One Piece 1067: analisi del Capitolo

10828

One Piece 1067: analisi e commento del Capitolo – Vegapunk, il sogno di Internet e la fuga da Egghead

One Piece 1067: analisi e commento del capitolo

In informatica, rete di elaboratori a estensione mondiale, mediante la quale le informazioni contenute in ciascun calcolatore possono essere messe a disposizione di altri utenti che possono accedere alla rete in qualsiasi località del mondo. Rappresenta uno dei più potenti mezzi di raccolta e diffusione dell’informazione su scala globale. (Definizione di “Internet” della Treccani)

Se solo potessi collegare tutto il mondo al mio cervello… tutta l’umanità potrebbe avere accesso alle mie conoscenze. E poi, se tutti gli abitanti del mondo continuassero ad aggiornare Punk Records… creerei un database di informazioni ben più vasto di quello che potrei realizzare da solo. (Vegapunk, Capitolo 1067 di One Piece)

Quasi tutti i personaggi che ci sono stati presentati in One Piece hanno un sogno, un obiettivo, qualcosa da raggiungere. Vegapunk non poteva essere da meno. Lo scopo dello scienziato è quello di costruire il più grande database di informazioni al mondo, disponibile a qualunque essere umano e aggiornabile da qualsiasi luogo. 

Si tratta di un sogno più che coerente per un uomo che ha trascorso la propria vita a immagazzinare dati, anche grazie al suo frutto del diavolo, il Nomi Nomi no mi che gli permette di avere una “memoria” illimitata e che porta il suo cervello a crescere sempre più.

MA ANDIAMO CON ORDINE

Salve a tutti, io sono Tosky e oggi analizzerò con voi e per voi il capitolo 1067 di One Piece. Vi invito come sempre a lasciare un segui alla mia pagina personale di Instagram per restare in contatto, ma anche per scrivermi in caso di dubbi, domande o idee. 

Venite a trovarmi anche su Instagram

Prima di cominciare devo parlarvi brevemente di un nuovo progetto. 

Io, il Re del Bike and Raft e Sommobuta abbiamo dato vita a un collettivo chiamato CROSS TALE WORKS

Chi ci segue con costanza, sa che noi tre collaboriamo da anni. Insieme siamo andati in Giappone da Shueisha, abbiamo fatto delle conferenze in giro per l’Italia e organizzato dirette come quella dell’intervista agli editor di Eiichiro Oda. Abbiamo un gruppo Whatsapp da quasi quattro anni in cui organizziamo tutti i nostri loschi piani. Unirci sotto un’unica bandiera è stata praticamente una conseguenza naturale (se volete seguirci, abbiamo creato la pagina Instagram CROSS TALE WORKS). 

Come primo atto della nostra collaborazione, abbiamo lanciato un NUOVO VIAGGIO IN GIAPPONE. Prima della pandemia, ogni anno ci recavamo verso il Paese del Sol Levante con il ONE PIECE TOUR. Dal 2023 ci ritorneremo, ma con un nuovo nome CROSS TALE WORKS JAPAN TOUR

Se volete venire in Giappone con noi, o comunque dare un’occhiata alle informazioni, cliccate qui.

I posti del tour che va dal 30 marzo al 9 aprile sono quasi esauriti, ma non temete ce ne sarà un altro a maggio. Presto lo annunceremo. 

 

 

“Si ok, Tosky… ora però torna a One Piece!”
“Agli ordini”. 

LA MINI-AVVENTURAone piece 1067

 

Due menti illuminate. 
Due grandi scienziati. 
Due persone che hanno dedicato la loro vita alla conoscenza. 
Due pezzi di merda (anche se Gastino è simpatico). 

Cosa potevamo aspettarci se non questo? Vi giuro, ne ero certo. Forse finirà a tarallucci e vino, del resto a Ceaser bastano black jack e squillo di lusso per calmarsi, ma il primo confronto non poteva essere diverso. Due grandissimi figli di buona donna che provano a prendersi a pugni. 

A prescindere da quello che accadrà, ripeto ciò che già dicevo la settimana scorsa: queste mini-avventure sono agli sgoccioli e la mia mente è già proiettata sulle prossime. 
A chi saranno dedicate? Avete qualche idea?

