One Piece Capitolo 942: il passato frammentato di Wano

2352

Non dimenticare di seguirci anche su Telegram! Ti basta cliccare qui!

Parla di One Piece con noi nel nostro gruppo! Entra nell’Agorà cliccando qui!

ONE PIECE Capitolo 942: Opinioni a Caldo! Le prime impressioni sul capitolo del manga di Eiichiro Oda pubblicato questa settimana!

Bentornati, gaijin maledetti. Se state leggendo questo articolo poco dopo la pubblicazione, sappiate che Tosky ed altri ragazzi e ragazze in questo momento sono su un aereo diretto verso il Giappone! Volete seguire le (dis)avventure giapponesi del solo e unico One Piece Tour – Wano Edition? Continuate a seguirci su Facebook e soprattutto su Instagram sulla nostra pagina ufficiale. Seguite anche Tosky su Instagram per vedere non solo il Giappone di One Piece, ma anche TUTTO il resto! Io per stavolta sono rimasto qui nello stivale, maledizione…

Ma passiamo al Giappone made in Eiichiro Oda, Wano. Finalmente possiamo leggere il capitolo 942 dopo la settimana di pausa della Golden Week. Così possiamo prepararci alla settimana di pausa di Oda. Eh sì, settimana prossima niente One Piece di nuovo…
Che palle, Oda fannullone, io voglio andare avanti, il manga non finirà pi-NO.
Basta.
Per quanto mi riguarda, Oda può fermarsi anche per un anno. La mia passione per One Piece non è superiore alla mia preoccupazione per il suo precario stato di salute (nel quale si trova per render felici noi) né alla qualità dell’opera. Ritenetevi piuttosto fortunati di non avere situazioni come Bastard! o Hunter x Hunter, va’.

Dicevo, Wano. È da tempo immemore che siamo ansiosi di sapere quale sia la storia di questo paese, storia che si prevede essere stratosferica vista la mole assurda di personaggi ed eventi che sembrano coinvolti. Con questo capitolo, apertosi con le amate pagine nere dei flashback, ero quasi convinto che finalmente fosse iniziato questo atteso racconto, ma mi sembrava strano che partisse da Yasuie e non da Hiyori/Komurasaki, inoltre mi sembrava relativamente presto. Infatti ci siamo letti un frammento di questa storia. Di nuovo. E in questo frammento…

Devo dire che trovo spiacevole vedere Kozuki Oden tenuto in nero costantemente come i celebri assassini di Conan, se non vuoi mostrare subito il suo aspetto puoi tenerlo un po’ più fuori campo, o dietro una parete come ci apparve per la prima volta Orochi. Tuttavia, la curiosità nel vedere questo interessantissimo personaggio interagire direttamente nelle vignette e non tramite le parole di altri ha avuto la meglio. Oden sembra proprio il ribellino stile Naruto, o stile Luffy volendo. Probabilmente è un Oden piuttosto giovane, forse più impulsivo e cazzaro dell’Oden che venne sconfitto da Orochi e Kaido, ma già infastidito dai limiti di Wano. Non vedo davvero l’ora di conoscere questo personaggio a fondo!

C’è però un secondo personaggio, ben più centrale in questo capitolo, di cui è necessario parlare. Ovviamente parlo di colui che dà il titolo al capitolo:

Eccolo in tutta la sua perduta severità! Yasuie ruba completamente la scena e catalizza tutta la nostra attenzione per tutto il capitolo. E badate: di attenzione ce ne vuole parecchia, perché il lungo discorso di Yasu non è affatto banale. Vi dirò la verità, non credo che questo sia il format adatto a chiarire e spiegare meglio tutta la storia raccontata da Yasu, per quello esiste già il Reverendo. Vi dirò invece cosa ho provato nel leggere questo lungo e denso racconto dell’ultimo daimyo, perché sono sicuro che le reazioni siano state quantomeno divisive.

Si tratta di un discorso che occupa l’intero capitolo, riassumendo la caduta di Wano dal punto di vista di Yasu senza quasi nessun supporto visivo, solo lunghi e corposi balloon. Personalmente, per quanto abbia trovato il capitolo più impegnativo del solito, ho davvero apprezzato questa complessità “anomala” per la serie, che dovrebbe essere comunque indirizzata ai ragazzi del liceo o poco più. Avranno sicuramente gioito coloro che vorrebbero promuovere One Piece da shonen a seinen (cosa che non avverrà mai)… mentre molti altri si saranno annoiati, forse avranno trovato un ostacolo nella verbosità del capitolo o (dio ce ne scampi) volevano un po’ d’azione a scapito del grandioso lavoro di costruzione che Oda sta attuando da anni ormai.

