Emily Rudd parla del Live Action: «Sono nata per essere Nami»

1677

Emily Rudd ha rilasciato un’intervista a poche settimana dall’uscita del Live Action di One Piece targato Netflix.

Emily Rudd, attrice di Nami nel Live Action di One Piece targato Netflix, ha rilasciato un’intervista al sito Gamesradar.com.

Il manga e l’anime di One Piece esistono da tempo, giusto? Cosa pensi renda One Piece così duraturo?

Prima di tutto, Oda-sensei è un genio assoluto e, sai, è un po’ difficile parlare di un genio. Ha fatto un lavoro incredibile e magistrale nel creare una storia che non è solo stravagante, pazza, giocosa e avventurosa, ma anche così radicata e reale. Ha molto cuore. È una storia sulla famiglia trovata. È una storia sulla libertà e sulla ricerca dei tuoi sogni. E penso che questo sia qualcosa a cui le persone possono connettersi universalmente.

Questo è il primo vero tentativo di un adattamento live-action. E solitamente rappresentano un pericolo bello grosso. Tipo, non è per tutti. Come lo presenti personalmente alle persone?

Penso che ci siano stati show più folli. E sì, è un po’ sciocco e un po’ stravagante. Ma ancora una volta, penso che qualcosa su cui ci siamo davvero concentrati sia il cuore dello show. È una storia davvero bella. Penso che si tratti si di una storia fantastica, ma è anche fatta di storie reali, di persone reali. Quindi è un po’ come se si trovasse la versione radicata di esso, ma con il cuore della storia originale. Abbiamo lavoro su questo.

Ora, stai interpretando Nami, uno dei primi membri ad unirsi alla ciurma di Cappello di Paglia. Quali sono le tre parole che definiscono meglio Nami per te, e perché?

Direi, astuta. Penso che sia il cervello del gruppo. Sai, tiene in riga i ragazzi. Ed è ovviamente una gatta ladra, quindi sa come ingannare le persone. Penso che sia protettiva, non solo dei suoi membri dell’equipaggio, ma di se stessa, specialmente durante la Saga dell’ East Blue. Sai, mantiene alcuni segreti, tiene le carte vicino al petto. Quindi è protettiva. E… direi, amorevole, penso, anche quando sembra che stia facendo qualcosa che potrebbe essere dannoso per le persone, la ragione dietro tali comportamenti è l’amore. Penso che sia una persona profondamente premurosa. Quindi questi tre.

È divertente sentirti dire “astuta” per primo. In preparazione per questa intervista, ho visto qualcuno descrivere la relazione tra Nami e Luffy come, “Luffy è il capitano, ma Nami è il capo”. Tipo, è così che funziona.

Oh, totalmente! Il modo in cui lei è l’unica che controlla i soldi, e loro sono tipo, ‘Nami, posso per favore avere un po’ di paghetta?’ E lei “Avete 20 Berry, divertitevi,” tipo, è tutto. Lo adoro. Lei è così, fa tipo da madre a queste persone. Sono solo ragazzi pazzi, sciocchi.

Crediti: Netflix

Nami è la navigatrice dell’equipaggio. Quindi, tu come sei con il senso dell’orientamento? Sei abbastanza pratica con una mappa o ti perdi facilmente?

In realtà sono super brava. Sono un po’ la persona predefinita che, se siamo in una nuova città, le persone sono tipo ‘ehi Em, puoi farci strada’ perché… sono cresciuta facendo campeggio. Utilizzavamo le mappe di carta, e quando dico ‘campeggio,’ intendo, tipo ‘in mezzo al nulla, il bagno è un buco nel terreno da qualche parte nella foresta. Io ero sempre la persona a cui la mia famiglia diceva di guidarci. Quindi, suppongo di essere nata per essere una navigatrice, anzi diciamolo… Sono nata per essere Nami!

Da ciò che sappiamo, vedremo sicuramente la presentazione dei personaggi nel Live Action, ma soprattutto assisteremo a un arco narrativo fondamentale per Nami. Cos’è significato per te? Sapevi che una parte del successo di questo show era legato a te e al tuo personaggio?

