One Piece Episodio 890: ultima pausa con Marco e Newgate

1523

Non dimenticare di seguirci anche su Telegram! Ti basta cliccare qui!

One Piece Episodio 890: il commento dell’ultima puntata dell’anime di One Piece tratto dal manga ideato e disegnato da Eiichiro Oda

Anche oggi, come ogni settimana, è lunedì. Anche oggi, come molte settimane, è uscito l’episodio dell’anime di One Piece, stavolta il numero 890 (fermatevi a riflettere sul numero di episodi…). E anche oggi, come da qualche settimana a questa parte, molti fan si lamenteranno della lentezza ed inutilità dell’episodio, pieno di immagini di repertorio e filler.

Questa scena è sempre grandiosa…

Devo dire però che, sorprendentemente, ho letto diversi commenti lieti di aver rivisto i flashback, oggi dedicati interamente a Baffibianchi e alla guerra di Marineford (sempre sia lodata/odiata). E sapete cosa? Oggi li condivido. Nonostante sappia a menadito quanto successo a Marineford, come il 99% di voi, è stato piacevole rivedere i momenti salienti della guerra incentrati su Edward “Baffibianchi” Newgate e BARBANEEERAAAAAAA.

Non ho particolarmente a cuore quella saga, ma il personaggio di Newgate mi è sempre piaciuto ed è innegabile la dose di adrenalina ed epicità che le scene riproposte nell’episodio di oggi suscitano. Non fosse stato fuori luogo, visto che si parla più che altro di Newgate, Marco e Teach, avrei gradito rivedere anche due cazzotti tra Akainu/Cane Rosso/Sakazuki/Red Dog e il buon Baffibianchi. Oltretutto, coi flashback ho realizzato che tra i pirati di Baffibianchi c’è anche He-Man.

Non posso però nemmeno biasimare chi, come me del resto, non ha certo bisogno di reminders sulla guerra della Supremazia o su chi cacchio sia Marco la maledetta Fenice e si sono ritrovati a “perdere tempo”. Se ci seguite settimanalmente ormai saprete come ciò sia quasi inevitabile. Se non ci seguite con costanza, ecco i miei, di reminders:

Perché l’anime è così lento e non passa ad un moderno format stagionale? Ecco perché.
Perché l’anime non produce filler originali invece di farci rivedere dei flashback? Ecco perché.
Concentriamoci sul contenuto nuovo. Tutto l’episodio in sostanza adatta metà capitolo 909. Nonostante questa scelta porti necessariamente agli allungamenti di cui sopra, trovo corretto voler adattare solo questa metà visto che la seconda ci vede già a Wanokuni, in questo modo il prossimo episodio sarà più omogeneo e tutto ambientato a Wano (e dintorni….). Vediamo svilupparsi ciò che nel manga è sintetizzato in poche vignette, già a partire dalle primissime pagine. I primi due minuti circa di episodio sono infatti tutti qui sotto. Non pensate che sia più piacevole la gestione vista nell’anime?Si arriva poi, non molto velocemente, al dottor Marco la Fenice, con relativo ripasso su chi è e come ha fatto ha diventare dottore senza uno straccio di laurea (facile quando ti basta imporre le mani come i santoni). Mi sarebbe piaciuto vedere uno stacco più marcato e diretto dal Marco tranquillo e il Marco guerriero, avrebbe sorpreso ed interessato quei pochi tra gli spettatori che non sanno davvero chi fosse. Passare insomma dall’immagine a in alto a quella a in basso all’improvviso. Che ne pensate?

Buono come si passi elegantemente da Marco a Squard a Baffibianchi, ma passiamo oltre. Molto oltre, il flashback è lungo. Si arriva quindi allo spiegone di Marco Damilan- ah no, di Marco la Fenice sulle origini del luogo che sta proteggendo. Di nuovo è stato ampliato il comparto visivo rispetto al manga e non può che farmi piacere. Ma ciò che mi fa ancor più piacere è il momento dedicato a BARBANERAAA.