Non esiste un modo “giusto” di leggere un manga, se qualcuno apprezza i combattimenti o piuttosto le storie complesse è giusto che ne cerchi di più nei capitoli. Ma smettiamola di dire “Oda ha sbagliato” o “One Piece è caduto in basso” solo perché non sta più incontrando i nostri gusti personali. Oda ha dichiaratamente detto che non si concentra sui combattimenti (che infatti da un bel po’ sono ridotti all’indispensabile), perché per quello esiste il mille volte superiore, da quel punto di vista, Dragonball. Ciò che a Dragonball manca sono invece capitoli come questo, dove un uomo solo sceglie le parole e la morte come ultimi mezzi per affrontare un codardo tiranno usurpatore. Questo capitolo è la storia di un uomo, ben più complessa da ideare di un combattimento.

Finito questo mini-sfogo, torniamo alle vicende. Se Yasu non è Ushimitsu, chi diamine è allora questo ladro? L’ultimo Fodero Scarlatto Denjiro? Un personaggio ancora mai visto? Inoltre mi sembra di capire che Orochi abbia tradotto il bigliettino inventato da Yasu da solo, senza spie come si pensava. O forse è stato Kyoshiro ad aiutarlo a tradurre. Ma la parte più curiosa è stata la vicenda del tatuaggio: Orochi si è cagato addosso per un simbolo mainstream di 20 anni fa. Pensate a quanto cazzo vive nell’ansia quest’uomo, quanta paura ha per i Kozuki! Non è mica normale…come diamine ci è arrivato al trono uno così? Si intuisce che abbia commesso qualche astuzia più che un’usurpazione violenta, ma quale?Eh, lo vedremo quando finalmente leggeremo questo benedetto super-flashback di Wano. È da tanto ormai che stiamo leggendo il passato di quest’isola a spizzica bocconi, un tassello per volta. Non mi sorprende che in tanti facciano casino nel ricostruire le vicende, non solo per il numero spropositato di personaggi coinvolti. Perché darci queste anticipazioni prima del vero flashback? Perché così tante? Serviranno a preparare dei colpi di scena assurdi durante suddetto flashback (e per assurdi intendo per gli standard di One Piece)? Più ci penso, meno riesco a sopportare l’attesa per questa storia incredibile! Ma preferisco aspettare altri tre mesi che far lavorare Oda fino al collasso…Probabilmente, Yasu è morto sul serio. O-Toko è orfana sul serio, eppure sorride. A detta di Hiyori, è colpa degli Smile. E qui scattano le peggio teorie: cosa vuol dire? È il potere di un frutto Smile-Smile? Non credo, Hiyori parla degli smile, non di Smile-Smile (dubito che i traduttori farebbero un errore tanto madornale), ma può darsi che il prossimo capitolo introduca proprio un frutto simile. Creare gli smile prevede la perdita delle espressioni di certe cavie? Fatico a vedere un nesso… È solo una questione psicologica simile a quella della piccola Koala? Della serie “sorridete, stronzi, o i test degli smile li facciamo su di voi!”… chissà. Gli Smile, che sembravano aver esaurito la loro storia, tornano al centro dell’attenzione ed aggiungono un vuoto da riempire alla grande storia di Wanokuni!

Un capitolo davvero intenso, senza dubbio. Non sempre disegnato al meglio purtroppo, ma per stavolta fottesega, le vignette importanti non hanno alcun problema. Wano non smette di aggiungere carne al fuoco ed io non vedo l’ora di rimpinzarmi come nemmeno Luffy (non appare mai in questo capitolo! nemmeno nominato, che bello) quando leggeremo la sua storia!

[Symonch]

P.S.: Orochi disse “sellate il mio cavallo”…voleva dire “preparate i miei fottuti schiavi”. Che burlone.

