Taz Skylar sul Live Action: «Sanji? Mi sono allenato 8/10 ore ogni giorno»

1696

Taz Skylar ha rilasciato un’intervista a poche settimana dall’uscita del Live Action di One Piece targato Netflix.

Taz Skylar, attore di Sanji nel Live Action di One Piece targato Netflix, ha rilasciato un’intervista al sito Gamesradar.com.

One Piece, il manga, è in corso da tempo. L’anime uguale. Ma mi sembra che le trasposizioni live-action di anime o manga possano essere difficili, anche per le persone solitamente interessate alle opere trasposte. Come convinci personalmente le persone a dare una chance allo show?

Dico semplicemente loro di guardarlo. Riguardo alla controversia di essere una trasposizione live-action di un manga e cose del genere, a me piace. Non lo vedo come qualcosa di negativo, perché penso che molte delle cose che consideriamo importanti inizialmente fossero controverse. Quindi mi piace.

E ricordo che uno dei registi con cui abbiamo lavorato ci disse subito durante la produzione: “L’unico modo per sbagliare è cercare con tutte le nostre forze di fare bene.” Nel senso che, se ognuno fa il proprio lavoro al meglio delle proprie capacità, il risultato sarà – si spera – un buon lavoro. E se non lo fosse, almeno ognuno avrà agito con purezza d’animo. Questa è la mia opinione al riguardo.

Tu interpreti Sanji, uno dei membri principali della ciurma di Cappello di Paglia. Quali sono le tre parole che meglio definiscono Sanji e perché?

Romantico, fiero, premuroso. Romantico, per ragioni ovvie. Penso che sia un romantico. Idealizza non solo le persone, ma idealizza anche le cose. Idealizza ciò che fa, idealizza il mondo.

Ed è fiero perché protegge sia il suo affetto che le sue idealizzazioni con una fermezza che gli consente di proteggere se stesso e gli altri in modo molto determinato.

E premuroso, penso che questa sia la parola chiave. È interessante che l’abbia messa per ultima, perché se dovessi definirlo con una parola, la mia parola per lui sarebbe che si preoccupa… profondamente. E questo vale sia per le cose che per le persone. È diverso dall’idealizzare. Il prendersi cura, penso, va oltre l’apparenza. Anche per personaggi come Zoro, potrebbe non esprimere a parole le sue preoccupazioni, ma non significa che non gliene importi. Se ha a cuore qualcosa, è disposto a rischiare tutto per proteggerla. Anche se si tratta di un piatto. [ride] Anche se si tratta della presentazione di un piatto su un tavolo. Se gli sta a cuore, lo proteggerà. Queste sono le mie tre parole.

Crediti: Netflix

È davvero interessante sentirlo, perché ovviamente tu sei intimamente familiare con il personaggio, ma penso che chiunque abbia anche solo un interesse fugace in One Piece sappia probabilmente che… è ossessionato dalle donne e calci forte. Devo chiederti, sei particolarmente bravo a dare calci? Ovviamente, c’è la CGI e un team di stunt per lo show, ma hai dovuto fare qualche allenamento per quello?

Sì! Ho fatto assolutamente tutti i calci da solo nello show. Non c’è CGI sulla mia gamba, e la mia controfigura era il mio allenatore, che mi incitava entusiasticamente dal lato. È stato con me in ogni fase e ho avuto vari altri allenatori.

All’inizio della produzione, ho deciso che avrei fatto… tutto. Era uno di quei lavori in cui se dovevo essere coinvolto, lo sarei stato completamente. Abbiamo cominciato con due ore di allenamento al giorno quando sono arrivato in Sudafrica. Già qui, stavo facendo allenamento con un mio amico che ha la cintura nera di taekwondo. Poi, una volta arrivato in Sudafrica, abbiamo iniziato con due ore al giorno di allenamento. È diventato chiaro che non sarebbe stato sufficiente, perché non avevo davvero una formazione nelle arti marziali. Avevo una preparazione atletica, ma niente in arti marziali.