Anzitutto, quando tocca parlare di lui guardacaso cala l’ombra di una nuvola sul volto di Marco, per poi andarsene subito dopo, bel dettaglio. Inoltre, abbiamo uno scorcio della Guerra del Riscatto. Molto semplice e “didascalica”, ma a mio parere molto d’effetto soprattutto visivamente. Sembra quasi che Marco e gli altri (Jozu ha ancora due braccia?) stiano affrontando il boss finale in un videogioco, con quei colori e quell’ambiente così surreale. Questa parte l’ho guardata con interesse, peccato solo per la troppa “concettualità” della scena, ma non sarebbe certo stato facile inserire una sequenza d’azione pura così in mezzo.I ricordi di Marco su Baffibianchi ci guidano verso la fine dell’episodio, condito (o allungato) con un paio di extra per agevolare il pubblico nuovo/smemorato. Mi riferisco alle scene con Weeble e Bakkin, riprese da un vecchio episodio, ed alla scena finale con Kaido. La prima serve a ricordare per bene come ci sia questa misteriosa minaccia in giro, ma ciò che vorrei ricordarvi io è che Marco data l’attività di Bakkin a 40 anni fa. Pochi episodi fa il vecchio Garp ha parlato dei potenti pirati Rocks, attivi proprio 40 anni fa… 
La seconda ed ultima scena invece ci ricorda perché, nel prossimo episodio, vedremo Luffy e gli altri diretti a Wano, e direi che è un gran bel modo per ricordarcelo: Kaido fa sempre la sua porca figura su schermo! Soprattutto quando si staglia su uno scenario di distruzione.

Ho apprezzato l’episodio più del previsto, sono però lieto di annunciare che questo era l’ultimo di questi episodi “ripassoni”. Da settimana prossima si entra a Wano, che sembra più bella che mai!

[Symonch]

P.S.: ma quanto è fresco il trailer finale sulla saga di Wano?

 

Leggi anche: One Piece Episodio 870: SNAKE-MAN, KATAKURI E LA GRANDE ANIMAZIONE!!

One Piece è un manga scritto e disegnato da Eiichirō Oda, serializzato sulla rivista giapponese Weekly Shōnen Jump di Shūeisha dal 19 luglio 1997. La casa editrice ne raccoglie periodicamente i capitoli anche in volumi formato tankōbon, di cui il primo è stato pubblicato il 24 dicembre. L’edizione italiana è curata da Star Comics, che ne ha iniziato la pubblicazione in albi corrispondenti ai volumi giapponesi il 1º luglio 2001. La storia segue le avventure di Monkey D. Luffy, un ragazzo il cui corpo ha assunto le proprietà della gomma dopo aver inavvertitamente ingerito il frutto del diavolo Gomu Gomu. Raccogliendo attorno a sé una ciurma, Luffy esplora la Grand Line in cerca del leggendario tesoro One Piece e inseguendo il sogno di diventare il nuovo Re dei pirati

One Piece è adattato in una serie televisiva anime, prodotta da Toei Animation e trasmessa in Giappone su Fuji TV dal 20 ottobre 1999. L’edizione italiana è edita da Merak Film ed è andata in onda su Italia 1 dal 5 novembre 2001 per poi continuare su Italia 2 nel 2012; inizialmente intitolata All’arrembaggio!, la serie ha avuto diversi cambi di denominazione nel corso delle stagioni, fino ad assestarsi sull’originale One Piece. Toei Animation ha prodotto inoltre 11 special televisivi, 13 film anime, due cortometraggi 3D, un ONA e un OAV. Svariate compagnie ne hanno tratto merchandise di vario genere, come colonne sonore, videogiochi e giocattoli.

One Piece ha goduto di uno straordinario successo. Diversi volumi del manga hanno infranto record di vendite e di tiratura iniziale in Giappone. Con trecento milioni di copie in circolazione al 2014 l’opera è il manga ad avere venduto di più al mondo. Il 15 giugno 2015 è entrato inoltre nel Guinness dei primati come serie a fumetti disegnata da un singolo autore con il maggior numero di copie pubblicate: oltre 320 milioni.

Dai un voto all'articolo

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

2 Commenti

  1. Ciao simonch, leggo assiduamente le tue recensioni aglu episodi e mi trovo praticamente sempre in accordo con te👍
    P.s. Ho il timore che nel prossimo episodio sarà adattata solo la risalita della cascata, secondo te è possibile?

    • Grazie, caro fan :3
      Sinceramente dubito, secondo me adatteranno anche la seconda parte del capitolo con l’introduzione teatrale a Wano, magari ponendola dopo il naufragio. Ma chi lo sa, dalle anticipazioni in effetti il timore è legittimo, speriamo bene!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here