KAIDO E BIG MOM? Mi sembra improbabile, ma sarebbe bellissimo. 

PUNK RECORDS

Il buon vecchio Vegapunk ci dà alcune informazioni importanti. 

one piece 1067

Anche se è nato come un Genio, lo scienziato ha mangiato il frutto NOMI NOMI (Brain Brain) che gli permette di immagazzinare una quantità infinità di dati. L’effetto collaterale di quest’abilità, soprattutto se sei un’affamato di conoscenza, è che le dimensioni del tuo cervello continuano ad aumentare e la testa diventa enorme, rendendoti praticamente alto più di un gigante. 

Cos’ha fatto dunque il nostro Einstein di One Piece? La soluzione più ovvia: si è tagliato la testa. 

Ha estratto il suo cervello e si è collegato ad esso tramite un’antenna, la mela che ha sul capo. 

E’ venuto così a crearsi Punk Records, una sorta di memoria esterna a cui tutti i Punk hanno accesso e che continua a crescere giornalmente grazie alle loro ricerche. Le sue dimensioni al momento sono enormi, praticamente tutta la parte superiore dell’isola di Egghead è formata dal cervello di Vegapunk. 

Come dicevo anche all’inizio, i piani dello scienziato non si fermano qui, il suo sogno è quello di dar vita al più grande database di informazioni al mondo, a cui tutti gli esseri umani possono avere accesso. 

Un Internet nel mondo di One Piece. 

one piece 1067

I DUBBI DI JINBE

Jinbe: «Ma se permettessi a chiunque di condividere delle ideologia in conflitto tra loro, non si creerebbero dei problemi?”
Vegapunk: «Sei davvero acuto, Cavaliere del Mare! Ma la scienza non progredirà mai se continueremo a ragionare in questo modo!»

Una delle cose che più amo di One Piece è che Oda riesce nel giro di poche vignette a presentare alcuni dei problemi più importanti e attuali della nostra società. Magari non va ad affrontarli in maniere approfondita, del resto parliamo di un manga per ragazzi, ma fornisce comunque materiale di dibattito. In più non ci dà una sola versione della questione, ma due punti di vista differenti, quello di Jinbe e quello di Vegapunk. 

Non scherzo se dico che questi due baloon potrebbero farci discutere per giorni. Ovviamente non ho alcuna intenzione di appesantire quest’analisi con discorsi lunghissimi, ma voglio almeno accennarvi l’argomento.

Ciò a cui il nostro Sensei fa riferimento in quella vignetta è quello che accade sul Web. Jinbe pone una domanda legittima. Parafrasiamola: “Se tutti inseriscono informazioni, idee e contenuti tra loro diversi, non potrebbero venir fuori delle problematiche?”

La risposta è ASSOLUTAMENTE SI’ (come conferma anche Vegapunk). E si tratta di alcuni delle questioni che ci troviamo ad affrontare al giorno d’oggi in materia di comunicazione.

  • Chi può scrivere sul web?
  • Cosa si può scrivere?
  • Come riconosco le informazioni vere dalle Fake News?
  • Chi ha giurisdizione sul Web?
  • Fino a quanto si è liberi sul Web?

E si potrebbe andare avanti per molto…

Interessante è anche la risposta dello scienziato. 

“La scienza non progredirà mai se continueremo a ragionare in questo modo!”

Il progresso non è una cosa negativa. La tecnologia è neutrale, l’uomo poi sceglie se utilizzarla in modo positivo o negativo. 

Il suo ruolo in quanto scienziato è quello di studiare e far sì che il mondo faccia dei passi in avanti. In poche parole lui mette a disposizione di tutti la propria conoscenza, partendo dal presupposto che di base un avanzamento tecnologico porta più bonus che malus. 

Vegapunk sa perfettamente che qualcuno utilizzerà il suo sapere e le sue invenzioni per fare del male, ma ciò non è sufficiente a mettere fine alla sua voglia di fare ricerca. 

Dal punto di vista morale, lo scienziato è perfettamente conscio del dolore che ha causato, ma allo stesso tempo è “vittima” del proprio ruolo. Deve continuare, progredire, mettersi al servizio dell’umanità perché è quello il suo compito. 

one piece 1067

Lo vediamo anche con Bonney. Sa quello che le ha fatto, se ne rattrista, comprende i motivi che portano la ragazza ad odiarlo, ma allo stesso tempo non può rinnegare il suo lavoro. 

