Monkey D Luffy: tutte le volte in cui i Mugiwara lo hanno proclamato Re dei Pirati

8210

Monkey D Luffy ha una ciruma che ha una fede incomparabile nel proprio capitano. Ecco tutti i momenti in cui hanno proclamato che Luffy sarebbe diventato il Re dei Pirati

Monkey D Luffy, capitano dei Pirati di Cappello di Paglia, naviga per i mari da oltre 1.000 capitoli. Ora è più vicino che mai a realizzare il suo sogno di trovare il One Piece e diventare il Re dei Pirati.

Sebbene sia partito da solo, ha gradualmente raccolto una ciurma ora rinomata in tutto il mondo di One Piece. La storia di ogni membro che si è unito alla sua ciurma è già di per sé di grande impatto e poiché si è guadagnato il loro rispetto, tutti credono fermamente che diventerà il Re dei Pirati.

Ripensando a quei momenti, forse i Mugiwara sono stati i primi a credere nel sogno di Luffy. Forse hanno visto in lui un potenziale che era nascosto a tutti gli altri. Il loro desiderio di rimanere parte della ciurma e di aiutare il loro capitano deriva dalla convinzione che, un giorno, lui diventerà il Re dei Pirati.

Luffy ha combattuto per i suoi compagni contro un male comune, creando un legame indissolubile. Ha permesso loro di essere chiunque volessero diventare e loro, a loro volta, si sono uniti alla sua ciurma non solo per raggiungere i propri obiettivi, ma anche i suoi.

Zoro è uno dei compagni più fedeli di Luffy

Monkey D. Luffy

La fiducia di Zoro in Luffy è stata incrollabile fin dall’inizio. È stato il primo a riconoscere che Luffy sarebbe diventato il Re dei Pirati.

Dopo lo scontro con Mihawk, Zoro si vergogna della sua sconfitta. Pertanto, per dimostrare a Luffy il suo valore, alzò la spada (mentre giaceva sulla nave a causa delle ferite riportate) e gli disse della sua risoluzione, riferendosi a lui come futuro Re dei Pirati.

Un altro suo momento iconico è stato l’incontro con Orso Bartholomew a Thriller Bark, dove Zoro ha implorato di prendere la sua vita invece di quella del suo capitano, poiché quest’ultimo era destinato a diventare il Re dei Pirati.

Sanji è fiducioso quanto Zoro nel futuro di Luffy

Se Zoro può essere considerato la mano destra di Luffy, Sanji è la sua sinistra. La fiducia di Sanji in Luffy va oltre il rapporto tra un capitano e un membro dell’equipaggio. Luffy lo sta aiutando a realizzare il suo sogno di cercare l’All Blue e gli ha offerto un posto sulla sua nave.

Nella saga di Zou, quando il passato di Sanji stava per essere rivelato, Capone “Gang” Bege ha arrestato Sanji per conto di Big Mom e si è offerto di portare gli altri Mugiwara sotto la bandiera dell’Imperatrice. Tuttavia Sanji ha rifiutato con veemenza, dicendo che Luffy non è un uomo che si accontenta di essere un subalterno, poiché sarà lui il futuro Re dei Pirati.

Usopp ha mostrato la sua fiducia nel futuro Re dei Pirati

Monkey D. Luffy

Nella saga di Alabasta, i Cappello di Paglia hanno dovuto affrontare un nemico più feroce di quelli che avevano affrontato precedentemente. Si sono trovati di fronte a un membro della Flotta dei 7 con un’enorme squadra di combattenti d’élite al suo seguito.

Nel mezzo del caos, Luffy è scomparso e Usopp è venuto a sapere che fosse morto. Rifiutandosi di accettare la sua morte, il cecchino disse che Luffy sarebbe diventato il Re dei Pirati, quindi non poteva essere successo veramente.

Nonostante abbia sempre paura dei suoi nemici e sia poco affine nel combattimento corpo a corpo, Usopp affronta comunque un nemico potente solo per dimostrare le sue affermazioni.

Nami crede in Luffy nonostante il suo odio per i pirati

A causa del suo passato, Nami ha sempre odiato i pirati e li ha sempre ritenuti ignobili. Tuttavia, la conoscenza di Luffy le ha aperto gli occhi. Dopo che Luffy l’ha salvata da Arlong, è diventata la navigatrice ufficiale dei Mugiwara.

