One Piece Capitolo 1074: l’analisi di Tosky

7675

One Piece 1074: l’analisi del Capitolo – Le memorie di Orso e il giornalismo d’intrattenimento di Morgans

One Piece 1074: l’analisi del capitolo

Il famoso sceneggiatore statunitense Bob Gale, un giorno, rovistando nella propria cantina trovò l’annuario scolastico di suo padre. Sfogliandolo scoprì che durante l’ultimo anno di liceo il suo vecchio era stato capoclasse. La cosa lo sorprese, non pensava che suo padre avesse un tipo di carattere adatto a ricoprire tale ruolo, quindi iniziò a chiedersi “ma se avessi conosciuto mio padre ai tempi del liceo, saremmo andati d’accordo?”. 

Da questo piccolo evento, è nata una storia – o meglio una trilogia – tra le più famose di sempre: Ritorno al futuro. 

one piece 1074

Ritorno al futuro è il mio film preferito. Lo è, non solo perché mi appassiona e mi diverte, ma anche per il fatto che io e Bob Gale ci siamo posti la stessa domanda. Ne ho già parlato in passato e non so se capita lo stesso anche a voi, ma sono sempre stato curioso di saperne di più sui miei genitori e i miei nonni. Sono sempre stato interessato alle loro storie, alle loro memorie. 

E’ assurdo – e forse anche ingiusto – sapere così poco di persone così importanti per la nostra crescita. 

Io, per esempio, compirò 32 anni ad aprile. Ho vissuto già una parte importante della mia vita. Ho avuto esperienze, momenti importanti, alti e bassi, dolori e gioie, e nel tempo sono cambiato. Se in futuro dovessi avere un figlio o una figlia, lui o lei non potrà mai conoscere questa parte della mia vita. Potrà sentirne parlare, vedrà delle foto, dei video, ma non avrà mai un contatto diretto con il me del presente. 

Probabilmente si farà un’idea su suo padre per quello che vedrà, sentirà in quel momento. Non avrai mai, però, una visione completa, esatta dell’uomo che lo ha cresciuto. 

Lo vediamo anche in Ritorno al Futuro. Marty, il protagonista, torna indietro di 30 anni e scopre che sua madre e suo padre sono delle persone completamente diverse da quelle che ha conosciuto. Scopre le loro debolezze, le loro passioni, le loro voglie, le paure e i peccati. Resta disarmato e sconvolto, arriva a chiedersi se ciò che sta vivendo sia reale.

Ciò che ognuno di noi è stato ed è, è scritto nella nostra memoria. Solo noi possiamo accedere ai nostri ricordi, anzi a volte ne veniamo estromessi. Ci sono dei momenti che finiscono nel dimenticatoio e che magari ritornano a galla dopo un impulso, dopo aver sentito o percepito qualcosa. 

Le nostre memorie sono un po’ un mondo a parte, una realtà inesistente per tutti, fatta di ogni esperienza vissuta. Si tratta un universo enorme, infinito, dov’è c’è ogni piccolo pensiero della nostra mente. 

Noi stessi abbiamo difficoltà a orientarci, navighiamo un po’ a vista e ogni tanto viene fuori qualche isola che ci riporta indietro a sensazioni e ricordi. Un po’ come se in queste isole conservassimo i nostri tesori: persone, momenti.

Tutto ciò per dirvi, ancora una volta, che sono più che emotivamente coinvolto con ciò che Bonney sta vivendo. Grazie al potere di suo padre, ha la possibilità di viaggiare in un mondo fatto di memorie e ho apprezzato davvero tantissimo che Oda abbia voluto rappresentarlo come una sorta di realtà parallela. Ho amato quelle vignette e le lacrime di Bonney sono anche le mie. 

MA ANDIAMO CON ORDINE

Salve a tutti, io sono Tosky e oggi sono qui per analizzare con voi il capitolo 1074 di One Piece. 

