Personaggi anime con i più belli alter ego

559

Per ogni famoso eroe, ne esiste uno che opera nell’ombra, forzato a celare la propria identità dietro ad un alter ego

Gli anime sono pieni zeppi di impetuosi supereroi, molti di loro molto popolari nelle loro rispettive serie. Tuttavia, per ogni famoso eroe, ne esiste uno che opera nell’ombra, forzato a celare la propria identità dietro ad un alter ego. Questi spesso diventano molto più che un semplice modo per rimanere anonimi, e diventando il simbolo del loro impatto sulle persone intorno ad essi. Ecco quelli che hanno avuto più impatto.

10/10 – All Might

La narrazione di My Hero Academia ruota intorno al lavoro di eroe professionista, per cui gli alter ego sono molto comuni in tutta la serie. Ma nessun personaggio può eguagliare il lascito dell’eterno Number One Hero, All Might.

Per la maggior parte della serie All Might mantiene segreti nome, Toshinori Yagi, e volto al pubblico. Tuttavia, dopo che la sua identità è stata rivelata, i suoi caratteristici colori rosso, bianco e blu rimangono un simbolo della causa degli eroi.

9/10 – Jackie Chun

Molto prima che Goku raggiungesse il suo stadio di Super Saiyan, il suo obiettivo era quello di vincere il Torneo Mondiale di Arti Marziali. Durante la saga del Torneo nella prima serie, il giovane saiyan ne prende finalmente parte. Ma sfortunatamente per lui, anche il Maestro Muten (o Genio delle Tartarughe) ha preso parte al torneo sotto il nome di Jackie Chun, chiaro riferimento al vero Jackie Chan.

Sotto questo divertente soprannome, il Maestro Muten si fa strada nel torneo, arrivando a scontrarsi in finale con Goku. Dopo una dura battaglia, il Maestro sconfigge il suo pupillo, impartendogli un’importante lezione sul bisogno di miglioramento costante.

8/10 – Zero

Code Geass mantiene ancora il suo rispetto 15 anni dopo la sua uscita, grazie alla presenza del suo avvincente protagonista, Lelouch Lamperouge. Lelouch è un principe esiliato dell’Impero di Britannia, mandato a crescere in Giappone mentre il suo impero opprimeva il suo popolo.

Nel tentativo di usurpare la morsa dell’impero sul Giappone, il protagonista veste il mascherato alter ego Zero. In veste di Zero, Lelouch guida la resistenza dei Cavalieri Neri, utilizzando il suo mistico e sovrannaturale potere, Geass, per raggiungere i suoi obiettivi.

7/10 – Sailor Moon

Gli anime sulle ragazze magiche tendono spesso ad utilizzare il trend degli alter ego grazie al successo planetario di Sailor Moon. Dopo aver stretto amicizia con un magico gatto nero, la protagonista Usagi Tsukino risveglia i suoi poteri, trasformandosi nell’eroina conosciuta con il nome di Sailor Moon.

Con l’aiuto del resto delle Guerriere Sailor, Sailor Moon combatte contro diverse forze del male che minacciano il suo pianeta. Le loro uniforme scolastiche hanno mantenuto il loro charm per diverse generazioni, facendole facilmente posizionare tra i più conosciuti alter ego della storia degli anime.

6/10 – Great Saiyaman

Il panorama di Dragon Ball Z appare molto diverso dopo la sconfitta di Cell all’inizio della serie. Dopo alcuni anni, mentre Goku è ancora morto, Gohan rimane il più forte dei Guerrieri Z, e la Terra non ha dovuto affrontare serie minacce.

Nonostante ciò, lui si è tenuto impegnato operando come Great Saiyaman, un supereroe cittadino che aiuta le persone della Terra. La sua buffa posa e voce squillante da supereroe sono ciò che lo rende amato insieme al sottovalutato design del suo costume.

5/10 – Mantello Pelato

Il mondo degli anime è saturo di contenuti incentrati sui supereroi, ma nonostante ciò One-Punch Man non trova difficoltà nel differenziarsi dalla massa. Il protagonista, Saitama, ed il suo alterego, Mantello Pelato, servono come perfetta espressione del tono satirico della serie.

Su qualsiasi altro personaggio, la tuta gialla di Saitama risulterebbe ridicola. Tuttavia, grazie al suo comportamento distaccato e alla sua potenza impressionante, calza in qualche modo a pennello col resto della sua estetica.

4/10 – Kirito

Come i fan di Sword Art Online sanno, i nickname sono una caratteristica comune nella maggior parte delle piattaforme di gioco. Nel caso di SAO, il protagonista Kirigaya Kazuto, decide di chiamarsi Kirito.

Kirigaya è un gamer esperto, perciò le sue abilità da Kirito sono incredibili. Ha salvato innumerevoli vite nel corso della serie principale e dei vari spin-off, portando a far conoscere il suo nome a chiunque nel processo.

3/10 – Sogeking

Usopp porta tanti momenti di leggerezza nel corso di One Piece, ma durante la saga di Water 7, la sua storia prende un tono più oscuro. Lui ed il suo capitano, Rufy, entrano in conflitto riguardo il destino della loro nave, la Going Merry, che porta il cecchino ad abbandonare la ciurma.

Ma per via della connesione di Usopp con i suoi amici, non riesce a stargli lontano per molto, portandolo ad aiutarli sotto la veste di Sogeking, il Re dei Cecchini. Mentre combatteva il Governo Mondiale sotto questo maschera, Usopp riflette sul suo ruolo nella ciurma e alla fine riesce a trovare un modo per tornare ad esser nuovamente parte della ciurma.

2/10 – Cavaliere Blu

Nella serie Tokyo Mew  Mew, il Giappone deve affrontare una minaccia aliena chiamata Chimeri, una razza aliena parassita che infetta gli animali e li trasforma in mostri pericolosi. La protagonista , Strawberry Momomiya, combatte contro queste forze e in molte occasioni viene salvata da un potente personaggio conosciuto come Cavaliere Blu.

Questo cavaliere ha dei capelli biondi e delle orecchie a punta, che lo aiutano a nascondere la sua identità, Mark Aoyama, di cui Strawberry è innamorata. Nonostante i due siano all’oscuro dell’esistenza dell’altro, il Cavaliere Blu ha manifestato i sentimenti di Mark per la protagonista.

1/10 – Kira

Il protagonista di Death Note, Light Yagami, riceve un potente strumento quando trova il Death Note, un diario capace di uccidere chiunque il cui nome vi venga scritto sopra. Tuttavia, per continuare ad usarlo a suo piacimento, Light ha dovuto nascondere la sua identità, mettendo in atto le sue atroci azioni nascosto nelle ombre più profonde.

Come risultato delle sue azioni, il mondo ha cominciato a chiamarlo Kira, un nuovo misterioso Dio. Nonostante il suo status in quanto alter ego sia discutibile, il fatto che Light si nasconde dietro la sua etichetta e manipola la sua immagine separata dalla sua è più che abbastanza per qualificarlo come tale.

Articolo tradotto dal web: fonte.

Lascia un commento