One Piece Capitolo 1020 – L’Omelia del Reverendo

9082

IL MILLE

VENTI

 

[guerra tra falliti, non mi interessa]

 

F R A T E L L I!

Io sto soffrendo.

Sono le otto di sera e fanno 35 gradi.

34 in questo momento.

Ho il ventilatore puntato e nonostante ciò mi suda pure il sottopalla.

Gesù Cristo.

Ho bisogno di più vento, non riesco a scrivere con queste mani sudate che sbattono sulla tastiera di plastica.

Devo trovare una soluzione.

Di nuovo 35.

Immaginate se nel nostro mondo esistessero persone con le ali.

Sì, delle ali

Capaci di creare grandi tempeste.

Magari sbattendo le loro ali sarebbero in grado di spostare i venti. E quindi allontanare quelli caldi e avvicinare quelli freddi.

Chissà come sarebbe la nostra società se esistessero persone del genere.

Sono convinto che i libri di storia di questa distopia racconterebbero di conflitti tra nazioni con le ali che avanzavano pretese verso quelli senza ali.

GUERRA

Magari il colore della pelle non avrebbe creato nessun conflitto. Solo le ali.

Le persone hanno bisogno di combattere contro qualcosa perché attraverso il rifiuto di una razza, di un gruppo con caratteristiche fisiche diverse dalle proprie, si identifica se stessi.

Utilizzo “l’altro”, lo straniero per capire chi sono io.

L’uomo ha talmente tanta paura di omologarsi e diventare l’ennesima goccia nell’oceano, che decide di separare, di creare confini, in modo da attaccare l’altro.

Ecco perché gli adolescenti hanno bisogno del conflitto con i genitori, perché grazie ad esso riescono a separarsi da loro. A creare un muro. Nella loro “stanza” c’è la loro identità che è diversa da quella degli altri.

L’altro gli è utile.

Se io ho le ali e attacco un gruppo di “senz’ali”, sto rafforzando il mio gruppo “ali-munito” che aumenta di cameratismo interno

E definisco me stesso

“CHI SONO IO?”

“Non lo so ma sicuramente non sono loro”.

Io sono io.

E voi non siete un cazzo.

BENVENUTI A TUTTI

Io sono il Reverendo e oggi parliamo di questo fantastico capitolo di transizione al limite tra l’ammosciamento di palle e il relativamente simpatico.

Prima di iniziare vi ricordo che siamo su Twitch, il nostro canale si chiama Tosky_And_Rev

Facciamo live (quasi) tutti i giorni ora che è estate.

A Settembre inizieremo con nuovi format e dei cazzi giganti da farci le battaglie con le spade laser.

Se avete letto qualche manga hentai con Nico Robin e Black Maria, non esitate a mandarmi un messaggio privato. Sarò sempre felice di rispondere a voi, anime così gentili.

Direi di cominciare, il capitolo è fiacco e io devo riempire con le stronzate.

Il solito…

Signori, dopo due settimane…

SI VA!

IL FRUTTO DI YAMATO

Ooguchi no Makami

Si tratta della divinizzazione di un animale ormai estinto. Quindi tecnicamente è il frutto mitologico di un ancestrale.

Sarà per questo motivo che Kaido lo bramava così tanto?

ATTENZIONE!!!

No, ragazzi. No.

Sto scherzando.

È una Teoria D. Merda

O forse no?

34 gradi.

“Tutto ciò che devi fare è diventare shogun al posto di Orochi”

Lo sapevamo già.

Kaido vuole sostituire Orochi con sua figlia in modo da poterla manipolare. E chi mi dice che quando non le servirà più, ucciderà Yamato esattamente come ha provato a fare con lui?

Altre mazzate riempitive che potete leggervi da soli, alcune inquadrature carine e poi colpo esplosivo

BOOM!!

Il colpo di Yamato è fatto di ghiaccio. Quello di Kaido è fatto di fuoco.

I combattimenti in One Piece non sono mai soltanto fisici ma anche ideologici.

E Oda ADORA inserire concetti dicotomici e speculari.