 

Leggi anche: One Piece Portraits of Pirate: Jewerly Bonney più sexy che mai

One Piece è un manga scritto e disegnato da Eiichirō Oda, serializzato sulla rivista giapponese Weekly Shōnen Jump di Shūeisha dal 19 luglio 1997. La casa editrice ne raccoglie periodicamente i capitoli anche in volumi formato tankōbon, di cui il primo è stato pubblicato il 24 dicembre. L’edizione italiana è curata da Star Comics, che ne ha iniziato la pubblicazione in albi corrispondenti ai volumi giapponesi il 1º luglio 2001. La storia segue le avventure di Monkey D. Luffy, un ragazzo il cui corpo ha assunto le proprietà della gomma dopo aver inavvertitamente ingerito il frutto del diavolo Gomu Gomu. Raccogliendo attorno a sé una ciurma, Luffy esplora la Grand Line in cerca del leggendario tesoro One Piece e inseguendo il sogno di diventare il nuovo Re dei pirati

One Piece è adattato in una serie televisiva anime, prodotta da Toei Animation e trasmessa in Giappone su Fuji TV dal 20 ottobre 1999. L’edizione italiana è edita da Merak Film ed è andata in onda su Italia 1 dal 5 novembre 2001 per poi continuare su Italia 2 nel 2012; inizialmente intitolata All’arrembaggio!, la serie ha avuto diversi cambi di denominazione nel corso delle stagioni, fino ad assestarsi sull’originale One Piece. Toei Animation ha prodotto inoltre 11 special televisivi, 13 film anime, due cortometraggi 3D, un ONA e un OAV. Svariate compagnie ne hanno tratto merchandise di vario genere, come colonne sonore, videogiochi e giocattoli.

One Piece ha goduto di uno straordinario successo. Diversi volumi del manga hanno infranto record di vendite e di tiratura iniziale in Giappone. Con trecento milioni di copie in circolazione al 2014 l’opera è il manga ad avere venduto di più al mondo. Il 15 giugno 2015 è entrato inoltre nel Guinness dei primati come serie a fumetti disegnata da un singolo autore con il maggior numero di copie pubblicate: oltre 320 milioni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Abbiamo aperto il profilo Ufficiale del One Piece Tour!! Unitevi a noi @onepiecetour #onepiece #onepiecetour #onepiecegt

Un post condiviso da OnePiece.It (@onepiecegt.it) in data:

 

3 Commenti

  1. Evidentemente non ho capito un cazzo: Yasu ha mentito sul tatuaggio e sul biglietto per salvare tutti. Non fa che aggiungere punti al personaggio!

  2. Ciao a tutti
    Capitolo ballissimo!!!
    Non mi importa tanto personalmente dei combattimenti, sono queste secondo me le cose migliori di one piece, basti pensare alla saga del reverie…nessuno scontro eppure quanto é stata bella!!! Ce ne fossero di piu di saghe simili, poi ognuno ha i suoi gusti, ci mancherebbe.
    Detto questo inizio ad essere confuso su quanti samurai manchino ancora all’appello…mi sa che devo proprio ripassarmi la saga 🙂
    Non ho ben capito chi secondo Oden sarebbe succeduto al trono del padre…se qualcuno me lo chiarisce ne sarei grato 🙂
    Per il resto tutto molto bello, inutile ripeterlo, ma approfondirei di piu l’ultima rivelazione di hiyori.
    I frutti artificiali che abbiamo sempre chiamato SMILE senza mai chiederci il perche hanno 1 relazione con wano a quanto pare.
    Questo mi fa ancora di piu pensare al perche orochi vuole vegapunk…ma soprattutto come fa a conoscere vegapunk se lui é un isolazionista?
    Io ho sempre creduto per via di kaido, cioe kaido é legato a vegapunk, ma forse il loro legame non si esaurisce qui: che orochi abbia fatto testare i primi prototipi di frutti artificiali a wano e che questi avessero come effetto collaterale quello di indurre questa risata incotrollata, da qui gli “SMILE” ?
    Wano si prospetta sempre di piu come un crocevia importantissimo per l’intera saga di onepiece, tu aspetti giustamente il flashback di wano ma io sono convinto che ci saranno tanti altri flash back che avranno una ripercussione importante su tutto one piece, basti pensare a Toki, una donna che ha viaggiato di chissa quanto nel tempo, Oden che ha viaggiato con Roger, il flash back di Kaido e Big Mom, la probabile comparsa di vegapunk e l’ingresso in azione della CP0 ….wooow , chissa cosa ci aspetta.
    Incrociamo le dita. 🙂
    Ciaooo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here