SUN TZU RIVELA CHI E’ IL VICE CAPITANO DEI MUGIWARA!

3439
vice capitano

Sun Tzu, il generale e filosofo cinese vissuto tra il 544 e 496 a.C., rivela nel suo trattato di strategia militare “L’arte della guerra”, ritenuto il più importante trattato sul tema di tutti i tempi, chi è (o almeno chi ha le capacità per esser ritenuto tale) il vice capitano della ciurma dei Mugiwara!

Leggi anche: Il vero Vicecapitano

Siete pronti a parlare delle capacità di un vice capitano? E allora…
BIANCHI! NERI! ASIATICI! RIUNITEVI TUTTI AL COSPETTO DEL PANDA!!!

Il testo “L’arte della Guerra” non è un’opera letteraria ma bensì un vero e proprio manuale militare che contiene le regole per condurre una guerra vittoriosa: non solo un trattato di tattiche e strategie, ma anche una lezione di vita su come devono comportarsi i guerrieri e i capitani…

Il testo ha percorso i secoli ed i millenni divenendo un libro sempre attuale: ha infatti esercitato una fortissima ed ininterrotta influenza sulla strategia militare dell’Esercito degli USA, che lo ha incluso fra le opere che devono esser presenti nelle biblioteche delle singole unità per la formazione del personale. Addirittura oggi viene utilizzato in campo manageriale, su cui si attingono i modelli comportamentali da adottare nelle situazione competitive.

Ma torniamo alla questione che a noi tutti più appassiona: “chi è il vice capitano?”

Analizziamo un passo del capitolo “JI – Valutazioni di base”:

[…]
Il primo punto viene chiamato “Dao” (ndt. “via”/ “principio” / “modo” ); il secondo “Cielo”; il terzo “Terra”; il quarto “Comando”; il quinto “Regola”.
“Dao” significa fa sì che il popolo e i superiori abbiano i medesimi intenti, e che il popolo non tema il pericolo sia davanti alla morte che davanti alla vita.
“Cielo” indica l’alternanza di yin e yang, il freddo e la calura, e la regola delle stagioni.
“Terra” indica lontananza e vicinanza, difficoltà e facilità di movimento, spazi aperti e angusti, possibilità di morte o sopravvivenza.
“Comando” indica la virtù dei superiori: conoscenza, sincerità, umanità, coraggio e severità.
“Regola” indica organizzazione, assegnazione dei ruoli e dei gradi gerarchici, vie di approvvigionamento e gestione logistica.
Non c’è comandante che non abbia sentito parlare di questi cinque punti.
Chi li avrà bene assimilati risulterà vittorioso, e chi li ignorerà non potrà vincere.
[…]

Dao… chi è il Mugiwara che fa sempre in modo di assicurare ai cittadini/prigionieri/gruppo di turno non preoccuparsi, e li aiuta portandoli sempre dalla sua parte?

Cielo… chi è il Mugiwara che riesce ad entrare ed uscire repentinamente (nel giro di una vignetta) da uno stato d’animo freddo e calcolatore ad uno caldo e sconsiderato?

Terra… chi è il Mugiwara che riesce in pochi secondi ad esser vicino e lontano? Che riesce a combattere in qualsiasi luogo, anche con impedimenti del movimento?

Comando… chi è il Mugiwara con il giusto bilanciamento di cultura, sincerità, umanità, coraggio e severità?

Regola… chi è il Mugiwara che riesce sempre a compiere “operazioni segrete secondarie” che servono a stabilire l’ordine? E chi è colui che si occupa dell’approvvigionamento e della sua gestione logistica?

L’unico Mugiwara che incarna i 5 punti è lui: Sanji!

Ora… non sto dicendo che Sanji è il vice capitano, ma è colui che più ne incarna le fattezze, e forse per questo che Oda lo ha un po’ frenato “in campo di potenza fisica” nel post time-skip…

E allora chi è il vero vice capitano?
Ne parleremo molto presto con una gran bella analisi…

Il vostro
Panda Studio

2 Commenti

  1. Mi attengo a quello che disse Bartolomeo stesso durante Dressrosa, che ricordiamo essere il più grande esperto riguardo ai Mugiwara all’interno della serie: “Roronoa Zoro, l’uomo considerato vicecapitano che sostiene la ciurma in quanto mano destra di Luffy!”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here