“FINALMENTE”
“NDO CAZZO STAVI?”
“MA SI FA COSI?”
“MA CHE COMPORTAMENTAZIONE E’ QUESTA”?

Calma, calma… uno alla volta. Tu con la maglia rossa, che stai leggendo quest’articolo sdraiato sul divano mentre con una mano ti gratti le palle. Vai, chiedi pure. 

“PERCHE’ QUESTO RITARDO?”

Perché vi amo tutti e volevo pubblicare l’analisi a San Valentino, come regalo e simbolo del nostro amore. 

No, non è così. Vi spiego. 

Come molti di voi sapranno, una volta al mese, ho le mie cose. No…una volta al mese, in compagnia di quei due grandissimi bravi ragazzi Sommobuta e il Re, sono in giro per l’Italia in una fumetteria per un incontro su One Piece dal vivo grazie al progetto CROSSTALE. 

Questo weekend abbiamo avuto l’incontro di Perugia. Se non ci credete, vi metto qui la foto: 

one piece 1074

Sì, lo so, io vivo a Perugia, ma sono stato comunque impegnato per tutto il weekend per organizzare l’evento. Quindi sì, ho fatto tardi. In realtà noi avevamo progettato il tutto per far sì che gli incontri capitassero durante le pause, ma quel FIGLIO di SANTA DONNA di Eiichiro Oda (Maestro non potrei mai offenderti), ha cambiato i piani e quindi niente, è andata così. 

Che poi già mi fascio la testa per quando andrò in Giappone. Sarà un bel problema fare le analisi da Tokyo, dormendo 3 ore a notte. Ma non voglio pensarci adesso, sarà un problema del Tosky del Futuro (Ho riso perché in apertura ho parlato del film Ritorno al Futuro. E’ venuta fuori a caso e forse non ha senso, ma mi sono messo ridere). 

Prima di cominciare un’ultima cosa. 

Parlo del Capitolo anche su Youtube, il commento esce sempre ogni settimana perché a prescindere da dove sono e quanto tempo ho, via video è molto più semplice e veloce creare un contenuto. Quindi, se in futuro qualche analisi dovesse arrivare in ritardo e volete comunque conoscere il mio parere, sapete come fare. 

COMINCIAMO!

LE MINI-AVVENTURE

C’è davvero poco da dire, non siamo andati molti avanti rispetto alle scorse settimane. Praticamente il rancore, l’invidia, i problemi a cui assistevamo nei capitoli scorsi, sono arrivati al culmine: i MADS stanno per autodistruggersi dall’interno e probabilmente questo è il punto finale della loro avventura insieme come scienziati della pace.

one piece capitolo 1074

MARK III

Lo ammetto, ho trovato la prima parte del capitolo un po’ noiosa. Credo sia stato dato troppo spazio a questo nuovo modello di Pacifista che, a quanto detto, è molto più potente di quello visto a Marineford. Ovviamente, Sentomaru è ancora vivo ed è stato lui ad azionarli. La missione è quella di proteggere assolutamente Vegapunk e di permettergli di partire con la ciurma di Cappello di Paglia. 

Probabilmente vedremo i Mark III affrontare la Marina ed è interessante perché assisteremmo indirettamente a una battaglia tra Kizaru e Sentomaru, due personaggi che come ben sappiamo hanno un legame. Chissà quali risvolti potrebbe avere a livello emozionale un confronto tra i due. E’ l’unica cosa che mi interessa di questa prima parte del capitolo.

LA LINGUA DI LUFFY

In molti mi hanno scritto privatamente chiedendomi cosa ne pensassi della stanchezza di Luffy. In effetti è un qualcosa di strano: abbiamo visto Cappello di Paglia affrontare nemici, combattere per ore, andare su e giù per percorsi e luoghi ben più grossi del laboratorio di Vegapunk, è difficilmente è apparso così stanco. 

