Barbanera e l’Isola Tortuga – Scopriamo qualcosa in più

1912
barbanera
Articolo del 5 dicembre 2018

Hachinosu, nota per essere il paradiso dei pirati, situata nel nuovo mondo, è attualmente occupata da Barbanera e la sua ciurma di filibustieri

Presentata per la prima volta nel Cap. 925, questa piccola isola è caratterizzata da un enorme roccia a forma di teschio, modellato come se stesse indossando una bandana, ove al suo interno si cela la roccaforte in cui attualmente risiedono Barbanera & Co. 

Sebbene Barbanera ci riveli che essa è “il paradiso dei pirati, dove essi possono girovagare liberi e divertendosi”, l’isola a cui è ispirata era, a livello politico, strutturata in modo leggermente più complesso di così, ma nella cultura Pop in generale è sempre stata vista come il rifugio cliché di ogni pirata che si rispetti, nascosta agli occhi dei governi e delle istituzioni.

“you will never find a more wretched hive of scum and villainy” -cit. necessaria

Tale isola è inoltre descritta come “Beehive” ovvero alveare, probabilmente per indicare la dislocazione degli edifici, il frastuono generato dai migliaia di pirati che infestano tale luogo e il caos che ne deriva. Non è affatto difficoltoso comprendere che Oda abbia voluto omaggiare la famigerata Isola di Tortuga, rifugio principale per i pirati dei Caraibi durante tutto il diciassettesimo secolo; un nefasto luogo popolato da bucanieri dediti all’alcool, alle donne e al denaro.

L’Isla Tortuga è una delle piccole isole di Haiti, essa non era solo la mecca per eccellenza di ogni pirata, ma anche il porto franco in cui poter ingaggiare nuovi uomini per il proprio equipaggio, fare rifornimenti, trastullarsi (magari in compagnia di qualche cortigiana e un po’ di rum) e pianificare nuove incursioni atte a svaligiare altre navi cariche di tesori di ogni tipo. Sempre alla fine del XVII secolo, Henry Morgan, iniziò a invitare i pirati a radunarsi a Tortuga per essere ingaggiati sotto il suo vessillo, un po’ come sembra stia facendo il nostro Edward D. Teach, accerchiandosi di elementi formidabili e andando a caccia di Frutti del Diavolo sempre più micidiali.

Un’altra curiosità riguarda l’uscita del Cap. 925: Barbanera viene finalmente mostrato proprio a pochi giorni di distanza dal 300° anniversario della morte del VERO Barbanera, avvenuta il 22 Novembre del 1718, difficile non pensare sia un vero e proprio tributo piuttosto che una mera coincidenza o colpo di fortuna. Ci viene inoltre rivelata per la prima volta la taglia di uno dei 4 Imperatori e, tenendo conto che Barbanera è l’ultimo elemento subentrato e annoverato di tale titolo, Big Mom, Kaido e Shanks potrebbero avere taglie persino superiori (Edit: come abbiamo scoperto in seguito). 

Oltre ad essere interessante conoscere dove attualmente soggiornino dei pirati di tale caratura, è sempre meraviglioso vedere come Oda attinga sempre da luoghi, arte e letteratura realmente esistente, l’unico ancora latitante fino ad ora è quel mattacchione di Shanks, ma confido nel fatto che prima o poi sapremo qualcosa di più pure su di lui.

twitchAbbiamo aperto un canale Twitch, clicca qui per iscriverti!

One Piece è un manga scritto e disegnato da Eiichirō Oda, serializzato sulla rivista giapponese Weekly Shōnen Jump di Shūeisha dal 19 luglio 1997. La casa editrice ne raccoglie periodicamente i capitoli anche in volumi formato tankōbon, di cui il primo è stato pubblicato il 24 dicembre. L’edizione italiana è curata da Star Comics, che ne ha iniziato la pubblicazione in albi corrispondenti ai volumi giapponesi il 1º luglio 2001. La storia segue le avventure di Monkey D. Luffy, un ragazzo il cui corpo ha assunto le proprietà della gomma dopo aver inavvertitamente ingerito il frutto del diavolo Gomu Gomu. Raccogliendo attorno a sé una ciurma, Luffy esplora la Grand Line in cerca del leggendario tesoro One Piece e inseguendo il sogno di diventare il nuovo Re dei pirati

One Piece è adattato in una serie televisiva anime, prodotta da Toei Animation e trasmessa in Giappone su Fuji TV dal 20 ottobre 1999. L’edizione italiana è edita da Merak Film ed è andata in onda su Italia 1 dal 5 novembre 2001 per poi continuare su Italia 2 nel 2012; inizialmente intitolata All’arrembaggio!, la serie ha avuto diversi cambi di denominazione nel corso delle stagioni, fino ad assestarsi sull’originale One Piece. Toei Animation ha prodotto inoltre 11 special televisivi, 13 film anime, due cortometraggi 3D, un ONA e un OAV. Svariate compagnie ne hanno tratto merchandise di vario genere, come colonne sonore, videogiochi e giocattoli.

One Piece ha goduto di uno straordinario successo. Diversi volumi del manga hanno infranto record di vendite e di tiratura iniziale in Giappone. Con trecento milioni di copie in circolazione al 2014 l’opera è il manga ad avere venduto di più al mondo. Il 15 giugno 2015 è entrato inoltre nel Guinness dei primati come serie a fumetti disegnata da un singolo autore con il maggior numero di copie pubblicate: oltre 320 milioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here