Nella saga dell’Isola Whole Cake, Luffy e Nami si sono scontrati con i membri più forti della ciurma di Big Mom, e Nami ha proclamato il futuro ruolo di Luffy. Un altro esempio della sua fiducia in Luffy è stato mostrato nella saga di Wano, quando Ulti l’ha colpita e l’ha minacciata di dire che Luffy non sarebbe diventato il Re dei Pirati.

Anche se coperta di ferite, Nami ha ricordato la prima volta in cui chiese aiuto a Luffy, che la salvò senza esitazione. Ignorando la minaccia alla sua vita, Nami si è rifiutata di dire che Luffy non sarebbe diventato il Re dei Pirati.

Chopper racconta ai bambini del re dei pirati

Monkey D. Luffy

Cacciato dalla sua famiglia di renne e poi odiato dagli umani, Chopper non ha mai avuto un vero posto a cui appartenere. Era felice di vivere con il suo padre adottivo, il Dr. Hillk, che morì poco tempo dopo.

Solo quando si unì alla ciurma di Luffy divenne finalmente un pirata e realizzò il suo sogno. Nella saga di Punk Hazard, Chopper voleva salvare tutti i bambini che erano stati sottoposti a degli esperimenti da parte di Caesar Clown.

Mentre cercava di rassicurare uno di loro, Chopper gli promette che, per quanto Caesar Clown fosse terrificante, non avrebbe mai vinto contro Luffy, il futuro Re dei Pirati.

Franky ha dato vita a un momento iconico del destino di Luffy

Franky che proclama Luffy futuro Re dei Pirati è forse una delle sue scene più iconiche. Come se affrontare un solo Imperatore non fosse abbastanza per i Cappello di Paglia e i loro alleati, un altro terrificante Imperatore, Big Mom, si è unito alla battaglia.

Nami e Franky si imbattono in Big Mom, contro la quale non possono competere. Mentre Nami suggerisce di scappare, Franky rifiuta dicendo che si tratta solo un Imperatore, quando Luffy sarà invece il Re dei Pirati.

Jinbe ha lasciato la ciurma di Big Mom per unirsi ai Cappello di Paglia

Monkey D. Luffy

Il più forte e il più rispettabile uomo-pesce, Jinbe, portava molto peso sulle sue spalle. Dopo la morte di Barbabianca, si unì sotto lo stendardo di Big Mom per proteggere la sua gente. Tuttavia, quando Luffy arrivò sull’Isola Whole Cake, disse a Jinbe che lo avrebbe aspettato nella terra di Wano.

Desideroso di unirsi all’equipaggio di Luffy, Jinbe non esitò a chiedere il permesso di lasciare l’equipaggio di Big Mom. E la donna acconsentì, ma ad un prezzo: la perdita di molti anni di vita.

È interessante notare che i poteri di Big Mom funzionano solo su coloro che hanno paura di lei. Pertanto, lei non fu in grado di prelevare la forza vitale da Jinbe. Il Cavaliere dei Mari disse che non aveva paura di un semplice Imperatore, perché sarebbe diventato un membro dell’equipaggio del futuro Re dei Pirati.

Il legame di Robin con Sanji si estende al resto dell’equipaggio

Come la maggior parte dei Cappello di Paglia, Nico Robin non ha mai trovato un posto da chiamare casa finché non si è unita alla ciurma di Luffy. I suoi compagni le sono molto cari, soprattutto dopo che l’hanno salvata dal Governo Mondiale.

Nella saga di Wano, Sanji si è trovato impotente di fronte ad un avversario femminile e, perciò, ha potuto chiedere aiuto solo a Robin, la quale era felice che Sanji si fidasse così tanto di lei.

Vedere Black Maria insultarlo, a Robin non è piaciuto molto. Per lei Sanji non è solo un gentiluomo, ma anche una persona degna di essere una delle braccia del futuro Re dei Pirati.

Brook è diventato una star, ma ha comunque appoggiato Luffy come Re dei pirati

Monkey D. Luffy

I due anni di separazione furono altrettanto duri per il resto dei Cappello di Paglia quanto per Luffy. Tutti quanti si concentrarono sul miglioramento di se stessi per poter essere più utili a Luffy.

Brook è diventato una superstar e si è esibito dal vivo per l’ultima volta nella saga dell’Arcipelago Sabaody. Dopo la guerra di Marineford, Luffy viene creduto morto, poiché scomparso. Tuttavia, poco dopo il timeskip, Brook annuncia durante la sua ultima esibizione che non solo Luffy è vivo, ma che diventerà anche il Re dei Pirati.


Leggi anche: I Frutti del Diavolo stanno diventando ripetitivi?

Articolo preso dal web: fonte

Lascia un commento


The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.