Di una danza fatta di opposti che si respingono. Lo fa vedere anche graficamente

SOPRATTUTTO GRAFICAMENTE

Magma (fuoco) e ghiaccio che si scontrano a Punk Hazard

Gomma ed elettricità

Il samurai (Zoro) e l’assassino (Mr. One)

Barbabianca vs Barbanera a Marineford

INFATTI…

L’esplosione genera questa forma

YIN E YANG

Li vedete?

36 Gradi

Andiamo avanti

BLACK MARIA vs NICO ROBIN

È la parte centrale del capitolo, quella che dura di più.

Ragazzi, voi lo sapete, io esagero sempre perché il mio scopo primario è intrattenervi, farvi passare un bel quarto d’ora in mia compagnia.

Ma stavolta voglio essere serio, poi torno a dire scemenze.

SAPEVO CHE SAREBBE ANDATA COSÌ

Mi spiego: questo capitolo è un po’ fiacco. Non succede un cazzo per tutto il tempo.

Non è una critica negativa ma neutra.

Non c’è nulla di interessante.

Cosa ci ricorderemo una volta eliminati tutti i Tobiroppo?

Poco e niente.

E Black Maria non fa eccezione.

Anche Nico Robin mi annoia quando combatte.

Sì ragazzi, l’ho detto.

Non è che Nico Robin è incriticabile solo perché è il mio personaggio preferito.

Io la adoro, ormai lo sapete, ma gli scontri non sono il suo forte. Lei non dà il meglio di sé in questi contesti ma quando c’è da approfondire la storia, la roba davvero grossa.

Potremmo quasi definirla l’anti-Zoro.

Un personaggio, questo, in grado di sfoderare il suo massimo carisma unicamente durante lo scontro.

Zoro può essere l’ala destra del battleboarding ingnorante.

Abbiamo avuto un piccolo accenno sul tetto quando ha sbloccato il Re Conquistatore, ora farà un combattimento eccezionale con lui…

Non voglio dirlo…

Non lo dirò…

No ragazzi, non insistete.

Insieme a Sanji-Queen ovviamente. Escluso rabber e Big Mom, sono i due combattimenti che desidero vedere di più.

E me ne frega poco di Black Maria.

Anche perché so che Oda non può disegnare scene di nudo. È tutto censurato, accennato, coperto.

Uno scontro con loro due che si strappano i vestiti è impossibile.

Magari riprendendo lo scontro da inquadrature ambiziose… dal basso, da vicino, con dettaglio sul capezzolo, con un calcio che fa allargare le gambe. Dettaglio sulla fre… lo scontro andrà avanti almeno per un altro capitolo.

Evidentemente Black Maria merita più spazio

Ma in realtà è Nico Robin a fare tutto il lavoro

A meritare più spazio.

Si scende a 35 gradi

ROBIN NON SI FA FREGARE

Appaiono sua madre, il suo mentore e il suo amico.

Brook pensa che si sia fatta infinocchiare, ma Robin con nonchalance dimostra di avere buon gusto quando entra in scena

Se fosse caduta nella trappola, in questo momento tutti voi avreste storto il naso per l’incoerenza del personaggio.

E io sarei stato d’accordo.

Considerando Nico Robin una delle persone più intelligenti del pianeta, non è possibile che potesse essere ingannata così.

CHI SONO I TRE STRONZI CHE SCONFIGGE ROBIN?

Uno dei Numbers. E ce lo siamo tolti dal cazzo. Oda avrà fatto due calcoli pensando che ad Usopp servirebbero solo un paio ma sono vivi molti di più. Ancora.

Troppi.

MASSÌ, INSERIAMOLO IN UNO SCONTRO

E facciamolo “morire” a caso.

Ottimo lavoro di sceneggiatura.

Poi la Nure Onna e Tenjo Kudari

Sono entrambi degli yokai, spiriti potenti che vi invochiamo, vegliate su noi che stanotte balliamo.

Popolano il pantheon mitologico e folkloristico nipponico.

La Nure Onna è una specie di serpente con la faccia umana. Quasi sempre si tratta di un volto femminile

Il Tenjo Kudari ha fattezze simili. Un serpente ma diverso da quello di prima. La stranezza più interessante del Tenjo Kudari è che riesce ad entrare nelle case passando dagli spifferi. Qualsiasi fessura va benissimo.

