One Piece, quando può tornare l’anime?

7149
one piece

Il governo Giapponese prolunga lo Stato d’Emergenza per il Covid. L’anime di One Piece potrebbe tornare a giugno

Ora da qualche settimane l’anime di One Piece – e non solo – è stato messo in pausa a causa dell’emergenza per il Coronavirus. Al momento non si hanno notizie di quando possa ritornare, ma è molto probabilmente che lo stop possa perdurare almeno fino alla fine di maggio. In Giappone, infatti, il Governo ha annunciato che lo Stato d’Emergenza – che sarebbe dovuto terminare il 6 maggio – sarà esteso sino al termine del mese. A conti fatti, dunque, è lecito pensare che l’anime di One Piece torni non prima di metà giugno. 

Leggi anche: Quali sono le origini di Zoro? Oda ci fornisce degli indizi

One Piece è un manga scritto e disegnato da Eiichirō Oda, serializzato sulla rivista giapponese Weekly Shōnen Jump di Shūeisha dal 19 luglio 1997. La casa editrice ne raccoglie periodicamente i capitoli anche in volumi formato tankōbon, di cui il primo è stato pubblicato il 24 dicembre. L’edizione italiana è curata da Star Comics, che ne ha iniziato la pubblicazione in albi corrispondenti ai volumi giapponesi il 1º luglio 2001. La storia segue le avventure di Monkey D. Luffy, un ragazzo il cui corpo ha assunto le proprietà della gomma dopo aver inavvertitamente ingerito il frutto del diavolo Gomu Gomu. Raccogliendo attorno a sé una ciurma, Luffy esplora la Grand Line in cerca del leggendario tesoro One Piece e inseguendo il sogno di diventare il nuovo Re dei pirati

One Piece è adattato in una serie televisiva anime, prodotta da Toei Animation e trasmessa in Giappone su Fuji TV dal 20 ottobre 1999. L’edizione italiana è edita da Merak Film ed è andata in onda su Italia 1 dal 5 novembre 2001 per poi continuare su Italia 2 nel 2012; inizialmente intitolata All’arrembaggio!, la serie ha avuto diversi cambi di denominazione nel corso delle stagioni, fino ad assestarsi sull’originale One Piece. Toei Animation ha prodotto inoltre 11 special televisivi, 13 film anime, due cortometraggi 3D, un ONA e un OAV. Svariate compagnie ne hanno tratto merchandise di vario genere, come colonne sonore, videogiochi e giocattoli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here