One Piece Capitolo 917: tutto molto interessante, ma…

3603

One Piece capitolo 917, primissime impressioni: Wano prende sempre più forma, Rufy non perde tempo con gli scarsoni…

E dopo la pausa rieccoci con un capitolo abbastanza interessante, che attutisce la consapevolezza della fine delle vacanze. Alla fine il capitolo ha un po’ tutto quello che ci piace: personaggi importanti nuovi, botte, gag, un po’ di worldbuilding dell’isola, hint per il futuro…insomma, l’ho letto con interesse.  Eppure mi ha lasciato un po’ insoddisfatto.

La storia del digiuno degli abitanti di Wano mi è al contempo più chiara e meno chiara. Dalle prime vignette di questo capitolo gli abitanti non sembrano costretti a digiunare né sembrano loro intenzionati a farlo per qualche motivo, piuttosto non hanno semplicemente cibo commestibile a disposizione, ma non vogliono sembrare deboli mostrando di soffrire. È così semplice la questione? Tama mangia il riso solo al compleanno perché non ne ha abbastanza per tutto l’anno? O c’è dell’altro che mi sfugge? Comunque, una singola pagina è riuscita a suscitarmi parecchio interesse e a farmici soffermare. Ben fatto, ma continuo ad aspettare ulteriori spiegazioni. Molto efficace anche la piccola vignetta con lo scarico delle fabbriche nel fiume.

Invece a Bakura se la cavano benissimo col cibo. Ne viene prodotto in quantità nella cosiddetta “fattoria paradiso”. Ultimamente Jaminisbox ci fa il favore di spiegarci brevemente alcuni riferimenti culturali presenti nel capitolo, e uno di questi riguarda proprio il nome di questa fattoria. “Paradiso” sarebbe infatti la traduzione di “tougen”, da “tougenkyou” che a quanto pare è un immacolato giardino di ciliegi in fiore, in una favola cinese. Un po’ la loro versione del nostro Eden. E cosa ci puoi trovare nell’Eden se non una centaura che copia il look di Inazuma? Ora abbiamo visto pure Speed e personalmente sono abbastanza soddisfatto, anche se vorrei capire come fa a vedere a 350° con le orecchie lunghe esattamente all’altezza degli occhi frontali come tutti gli umani….ma non posso mica seminare dubbi su Jennifer Aniston (da quanto è morta questa battuta?). Sembra che dovremo leggerci microperle di Animal Planet ogni volta che ci presenteranno uno Smile, me ne sto. Ma tornando a Speed, esattamente come Holdem non la vedo particolarmente combattiva o pericolosa, l’arco in spalla mi fa pensare che al massimo si terrà a distanza e sparerà frecce a 350 gradi. E con Holdem che viene apparentemente shottato da Rufy, mi sa che l’unico comandante interessante dei tre sia Hawkins, combattivamente parlando. Lo vedremo mentre affronterà Law con in testa un…Law era il meglio che potevi trovare per coprirti la faccia? Pensi che non riconoscerà comunque la tua spada con tutti i cosplay che girano su di te?? E dove l’hai trovato quel coso???

Quindi cos’è che non mi ha soddifatto? Quello che forse ha infastidito anche voi: la situazione di stallo con Holdem risolta da Rufy col…teletrasporto…? Più o meno ho reagito come il comandante: “CHE CAZZ- COS’È SUCCESSO???”. Ho capito che Rufy e Zoro sono mostri incredibili, ma forse così è un po’ troppo. In pratica il capitano, contro Holdem sul tetto con la bambina già nella bocca del leone e armato a quanto pare di una spada che gli fa sputare fuoco, non solo riesce senza problemi a salvare Tama dando pure una sprangata al leoncino ma riesce pure a tirare un cazzottone infuocato completamente noncurante dell’attacco avversario. O Rufy è esageratamente forte, o Holdem è molto più pippa di quanto temessi. Sarà davvero Hawkins l’unico temibile? O grazie alla generosa coglionaggine del capitano lasceremo le botte serie a Jack, che immagino arriverà adesso? Spero che con lui avremo davvero motivo di sentire la tensione.

Tensione he, se questo è l’andazzo, sarà data dal rapimento di Tama da parte di Jack. O prenderanno Kiku, così tanto per cambiare.

[Symonch]

P.S.: il misterioso Shutenmaru ha una banda di ladri di cibo. A quanto che lo vedremo rubare il cibo rubato adesso?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here