Intervista ad Oda, parte 2 – One Piece Magazine

219

Ecco a voi la seconda parte dell'intervista rilasciata da Eiichiro Oda al One Piece Magazine. Se non avete letto la prima, cliccate >>> QUI <<<

– Oda ama vedere sia film vecchi che nuovi. Ma preferisce quelli più recenti, per essere aggiornato sugli ultimi trends. 
– Quando gli viene chiesto se ha paura non avere idee per One Piece in futuro, Oda risponde di non averne. Aggiunge poi che è sicuro di avere buone idee quando ha delle scadenze da rispettare. Senza scadenze, non riuscirebbe a disegnare un manga interessante. 
– Nell'industria di One Piece sono coinvolte un bel po' di cose, ma Oda non ne sente la pressione. Lui è responsabile solo del manga sebbene sia comunque coinvolto per quello che riguarda l'anime. Il mangaka aggiunge che se One Piece dovesse giungere ad una conclusione a causa della sua salute, l'industria non ne risenterebbe. 
– Oda dice che i manga non servono a chi ha sofferto per dei disastri. I manga non producono cibo, vestiti e case. 
– Durante i suoi 20 anni, Oda pensava che sarebbe stato a disegnare manga anche nel giorno del funerale dei suoi genitori. Secondo il mangaka oggi questa può sembrare un'idea folle, ma è grazie alla suo impegno nei confronti del manga che One Piece è diventato quello che è oggi. 
– Oda vuole intrattenere le persone fin dall'infanzia. Si dice contento di vedere le altre persone felici. 
– Oda afferma che One Piece è già il manga numero 1 in termini di vendite e si chiede qual è il prossimo obiettivo. Ha già fatto tutto ciò che gli altri mangaka sono riusciti a fare durante la loro carriera (anime, film, videogames ecc.ecc.). Dice di aver bisogno di un grosso obiettivo. 
– Oda prova sempre a supportare i suoi assistenti, affinchè i loro manga possano ottenere successo.
– One Piece ha molti più personaggi ora. Dunque Oda deve contenere molte più informazioni in un solo capitolo per andare avanti con la storia. Afferma che se potesse disegnare scene di combattimento per almeno 2 capitoli consecutive, le scene sarebbero migliori. Secondo lui, in questo momento, in One Piece una scena di combattimento non può durare più di un capitolo. 
– Quando gli viene chiesto cosa vorrebbe visitare, Oda sorride e risponde di non voler andare nello spazio, perché sarebbe troppo pericoloso. 
– Oda è interessato alle immersioni, visto che sua moglie le ama. Il mangaka, però, ha paura degli squali. 

Lascia un commento