Site icon OnePiece.it

One Piece Live Action: il Cast (secondo noi) – 11 Supernove #3

One Piece Live Action: ecco gli attori che secondo noi sarebbero adatti ad interpretare i personaggi del manga di Eiichiro Oda

One Piece Live Action: l’uscita della serie tv basata sul manga di Eiichiro Oda è prevista per il 2021

Bentornati! Vogliamo iniziare subito? Tanto le regole ormai le avete imparate….ah dimenticavo Rufy e Zoro non ci sono perché li abbiamo già trattati nella parte sui Mugiwara. Bene allora! Pronti, partenza, via!

Ok, ho ripetuto fino alla sfinimento che non si valuta solo la somiglianza tra attore e personaggio, ma qui devo per forza fare un’eccezione. Guardateli, sono due gocce d’acqua! E poi Eckhart come attore non è di certo l’ultimo arrivato.

Quando il The Rock di One Piece incontra l’originale. Per le ali e la barba c’è sempre tempo.

Spesso interpreta la “ragazza determinata” (X-men, Inception, Juno…) e sempre con un suo determinato stile. Il ruolo di unica donna Supernova le calzerebbe a pennello.

I suoi ruoli spaziano dal drogato al maestro Jedi, è uno dei pochi attori di Hollywood che non ha bisogno di presentazioni…e nemmeno Kidd

Con Split ha dimostrato di poter spaziare su più caratteri e personalità. Law lo vediamo serio, vendicativo, provocatore, stiloso e certe volte anche burlato nelle scene comiche con Rufy. Direi che si deve ripetere.

Uno dei più bravi (se non il migliore) nell’interpretare personaggi con accenti particolari e per Capone occorre il classico e stereotipato accento di “mafioso da cinema”. In più il 90% delle volte recita nelle parti di personaggi che non sono proprio dei santi. Direi che è promosso a pieni voti.

Serve una specie di Thranduil de “Lo Hobbit”: impassibile, di poche parole, volutamente poco espressivo (può sembrare facile ma non lo è), alle volte malvagio…insomma un Hawkins della Terra di Mezzo o un Thranduil di One Piece, decidete voi.

Come faccio a scegliere l’attore adatto per un personaggio di cui non si è mai visto il volto, le sue espressioni e tanto meno il suo carattere? Vado sul sicuro con un attore che (come in Deadpool) indossa una maschera solo per fare scena, ma che se recitasse senza sarebbe la stessa identica cosa.

Attore e musicista (utile per la natura del personaggio e per la coreografia dei i suoi attacchi), una leggera somiglianza tra i due c’è, direi che può andare.

Anche per oggi è tutto! Prossimo capitolo dedicato ai personaggi della Marina, un saluto.

Abbiamo aperto un canale Twitch, clicca qui per iscriverti!

One Piece è un manga scritto e disegnato da Eiichirō Oda, serializzato sulla rivista giapponese Weekly Shōnen Jump di Shūeisha dal 19 luglio 1997. La casa editrice ne raccoglie periodicamente i capitoli anche in volumi formato tankōbon, di cui il primo è stato pubblicato il 24 dicembre. L’edizione italiana è curata da Star Comics, che ne ha iniziato la pubblicazione in albi corrispondenti ai volumi giapponesi il 1º luglio 2001. La storia segue le avventure di Monkey D. Luffy, un ragazzo il cui corpo ha assunto le proprietà della gomma dopo aver inavvertitamente ingerito il frutto del diavolo Gomu Gomu. Raccogliendo attorno a sé una ciurma, Luffy esplora la Grand Line in cerca del leggendario tesoro One Piece e inseguendo il sogno di diventare il nuovo Re dei pirati

One Piece è adattato in una serie televisiva anime, prodotta da Toei Animation e trasmessa in Giappone su Fuji TV dal 20 ottobre 1999. L’edizione italiana è edita da Merak Film ed è andata in onda su Italia 1 dal 5 novembre 2001 per poi continuare su Italia 2 nel 2012; inizialmente intitolata All’arrembaggio!, la serie ha avuto diversi cambi di denominazione nel corso delle stagioni, fino ad assestarsi sull’originale One Piece. Toei Animation ha prodotto inoltre 11 special televisivi, 13 film anime, due cortometraggi 3D, un ONA e un OAV. Svariate compagnie ne hanno tratto merchandise di vario genere, come colonne sonore, videogiochi e giocattoli.

One Piece ha goduto di uno straordinario successo. Diversi volumi del manga hanno infranto record di vendite e di tiratura iniziale in Giappone. Con trecento milioni di copie in circolazione al 2014 l’opera è il manga ad avere venduto di più al mondo. Il 15 giugno 2015 è entrato inoltre nel Guinness dei primati come serie a fumetti disegnata da un singolo autore con il maggior numero di copie pubblicate: oltre 320 milioni.

Vai alla barra degli strumenti