E due ore non sarebbero state sufficienti. Siamo passati a quattro, ma nemmeno quattro ore sarebbero state sufficienti. Siamo passati a cinque, ma poi è diventato piuttosto difficile, perché non c’erano abbastanza allenatori per allenarmi per cinque ore. Quindi ho fatto venire il mio allenatore originale da Londra, che è rimasto con me per circa quattro mesi in Sudafrica in un Airbnb separato. Facevamo dei turni: gli allenatori stunt, compresa la mia controfigura, mi allenavano per quante ore potevano dedicarmi e poi Donnie, questo era il nome del mio altro allenatore, si prendeva il testimone e continuava ad allenarmi fino a quando il posto chiudeva, ed è stato così giorno dopo giorno.

Ora, quando guardo indietro a quel percorso e lo comunico alle persone, a volte quando dico otto ore, pensano che sia un modo di dire o che esageri o… No, quando dico otto ore, intendo uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, otto. Ogni singolo giorno. Voglio che sia chiaro perché è stato doloroso. [ride] E non è un’approssimazione. Otto ore sono, se altro, un’approssimazione al ribasso, perché a volte erano dieci. Ed era così ogni singolo giorno, sette giorni alla settimana – avevo fasce su ogni articolazione del corpo. È stato il processo più assurdo che abbia mai affrontato nella mia vita. Ma! Ho fatto davvero ogni singolo calcio, e ne vado fiero.

Crediti: Netflix

Abbiamo parlato dei calci; parliamo dell’altro aspetto. Mi sembra che il desiderio di Sanji, chiamiamolo così, per le donne potrebbe facilmente diventare inquietante o problematico, e molte persone hanno avuto reazioni negative riguardo alle sue reazioni nel corso degli anni. Come fai, come attore, a bilanciare questo aspetto per lo show quando è qualcosa di così importante per il personaggio?

Penso che abbiamo avuto molte discussioni sul fatto che tutto sia una trasposizione. Avevo molte immagini di Sanji sulla mia parete che provenivano dall’anime. E tutto è una trasposizione, perché non può essere riprodotto frame per frame. Ma posso interpretare tutto ciò che fa, tutto ciò che vedo che fa, e trasporlo in quello che considero essere una traduzione in live action, perché in fondo, è un linguaggio diverso. Non è più in 2D, è in 3D, quindi c’è un cambiamento.

Ed è stato lo stesso con il modo in cui reagisce o interagisce con le donne, c’era una traduzione da fare. E penso che alla base di tutto, alla base di ogni reazione, ci sia il motivo per cui reagisci in quel modo. E per me, tutto si riduceva al fatto che gli importa. Nel senso che il suo background con le donne, la relazione che aveva con sua madre, la relazione che aveva con sua sorella, il modo in cui interagivano con lui rispetto al modo in cui i suoi fratelli e suo padre interagivano con lui. Questo, secondo me, ci dice molto del motivo per cui potrebbe avere un certo tipo di rapporto con le donne in generale e di come potremmo reagire a ciò. Nel senso che non devo affatto chiedermi perché gliene importi così tanto delle donne. Ed è questo su cui mi sono concentrato durante tutta la produzione.

Quindi, anziché cercare di misurare se possa sembrare inquietante o flirtare, gli ho semplicemente attribuito il sentimento di “Mi preoccupo davvero di questa persona”. E spero che ciò che è emerso sia stata una buona trasposizione. Non giudicherò il risultato; ti parlerò solo del processo.

Devo chiedertelo: secondo te, chi è il membro più potente della ciurma di Cappello di Paglia?

[risata lunga e profonda] Beh, sicuramente non dirò quello lì, ma scelgo Luffy. Scelgo Luffy, perché sai cosa? C’è un vero potere nell’ottimismo, e lui ne ha in abbondanza. Molto più di qualsiasi cosa che qualcuno possa fare con un calcio, una spada, un bastone o una fionda.


Vi ricordiamo che il Live Action di One Piece farà il suo esordio su Netflix il 31 agosto.


Leggi anche: Mackenyu (ZORO) parla del Live Action: «I fan si divertiranno»

Lascia un commento


Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.