Ero consapevole della mia importanza. Voglio dire, la scena a cui ci stiamo riferendo è quella che mi ha reso fan della storia. È quello che mi ha bloccato, e ricordo la prima volta che l’ho vista, stavo piangendo a dirotto. E ogni volta che l’ho vista o letta da allora, piango. Ci penso, piango.

Ma quella era l’unica scena per cui penso di essere stata effettivamente nervosa perché tutto il resto – come ho detto, so che stavo scherzando quando ho detto che sono nata per interpretare Nami, ma lei è davvero il primo personaggio nella mia carriera che ho mai detto: ‘Oh, certo. Naturalmente è lei. Naturalmente sono io.’

Ma quella scena, perché significa così tanto non solo per i fan esistenti, ma anche per me, era tipo, ‘Devo farlo bene. Devo farlo bene,’ e penso davvero che ci siamo riuscito. Tipo, l’intero team ha davvero dato il massimo per quel momento.

Stiamo parlando di ciò che vedremo nella Serie Tv, ma hai un arco preferito?

Ooh! OK, um. Mi piace Enies Lobby. Il momento di Robin a Enies Lobby… Tipo, amo Robin. Penso che se non potessi scegliere Nami, sceglierei Robin. Quel momento, per me, era secondo solo al momento di Nami nell’arco dell’ East Blue. Quindi, penso che sia probabilmente per questo che mi piace Enies Lobby.

Crediti: Netflix

Bene! Anche per me è il numero due… la fine di Alabasta, la adoro.

Oh! Sì, certo. Siamo lì eh, siamo vicini. Oda non sbaglia mai, non sbaglia mai.

Qual è stata la sfida più grande di tutto questo progetto per te? È stato quel momento menzionato in precedenza? O qualcos’altro?

Penso che emotivamente, quel momento per la storia di Nami sia stato il più difficile. Ma ho trovato il lavoro di stunt una nuova sfida. Sono cresciuta facendo karate. Sono tecnicamente una cintura nera, ma l’ho ottenuta quando avevo tipo 10/11 anni? Quindi, è passato molto tempo da quando ho toccato un bastone..

Quindi, riabituarmi in un modo relativamente veloce, nel modo in cui si girano le sequenze di stunt dove le fai più e più volte, e hai tutte queste variabili diverse, persone che ti vengono addosso. Penso che quella fosse una sfida che sapevo sarebbe stata complicata, ma è stata anche divertente.

Quindi, ho una domanda particolarmente difficile… Chi è il membro più potente dell’equipaggio di Cappello di Paglia, secondo te?

Ooooooh! Stiamo parlando della ciurma attuale?

Interpretalo come vuoi…

OK, posso dare due risposte?

Certo, puoi darne due.

Grazie! OK, se parliamo di adesso, solo uno della ciurma di Cappello di Paglia è diventato uno dei Quattro Imperatori, quindi… [lunga pausa] E non dirò chi, giusto nel caso.

Ma se devo parlare del nostro equipaggio, dirò Nami, perché è la capa, come abbiamo detto. Chi controlla i soldi? Chi fa navigare la nave? Non puoi andare da nessuna parte senza di lei e non puoi comprare nulla senza di lei, tipo, sei bloccato, mi dispiace.

Non si può fare nulla senza Nami!

Non si può fare nulla senza quella donna, mi dispiace.

Cosa vuoi che le persone ricevano dallo show?

Penso che il mio sogno supremo sia che le persone che erano forse riluttanti a guardare l’anime o leggere il manga diano una possibilità al nostro show e se ne innamorino nello stesso modo in cui io e milioni di altre persone ci siamo innamorate di One Piece, perché è così speciale, e spero che i fan esistenti sentano l’amore che è stato messo in esso perché ce n’era molto.


Vi ricordiamo che il Live Action di One Piece farà il suo esordio su Netflix il 31 agosto.


Lascia un commento


The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.