Kaido e il suo tenebroso passato

896

Teoria tradotta dal web

Qual è il passato di Kaido? Possibile che l’attuale imperatore abbia un trascorso fatto di atroci sofferenze fisiche e mentali?

Al termine del secolo vuoto, quando la grande guerra tra l’Antico Regno e il Governo Mondiale terminò, iniziarono delle persecuzioni dei confronti di alcune razze, tra le quali quella dei Lunariani e degli Oni. Il nuovo Governo era intenzionato a catturarli sia per studiare i loro poteri, ma anche per sterminarli e eliminare future minacce

Kaido, nato come un Oni al 100%, divenne orfano dopo che i suoi genitori furono uccisi. Da adolescente, quindi, per sfuggire alle persecuzioni, decise di unirsi ai Pirati di Rocks al fine di divenire la creatura più forte del mondo e di poter così essere libero. Sconfitto Rocks, però, Kaido fu imprigionato. Il governo decide di condurre esperimenti su di lui per provare ad ottenere degli Oni-ibridi e dei draghi. Questi esperimenti però fallivano e Kaido a volte riusciva anche a fuggire, venendo poi ricatturato diverse volte. Questa situazione non fece altro che indebolire la salute mentale del futuro imperatore. 

one piece capitolo 997 kaido

Durante l’ultima fuga da Punk Hazard, però, ci fu un motivo per provare a riottenere la libertà: Yamato, il primo esperimento riuscito. Yamato non ha una madre perché non è altro che un clone di Kaido. Alla fuga, si unì King, salvato perché anche lui sottoposto agli esperimenti a causa della sua razza. Quel giorno i tre lasciarono definitivamente Punk Hazard, ma il danno era troppo grave. Kaido non avrebbe mai potuto dimenticare tutti gli esperimenti e il suo odio continuò a crescere giorno dopo giorno. Iniziò quindi a consumare alcol per dimenticare. In più, mise quelle manette esplosive a Yamato perché sapeva che se Yamato fosse riuscita a fuggire, sarebbe stata catturata e sottoposta agli esperimenti . “È meglio essere morti che essere un esperimento su Punk Hazard”.

luffy yamato one piece

Kaido vuole la libertà, ma per ottenerla sa compiere soltanto gesti brutali e spietati. Se ha questo atteggiamento è perché il mondo lo ha sempre trattato allo stesso modo. Una delle motivazioni per cui Big Mom aveva deciso di creare un mondo in cui TUTTE le razze potessero convivere era quella di regalare un posto sicuro per il suo “fratellino”, l’Oni Kaido. Non tutti i desideri di Big Mom e Kaido sono sbagliati, ma entrambi sono semplicemente incasinati a causa del loro passato.

 
  

twitch Abbiamo aperto un canale Twitch, clicca qui per iscriverti!

One Piece è un manga scritto e disegnato da Eiichirō Oda, serializzato sulla rivista giapponese Weekly Shōnen Jump di Shūeisha dal 19 luglio 1997. La casa editrice ne raccoglie periodicamente i capitoli anche in volumi formato tankōbon, di cui il primo è stato pubblicato il 24 dicembre. L’edizione italiana è curata da Star Comics, che ne ha iniziato la pubblicazione in albi corrispondenti ai volumi giapponesi il 1º luglio 2001. La storia segue le avventure di Monkey D. Luffy, un ragazzo il cui corpo ha assunto le proprietà della gomma dopo aver inavvertitamente ingerito il frutto del diavolo Gomu Gomu. Raccogliendo attorno a sé una ciurma, Luffy esplora la Grand Line in cerca del leggendario tesoro One Piece e inseguendo il sogno di diventare il nuovo Re dei pirati

One Piece è adattato in una serie televisiva anime, prodotta da Toei Animation e trasmessa in Giappone su Fuji TV dal 20 ottobre 1999. L’edizione italiana è edita da Merak Film ed è andata in onda su Italia 1 dal 5 novembre 2001 per poi continuare su Italia 2 nel 2012; inizialmente intitolata All’arrembaggio!, la serie ha avuto diversi cambi di denominazione nel corso delle stagioni, fino ad assestarsi sull’originale One Piece. Toei Animation ha prodotto inoltre 11 special televisivi, 13 film anime, due cortometraggi 3D, un ONA e un OAV. Svariate compagnie ne hanno tratto merchandise di vario genere, come colonne sonore, videogiochi e giocattoli.

One Piece ha goduto di uno straordinario successo. Diversi volumi del manga hanno infranto record di vendite e di tiratura iniziale in Giappone. Con trecento milioni di copie in circolazione al 2014 l’opera è il manga ad avere venduto di più al mondo. Il 15 giugno 2015 è entrato inoltre nel Guinness dei primati come serie a fumetti disegnata da un singolo autore con il maggior numero di copie pubblicate: oltre 320 milioni.

Lascia un commento