È lo yokai perfetto per far addormentare i bambini

“Amore di mamma, dormi sennò chiamo il Tenjo Kudari che passa sotto la porta e ti mangia. Dai, per favore, addormentati, che sono due settimane che non riesco a scopare con tuo padre perché rompi sempre i coglioni che non riesci a dormire porcod*io perché senti sempre rumori dalla finestra”.

EDIT: faccio un’aggiunta perché alcuni me l’hanno chiesto nei commenti e in privato su Telegram.

COME FANNO QUESTE TRE STRONZE A CONOSCERE IL PASSATO DI NICO ROBIN

A tal punto da trasformarsi in loro?

Ovviamente si tratta di illusioni. E non è la prima volta che capita a Wano.

Capitolo 919. La maestra di una scuola elementare ha le fattezze simili a un serpente (come i tre stronzi di prima). Guardate cosa fa ai bambini:

Nella terza tavola si vede un fumo nero e loro con gli occhi illuminati.

E’ un’illusione della maestra che fa di tutto per indottrinare i ragazzi.

Quindi non sarebbe strano se le tre stronze di prima avessero attinto dai ricordi di Nico Robin e avessero scoperto che Clover, Olvia e Sauro sono state importanti per lei, trasformandosi in loro.

BROOK FA UN DISCORSO INTERESSANTE

Lui è immune alle illusioni di Black Maria perché per anni ha vissuto su una nave fantasma in piena solitudine.

E quando sei solo per così tanto tempo, inizi a crearti degli spettri che ti danno l’illusione di stare con qualcuno.

[capitolo 488 – flashback di Brook]
In questo scontro, le due fregne si tirano addosso colpi di cliché potentissimi.

Nico Robin non fa altro che scappare da Black Maria.

Poi però dice una cosa che non doveva dire

Prende in giro Sanji

Non avresti dovuto. È. Stato. Un errore.

L’archeologa si incazza e tira fuori gli artigli

Brook capisce subito che Robin ha voglia di essere la parte attiva in questa scopata e quindi vuole buttarglielo a Black Maria.

Carina questa complicità tra i due. Dopo la frase di prima, sembra che il loro rapporto si sia evoluto.

Lo scheletro comprende che deve farsi da parte, la Black Maria ha bisogno di essere punita.

Esattamente come disse Usopp quando sentì qualcuno prendere in giro il suo capitano, Nico Robin non può permettere che davanti a lei si derida un suo amico.

Brook si occuperà delle merdine lasciando spazio a loro due. Comprendiamo che almeno per ora il nostro musicista dovrà fungere da “aiutante”, da supporto per uno scontro più importante.

Per poi magari staccarsi da Robin quando avrà sconfitto Black Maria e occuparsi di…

APOO?

Rimane la suggestione più interessante. O magari non farà più un cazzo fino alla fine di Wano.

E si limiterà al supporto di contorno tipico dei personaggi che non hanno più spazio nella battaglia e Oda li mette nello sgabuzzino.

LE ALI

AAAAAAAAAH!!!

«Ma quindi Reverendo, ne parlerai? Tutta quella menata iniziale sulla metafora delle “ali-munite” che combattono i “senz’ali”… tutta questa voglia di sentirsi superiore… le guerre “tra falliti” non ti interessano e poi le sfrutti per farti bello. Vergogna».

E c’avete ragione.

Vi prometto che sarò brevissimo.

Nico Robin parla di come Sanji sia una delle ali del Re dei Pirati.

L’altra semplicemente è Zoro.

Due facce della stessa medaglia che insieme possono dare un enorme supporto al capitano.

È impossibile che una come Robin dia più importanza ad uno anziché l’altro.

Lei è una donna intelligente, non è mica scema come i sanjisti e gli zoriani.

Questi due personaggi continueranno a danzare tra di loro perché sono splendidi nel loro conflitto, splendidi nel loro amore profondo per il capitano, splendidi perché continuano a generare gag e meme.

Una danza eterna

Il cambio di scena fa presagire che lo scontro non è finito qui.

Continuerà per almeno un altro capitolo prima di concludersi.

CHI MANCA ALL’APPELLO?

Quali scontri dobbiamo vedere prima di considerare chiusi quelli secondari e focalizzarci su quelli più importanti?