Qualcuno potrebbe dire che si tratta di un pretesto da parte di Oda per tenerlo fermo lì con Zoro, perché forse ha qualcosa in mente nei prossimi capitoli, ma oggi voglio essere un po’ “complottista”, lasciatemi passare il termine. 

Credo che l’autore ci stia dicendo qualcosa. Quella linguaccia alla Vegapunk non può essere un caso e non è sicuramente dovuta al fatto che Luffy sia andato avanti e indietro alla ricerca di Bonney e dello scienziato. Il capitano è stanco a causa del Gear Fifth. 

I Gear hanno sempre avuto degli effetti collaterali su Luffy. Gli permettono di mettere una marcia in più, donandogli un potere superiore, ma sempre al prezzo di qualcosa. La forma Nika, come detto dallo stesso protagonista, è il punto più alto delle sue abilità e credo che in un qualche modo stia “consumando” Cappello di Paglia”. 

Possibile che questo potere stiamo portando Luffy verso la fine? Il destino di Joy Boy è forse quello di portare il sorriso nel mondo a costo della propria vita?

STUSSY, STUSSY, STUSSY

Ammettiamolo, Stussy è un personaggio sexy. Lo è per i lettori, ma anche per i protagonisti. Si tratta a tutti gli effetti di una femme fatale e, in una saga piena di fanservice, Oda non poteva assolutamente perdere l’occasione di darle la divisa che ha caratterizzato i protagonisti femminili di Egghead. 

Nonostante questo, però, Zoro è più figo. 

one piece capitolo 1074

Dite quel che volete, ma un samurai di tipo punk-futuristico è bellissimo da vedere. Tra l’altro, credo che questa saga possa rendere davvero bene a colori. Ci sono tanti personaggi diversi con vestiti particolari. Ne godremo un po’ nell’anime, ma soprattutto quando arriveranno le colored del manga. 

IL PASSATO DI ORSO

Finalmente, ci siamo. 

Tranquilli non ho nessuna intenzione di spararvi un altro pippone senza senso sui ricordi e sulla memoria. Analizziamo soltanto quel che vediamo nelle vignette. 

Il culo di Bonney viene trasportato in una diversa realtà, dove lei è in grado di assistere agli eventi senza poter però interagire. Dinanzi a sé c’è un bambino ferito che piange a dirotto. Si tratta di suo padre Orso. 

Il bambino viene colpito ripetutamente da alcune persone che lo accusano di essere scappato e che vogliono riportarlo indietro, perché hanno paura che quella fuga possa avere delle conseguenze anche su di loro. 

Non sappiamo né chi siano queste persone, né dove ci troviamo. 

Provando a mettere insieme i pezzi, potremmo dire che il ricordo è ambientato a Mary Geoise. Orso è uno schiavo, riuscito in qualche modo a fuggire. Quelli che lo maltrattano sono probabilmente altri schiavi che non vogliono guai con i Draghi Celesti.

Le domande adesso non si contano. Quindi facciamo ciò che ci riesce meglio: ricorrere all’ELENCO PUNTATO! 

  • Perché Orso è Mary Geoise?
  • Orso era Re di un Regno, perché da bambino sembra essere uno schiavo?
  • Cosa vogliono da lui? 
  • A cosa viene sottoposto nel castello di Mary Geoise?
  • Qual è la particolarità della sua “specie”?

Lo dico ancora: stiamo per assistere a qualcosa di bello. Oda sta per tirare fuori il gioiellino, uno di quei flashback che ci rimangono dentro. Vi giuro non vedo l’ora di saperne di più, è ciò che più voglio leggere in questa saga! Sti cazzi di Saturn e Kizaru, datemi il passato di Orso completo!

one piece capitolo 1074

Continuo anche ad apprezzare il modo in cui l’Eiichiro Sensei ci sta mostrando il tutto. Questo cambio di scena tra Bonney e Orso, tra padre e figlia, tra presente e passato, in stile cinematografico, è davvero bello da leggere. Spero continui così fino alla fine. Mi piacerebbe vedere la fine del suo passato, mentre assistiamo al compimento del suo destino nel presente. 

