puoi guardarlo su Crunchyroll cliccando qui!

One Piece Episodio 945: il commento di Symonch all’ultima puntata dell’anime di One Piece tratto dal manga ideato e disegnato da Eiichiro Oda.

Salve signore e signori! Rieccomi anche questa settimana ad analizzare e commentare l’episodio dell’anime di One Piece! Dopo aver visto l’episodio su Crunchyroll col link in cima all’articolo, posso dirvi cosa ne penso, chi c’è dietro alle scelte più interessanti dell’adattamento e se vale la pena guardare la puntata se già leggete il manga. Se siete troppo curiosi o vi fidate di Toei, andate subito a vedere col link sopra citato. Altrimenti, lasciate che vi spieghi cosa aspettarsi!

L’episodio adatta completamente il capitolo 946, uno dei capitoli più spassosi dell’intera saga. Alla regia troviamo Yusuke Suzuki, dal quale possiamo aspettarci un bel lavoro agli storyboard visti i precedenti…anche se forse non chiarissimo. Se cliccate sul suo nome, infatti, potrete leggere come alcune scene siano abbastanza incoerenti con quelle immediatamente precedenti. A mio parere, può essere colpa della poca chiarezza degli storyboard di Suzuki, che pure sa fare inquadrature molto buone e usa bene i colori, come vedremo. In questo episodio c’è, secondo me, un altro caso di storybards poco chiari. Ma parliamo prima della scrittura dell’episodio a cura di Hitoshi Tanaka.

Queen si rialza dalla botta tremenda subita da O-Lin e contrattacca, in preda alla rabbia. Mi sono chiesto come combatta un brachiosauro, quando ho visto per la prima volta la forma dinosauresca di Queen. Non mi aspettavo che la risposta fosse “schiacciando i nemici con balzi di 250 metri“. La scena dell’attacco fallito di Queen, come avrete capito, è un filler. Infatti nell’anime O-Lin scaraventa il dinosauro contro il muro subito dopo avergli schiacciato la testa. Lo trovo però un filler sensato, c’è un motivo se Tanaka fa combattere Queen in questo modo, ne parleremo settimana prossima (o lo sapete già, se seguite il manga), inoltre in questo modo si sottolinea ulteriormente la forza smisurata dell’Imperatrice. Non mi convince invece il modo in cui provoca O-Lin avvicinandosi pure come un serpente, quantomeno poteva esserci un dialogo più originale, come per esempio “forza dimmi, come hai fatto a sopravvivere a quella caduta, brutta befana?! chi ti sta aiutando?!” o che ne so… In generale però è un filler buono (sopportando gli ennesimi “oschirukooooo”).Buono anche il filler su Raizo e Caribou che si intrufolano nella torre di controllo di Udon, realizzato però un po’ troppo lentamente da Suzuki. il resto dei filler servono solo ad omogenizzare l’episodio in 20 minuti, non ho notato niente che mi abbia infastidito particolarmente, anzi in un caso sono anche stati gestiti bene registicamente.
Torniamo al discorso sugli storyboard poco chiari. Non trovate anche voi che la scena qui sotto sia un po’ strana?
Perchè Queen si schianta in modo così innaturale? Perché assume quella posizione poco prima di schiantarsi in un’altra posa? A mio parere, l’animatore non ha compreso bene gli storyboard e forse ha interpretato male quello che era semplicemente il corpo di Queen che ruota per aria prima di schiantarsi. In questo modo la botta del dinosauro non ha minimamente l’impatto che si percepisce dal manga:Altro dettaglio che non mi è piaciuto: le scarpe rigeneranti di Queen. Ricordate lo scorso episodio dove mi chiedevo che avremmo rivisto i calzari dopo che questi sono letteralmente esplosi per le dimensione delle zampe della Superstar? Ecco… ma è così complicato lasciare i personaggi scalzi?Il resto dell’episodio si fa guardare benissimo però. Non c’è molta azione, quindi ci si concentra più sulle espressioni dei personaggi e sul comunicare le loro sensazioni. I momenti più alti sono stati i seguenti:

  • la delusione di O-Lin
  • la rottura dei collari col Ryuo

Quando Big Mom/O-Lin trova finalmente il suo oshiruko solo per scoprire che è finito, la sua delusione è palese nel manga. L’anime ha trasposto perfettamente questo sentimento con la musica che rallenta e il bianco e nero. Ottima gestione dei colori e del comparto sonoro! La reazione di Babanuki, assente nel manga, gode della stessa cura nei colori. In generale, tutte le reazioni al fattaccio sono gestite molto bene.Nota di merito all’assoluta coglionaggine di Luffy, mi ha fatto morire dal ridere sia nel fumetto che qui!Altra grande scena è stata la rottura dei collari da parte di Luffy. Nel manga mi lamentai di come quella scena fosse resa con troppa poca tensione, poche vignette messe lì senza il giusto spazio per percepire davvero il pericolo. L’anime risolve il problema mostrando Hyougorou e Luffy disperarsi, e intendo proprio facendocelo vedere, grazie ai colori. La scena si prende il suo giusto tempo e stavolta ho sentito il pericolo nella situazione. Anche la scena della rottura vera e propria dei collari col Ryuo non è affatto male, il “Flusso di Ciliegi” invade e distrugge gli strumenti di morte con degli effetti speciali molto carini. So che a molti non è per nulla piaciuto il suono del “Super Saiyan” durante l’attivazione del Ryuo, ma vi ricordo che quello non è il “suono del Super Saiyan”, è un effetto sonoro come un altro, che in One Piece può essere usato in altri modi. Siete VOI ad associarlo all’aura. Ad ogni modo, non penso che fosse l’effetto sonoro più calzante per quella scena.one piece episodio 945Ci sono insomma molte belle chicche in questa puntata, e come non citare quella che sta facendo impazzire il fandom?one piece episodio 945Ottimi disegni di Kazuya Hisada, il Character Designer della serie nonchè Animation Director della puntata (ed infatti sono quasi nulli i disegni deformi). Sotto la sua supervisione, e in certi casi grazie a lui direttamente, le espressioni dei personaggi sono molto belle. Molto piacevoli anche gli effetti speciali del Ryuo, anche se continuo ad osteggiare l’idea di renderlo così…sovrannaturale nell’aspetto. Riuscirà Luffy a usare il Ryuo per bloccare un attacco di Big Mom? ….penso che tutti possano immaginare la risposta.

Shot di Mitchell Gonzales. Notate le espressioni facciali.

L’episodio non parte benissimo, ma migliora visibilmente andando avanti, culminando con uno degli shot che di sicuro resterà negli annali. Recuperatelo!

[Symonch]

Leggi anche: One Piece Episodio 934: Zoro trabocca di potere!!!

One Piece è un manga scritto e disegnato da Eiichirō Oda, serializzato sulla rivista giapponese Weekly Shōnen Jump di Shūeisha dal 19 luglio 1997. La casa editrice ne raccoglie periodicamente i capitoli anche in volumi formato tankōbon, di cui il primo è stato pubblicato il 24 dicembre. L’edizione italiana è curata da Star Comics, che ne ha iniziato la pubblicazione in albi corrispondenti ai volumi giapponesi il 1º luglio 2001. La storia segue le avventure di Monkey D. Luffy, un ragazzo il cui corpo ha assunto le proprietà della gomma dopo aver inavvertitamente ingerito il frutto del diavolo Gomu Gomu. Raccogliendo attorno a sé una ciurma, Luffy esplora la Grand Line in cerca del leggendario tesoro One Piece e inseguendo il sogno di diventare il nuovo Re dei pirati

One Piece è adattato in una serie televisiva anime, prodotta da Toei Animation e trasmessa in Giappone su Fuji TV dal 20 ottobre 1999. L’edizione italiana è edita da Merak Film ed è andata in onda su Italia 1 dal 5 novembre 2001 per poi continuare su Italia 2 nel 2012; inizialmente intitolata All’arrembaggio!, la serie ha avuto diversi cambi di denominazione nel corso delle stagioni, fino ad assestarsi sull’originale One Piece. Toei Animation ha prodotto inoltre 11 special televisivi, 13 film anime, due cortometraggi 3D, un ONA e un OAV. Svariate compagnie ne hanno tratto merchandise di vario genere, come colonne sonore, videogiochi e giocattoli.

One Piece ha goduto di uno straordinario successo. Diversi volumi del manga hanno infranto record di vendite e di tiratura iniziale in Giappone. Con trecento milioni di copie in circolazione al 2014 l’opera è il manga ad avere venduto di più al mondo. Il 15 giugno 2015 è entrato inoltre nel Guinness dei primati come serie a fumetti disegnata da un singolo autore con il maggior numero di copie pubblicate: oltre 320 milioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here