LA COSCIENZA DI ORSO?

Dopo che Bonney è svenuta a causa degli insetti, Vegapunk dice di doverle dare qualcosa. Di cosa si tratterà? 

one piece 1067

Ho da subito pensato che possa essere la coscienza di Orso Bartholomew. Possibile che lo scienziato l’abbia tenuta con sé con l’obiettivo in futuro di ristabilire l’ex sovrano di Sorbet? Del resto, il vecchietto pare essere un personaggio positivo, quindi non mi sorprenderei se fosse così. 

In più, come se non si fosse capito, tra le altre cose, questa saga è dedicata al rapporto padre-figlia tra Orso e Bonney, quindi mi aspetto che la loro situazione possa risolversi è alla fine possa esserci un lieto fine con l’ex Pacifista che ritorna alla normalità. 

Ma c’è anche un’altra possibilità, un po’ più malinconica. 

Bonney non è a conoscenza della scelta che ha portato il suo papino a rinunciare alla propria coscienza. Possibile che Vegapunk abbia conservato un messaggio da parte di Orso per sua figlia? Una lettera o un video, in cui le vengono spiegate le ragioni per cui ha deciso di “sacrificarsi”?. 

In questo modo avremmo chiara la situazione, ma senza un lieto fine. Io, che amo le situazioni tristi e malinconiche, preferirei questa seconda opzione. Ho la netta sensazione, però, che Oda opti per la prima. 

IL GIGANTE DI METALLO

200 anni prima della storia attuale, il Gigante di Metallo scalò la Red Line e attaccò Mary Geoise, ma prima di causare vittime la sua energia si esaurì. Non si sa quale fosse il suo scopo. 

one piece 1067

Ora, cazzo. Scusate, ma CAZZO. 

Come sempre, Eiichiro Oda ci dà delle risposte, prosegue con la storia, ma fa nascere nuove domande. 

  • Se questo Robot è stato costruito 900 anni fa, come ha fatto a risvegliarsi improvvisamente 200 anni fa?
  • Qual era il suo obiettivo?
  • Qualcuno lo ha risvegliato? E se sì, chi?
  • Quale energia lo alimentava? Il tutto è legato al discorso che Lilith faceva qualche capitolo fa? Quello in cui si parlava dell’impossibilità di ricreare un sole?
  • Perché quest’evento pare essere legato agli Uomini Pesce?

Che confusione, Dio mio. 

Ciò che è più assurdo, è che Oda praticamente portando alla vita sempre più eventi. Seguitemi un attimo. 

Quando è cominciato One Piece, avevamo due linee temporali: quella del presente, e quella della morte di Roger. Si trattava dei due periodi in cui era accaduto un qualcosa di importante per la storia. Oggi, dopo ben 1067 capitoli, la situazione è cambiata. 

Ecco le linee temporali che conosciamo (quelle che possiamo ritenere fondamentali): 

  • 800 anni fa (Secolo Buio)
  • 400 anni fa (Noland e Calgara)
  • 200 anni fa (Attacco del Gigante – Gli Uomini Pesce vengono ammessi al Reverie)
  • 38 anni fa: (God Valley)
  • 24 anni fa (Morte di Roger)
  • Oggi (avventura di Luffy)

E in questa lista non inseriamo tutti i piccoli riferimenti fatti da Oda nel tempo, diciamo che sono le principali. Il Mondo di One Piece si arricchisce sempre di più ed è incredibile come stia diventando complicato ricordarsi tutti gli eventi del passato, c’è quasi bisogno di un manuale, quasi come se stessimo studiando la nostra di storia. Assurdo. 

Ma ritorniamo a quanto accaduto 200 anni fa. 

one piece 1067

Nel capitolo 620, durante la saga degli Uomini Pesce, Hacchan ci racconta qualcosa di importante: «200 anni fa, i tritoni e gli uomini pesce si separarono dai pesci… 200 anni fa, il regno Ryuuguu divenne ufficialmente una nazione membro del Governo Mondiale. Sviluppammo un’amicizia con gli umani… al Re fu anche permesso di partecipare al Reverie, ma gli umani continuarono ad odiare la nostra razza». 