BIBI, MORGANS E QUEL TALE

Ed eccola che riappare! La principessa dai piedi belli. Dov’è Bibi? Che fine ha fatto? L’ha salvata Sabo? 

La risposta è arrivata: è scappata grazie a quel tale e si trova da Morgans. 

Ovviamente “quel tale” è Wapol. Sapete che si tratta del personaggio di One Piece che più mi sta antipatico? No? Ora lo sapete. 

Morgans è un personaggio pazzesco. Nell’ultima tavola il colpo di scena è sicuramente Bibi, ma le parole dell’uccellaccio rubano la scena. 

I GIORNALI SONO INTRATTENIMENTO. 

Una frase realistica, che rappresenta la nostra realtà, ma anche quella del passato. Il giornalismo ha sempre avuto un ruolo fondamentale nel tenere “impegnate” le persone. Quando un giornalista scrive un articolo, non lo fa soltanto con l’obiettivo di informare, ma anche con quello di intrattenere, e a volte anche divertire. 

Farò una cosa che non faccio spesso, vi rimando al mio video-commento, dove ho parlato approfonditamente della questione. Per chi non lo sapesse, sono un giornalista e ho studiato comunicazione, ho trovato quindi l’argomento molto interessante e ho voluto spiegare perché le parole di Morgans sono così vere e perché in alcuni luoghi come l’Italia lo sono ancora di più. 

Qui mi limiterò a fornirvi un esempio. L’esempio si chiama Barbara D’Urso, per gli amici “Barbarella”. 

Barbara D’Urso è la più grande esemplificazione del giornalismo d’intrattenimento. Nei suoi programmi si è sempre parlato di eventi notiziabili, d’interesse comune e sociale e lo si fa in un modo che va a colpire la pancia delle persone. 

Una sorta di spettacolarizzazione della notizia, in cui al centro della questione vengono messi i dolori, la tristezza, i problemi delle vittime. In questo modo lo spettatore si ritrova a essere coinvolto empaticamente con gli eventi e ne viene trascinato dentro, quasi come se anche lui facesse parte del grande show. Non si assiste a notizie, ma a Film, Serie Tv. 

Ed e’ un po’ quello che vuole fare Morgans. Il direttore del più grande giornale del mondo di One Piece desidera vestire i panni del Regista e fare del mondo intero il palcoscenico della sua pellicola. 

CHI E’ IL TRADITORE? 

one piece capitolo 1074

Ormai si è capito, a Egghead c’è un traditore o comunque un infiltrato. Qualcuno che sta cercando di sabotare il piano di fuga di Vegapunk. Di chi si tratta?

In molti pensano possa essere Shaka, ma proprio il fatto che sia il più misterioso del gruppo, mi fa pensare che non possa trattarsi di lui. Che colpo di scena sarebbe altrimenti? 

Qualcun altro, invece, ha pensato a Caribou. Ragazzi…ma CARIBOU? Cioè che cazzo ne sa sto tizio di come si manomette la tecnologia di Egghead? Orsù, è’ un incompetente. Sicuramente furbo, ma sempre un incompetente. 

Il traditore deve essere l’insospettabile. Su chi punto io? Non ve lo dico dai… lo tengo per me. 

Ah no, ve l’ho detto. 

MA QUANTO CAZZO E’ BELLO ONE PIECE? 
MAMMA MIA!

– Tosky

1 commento su “One Piece Capitolo 1074: l’analisi di Tosky”

  1. Appena arriverà saturn i mark 3 saranno tutti nemici, e secondo me oda li ha messi tutti in campo per far sì che succeda. Come ne usciranno i Mugiwara? Chissà

    Rispondi

Lascia un commento


The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.