Jujutsu Kaisen 203: le anticipazioni del capitolo

393

Jujutsu Kaisen 203: le anticipazioni del nuovo capitolo del manga di Gege Akutami, pubblicato settimanalmente sulla rivista Weekly Shonen Jump

Jujutsu Kaisen 203


Se ti piacciono i nostri articoli, offrici un caffé


Titolo: Sangue ed olio parte 2

Choso dice a Yuki di voler affrontare Kenjaku da solo, lei risponde che morirà, ma secondo Choso in un 2 contro 1 c’è il rischio di intralciarsi a vicenda. E’ meglio che forzi Kenjaku a rivelare alcune delle sue abilità e magari anche utilizzare un Dominio, cosicché Yuki possa affrontarlo con qualche nozione in più e senza che lui possa utilizzare per un po’ la sua tecnica. A Choso sta bene morire, in quanto è per il bene dei suoi fratelli e di sua madre.

Choso chiede a Kenjaku cos’ha in mente per Yuji, dato che non è stato abbandonato come sono stati abbandonati gli altri Uteri Maledetti. Kenjaku risponde che “quello” (Yuji) non ha propriamente un ruolo, dato che è solo un contenitore per Sukuna. Il ritorno di Sukuna mette tutto in moto e fin quando lui esiste, l’era delle maledizioni non avrà fine, poiché Sukuna è l’occhio del ciclone. Choso si arrabbia e grida che è Kenjaku è la colpa di tutto ciò, non Yuji, e lo attacca.

L’attacco non va a segno, e Kenjaku spiega che la tecnica di Geto ha la potenza di un esercito, ed è questo ciò che significa essere un Grado Speciale: avere la forza di sovrastare un paese. Kenjaku continua ad usare solo maledizioni di basso livello, limitandosi solo alla tecnica di Geto.

Kenjaku blocca Choso dai piedi con delle maledizioni, per colpirlo. Poi gli dice che tra tutti gli Uteri Maledetti lui è stata la sua delusione più grande, dato che aveva le aspettative più alte per lui.

Choso ha un monologo interno sul suo fallimento in quanto fratello maggiore. Tengen è preoccupato, ma Yuki dice che lo scontro non è ancora finito. A Choso non importa essere ritenuto un fallimento, ma non sopporta che venga detto lo stesso dei suoi fratelli.

Una fontana di sangue erutta da dove Choso era a terra, ora in piedi. Chiede ai suoi fratelli di donargli la forza per combattere e lo vediamo pronto ad utilizzare la Flowing Red Scale: Stack.

Lascia un commento