Praticamente per secoli, gli Uomini Pesce erano considerati semplicemente dei pesci, degli animali. Poi, 200 anni fa, deve esserci stato UN EVENTO che ha spinto gli esseri umani a riconoscerli come loro pari, tanto da inserire il loro Regno nel Governo Mondiale e dare la possibilità al Re di partecipare al Reverie (questo riconoscimento, ovviamente, non ha messo fine agli atti discriminatori nei loro confronti). 

E se quest’evento di cui parlavamo fosse proprio l’attacco del Gigante a Mary Geoise? Magari i Draghi Celesti, o chi per loro, si sono spaventati così tanto, hanno temuto per un ritorno del Regno Antico o per eventuali ripercussioni future, e si sono visti costretti a riconoscere agli Uomini Pesce almeno un minimo di dignità?

Come tutti voi, non vedo l’ora di saperne di più.

LA FONTE DI ENERGIA

Prima di andare avanti, vi butto lì una teoria, forse una cazzata, ma ve la racconto lo stesso. 

Su parlavamo del discordo di Lilith di qualche capitolo fa su una fonte di energia legata al sole, una sorta di Sole Eterno. Ora, noi sappiamo che Luffy è divenuto Nika, il Dio del Sole, colui che porta il sorriso, ma anche libertà agli schiavi. 

nika barbanera one piece capitolo 1064

E se, in un qualche modo, in passato – durante i 100 anni di vuoto – il vecchio Nika (Joy Boy) fosse riuscito a ricreare una sorta di Sole, una fonte di energia inesauribile? 

Magari grazie al Dio del Sole, il Regno Antico riuscì a divenire un luogo così avanzato tecnologicamente da non aver bisogno di schiavi, dove tutti potessero vivere in libertà servendosi di quell’energia. 

Nika portava sorriso e libertà perché grazie al suo Sole aveva liberato quel regno dalla schiavitù?

LA SAGA DEI RIVOLUZIONARI

E giungiamo alla parte finale di quest’analisi. Nell’ultima pagina del Capitolo, la scena si sposta su Kamabakka. Vediamo improvvisamente Orso Bartholomew alzarsi e iniziare a correre per dirigersi in chissà  

Per quanto mi riguarda, visto il probabile scontro con il CP0, l’ex flottaro si sta dirigendo verso Egghead. In qualche modo, deve essersi attivato dentro di sé un qualche sensore legato a Punk Records che lo avvisa del pericolo. C’è troppa contemporaneità tra le due situazioni per pensare che possa trattarsi di altro, mi sembra proprio scontata come soluzione. 

Ciò che è certo comunque, è che ci stiamo avvicinando sempre più alla Saga dei Rivoluzionari. Se ci pensate, Dragon è sempre apparso pochissimo in One Piece. Quando ce lo trovavamo davanti, era sempre un grande evento. Negli ultimi capitoli, invece, la sua presenza è divenuta una costante, un po’ come se anche lui fosse tra i protagonisti di questo arco narrativo. 

Sono certo che il prossimo passo di Oda sia quello di far incontrare Padre e Figlio, magari ad Elbaf (Potrebbero darsi appuntamento lì)

Tra l’altro, Vegapunk ha chiesto a Luffy di portarlo via da Egghead.

one piece 1067

Possibile che voglia farsi accompagnare dal Capo dei Rivoluzionari? In fin dei conti, per il nostro caro Einstein ci sono soltanto due soluzioni: o viene ucciso dal Governo oppure si schiera finalmente dalla parte di Dragon. 

Per lui, non c’è futuro con i “cattivi”. 

Le ultime settimane di One Piece sono state molto movimentate con tanti capitoli degni di nota che ci hanno portato a discutere un bel po’. Il nostro caro Sensei merita una piccola pausa. Non so cosa accadrà tra due settimane, ma sono certo arriverà ancora una volta qualcosa di grosso. 

Egghead è davvero una bella saga. 

Grazie mille per aver letto, 

– Tosky

PS:  Sì, il frutto di Momo è difettoso perché rosa. Sono morto dal ridere. Scelta magnifica, del resto i geni sono davvero dei perfezionisti. 

one piece 1067

Lascia un commento