Partiamo dal presupposto che i combattimenti che meritano la nostra attenzione sono quattro.

In ordine di importanza:

4. Sanji vs Queen;

3. ZOROKING;

2. Big Mom vs Trafalgar Kid;

1. Rufy vs Kaido.

BONUS. Marco vs ???

Mentre le altre merdacce rimaste di cui non ce ne frega un cazzo sono (in ordine sparso):

– Usopp vs Numbers (?);

– Nico Robin vs Black Maria;

– Nekomamushi vs Perospero;

– Inuarashi vs Jack;

– Chopper vs Dignità;

– Hawkins vs Killer;

– Orochi vs Hiyori Ener (?) anche se potrebbe essere interessante…;

– Raizo vs Fukurokuju;

– Brook vs Apoo (?) anche se potrebbe essere interessante… forse.

E sono finiti. Manca Drake all’appello ma sticazzi.

TAVOLA FINALE

RABBER È SVEGLIO

Non l’avrei mai detto. Indica il luogo in cui diventerà più forte

Ma prima di parlare di lui…

CARIBOU

Credetemi, l’apparizione di questo personaggio è forse (togliamo il “forse”) la cosa più interessante di questo capitolo.

Non esagero.

Sto tizio conosce il segreto dell’arma ancestrale Poseidon.

Con un’informazione del genere, Oda lo ha reso automaticamente un personaggio importantissimo per la trama futura.

E gli ha dato un enorme potere.

Considerando l’ambiguità di Caribou, come sfrutterà la situazione? Farà lo stronzo come fece col fratello? Lo abbandonerà nonostante lo avesse salvato?

Quale sarà la sua prossima mossa?

Io ho paura di una cosa.

Che Oda possa addolcirlo relegandolo a macchietta caricaturale. Mi spiego meglio: ho paura che si crei un hype attorno a questo personaggio (hype che il Maestro stesso ha generato) per poi concluderla a tarallucci e vino con qualche battuta, gag, Caribou che dice:

“Ehy Luffy, io conosco il segreto di Pos…”

BAM! Pugno sui denti dal capitano

Bernoccolo

Risate

Fine.

Gag riuscita ma sarebbe uno spreco.

Magari mi sbaglio, ci mancherebbe, ma mi piacerebbe più spazio per questo personaggio.

E lo voglio cattivo, stronzo, viscido, un personaggio tragico che si aggrappa a qualsiasi cosa pur di sopravvivere.

Non voglio un altro rabberizzato che non mangia il pane.

Anche se ci sono stati momenti di bontà, quindi Oda può giocarsela in questo modo…

Magari facendolo diventare più buono e perché no, partire per un breve tratto insieme alla ciurma dopo Wano. Per poi essere lasciato chissà dove.

Le opzioni su Caribou sono molte e (quasi) tutte valide.

Vedremo.

Intanto vi aggiorno.

Sono le dieci e mezza, devo sbrigarmi a correggere i refusi e scriverlo sul sito che a mezzanotte la leggo con i ragazzi.

In questo momento sto parlando a te, rev del futuro che stai leggendo su Discord.

Saluta tutti i ragazzi che ti stanno ascoltando e digli che gli vuoi un mondo di bene.

È grazie a loro se esisti tu, non dimenticarlo mai.

Sarà il ricordo più bello che conserverai dentro di te quando un giorno finirà tutto.

E ti verranno in mente le Live, le litigate, le scopate, le nottate a scrivere cagate.

Le amicizie.

Dai, adesso vado che devo ancora cucinare per domani.

No, non mi sto strofinando gli occhi per le lacrime. Non sto piangendo. È il ventilatore che mi asciuga gli occhi e io devo sempre toccarmeli. Non sto piangendo.

Dannato caldo…

2 commenti su “One Piece Capitolo 1020 – L’Omelia del Reverendo”

  1. Salve Reverendo, sempre un piacere leggerti!
    Effettivamente questo ero un capitolo di transizione.
    Non molto da dire e commentare, ma necessario per passare avanti.
    Ed il caldo non scherza nemmeno qui, anche se venerdì è stata la vera giornata infuocata!!!

    Rispondi

Lascia un commento