S-Snake: Oda spiega l’utilizzo del Mero Mero no Mi da parte della piccola Seraphim

4490

S-Snake: Nuove informazioni sul Seraphim con il Mero Meo no Mi dell’Imperatrice Pirata Boa Hancock rivelate nelle SBS del volume 106

Il Mero Mero no Mi è un Frutto del Diavolo di tipo Paramisha che sfrutta l’amore, la lussuria o l’adorazione per attaccare e pietrificare i suoi avversari.

s-snake

I poteri del Frutto permettono di utilizzare la lussuria delle persone per trasformarle in statue di pietra, ma in realtà è sufficiente che queste provino anche solo tenerezza o adorazione nei confronti dell’utilizzatore.

Dal momento che Boa Hancock possiede una bellezza quasi impareggiabile, attirare gli uomini con i suoi poteri richiede uno sforzo minimo, mentre con le donne usa una strategia diversa.

S-Snake, uno dei Seraphim creati da Vegapunk e clone della donna più bella del mondo, possiede una versione artificiale del suo Frutto del Diavolo. Ma su cosa fa leva il suo potere per riuscire a pietrificare i suoi avversari? Il maestro ci ha fornito questa risposta nelle SBS del volume 106.

Domanda: “Se qualcuno viene pietrificato dal Mero Mero Mellow della loli Boa Hancock, sarebbe considerato un lolicon? Non lo sarebbe, vero?! Ti prego, dimmi che non lo sarebbe!!”

Oda: ”Il suo potere è approfittare di chi pensa sia bella e carina, in modo da abbassare emozionalmente la loro guardia. Tutti noi guardiamo i bambini pensando siano adorabili, no? E ciò è abbastanza per farsi pietrificare. Anche se ci fosse un vero lolicon in mezzo ai pietrificati, nessuno potrebbe stabilire quale tipo di emozione lo ha portato a ritrovarsi in quello stato. Perciò non ti preoccupare, la tua identità lolicon non è stata scoperta, e adesso preparati ad essere pietrificato!”

Voi quale preferite, l’originale Boa Hancock o il Seraphim S-Snake?


One Piece è un manga scritto e disegnato da Eiichirō Oda, serializzato sulla rivista Weekly Shōnen Jump di Shūeisha dal 22 luglio 1997. La casa editrice raccoglie periodicamente i capitoli in volumi formato tankōbon, il primo è pubblicato il 24 dicembre. L’edizione italiana è curata da Star Comics, che ne ha iniziato la pubblicazione in albi corrispondenti ai volumi giapponesi il 1º luglio 2001.

La storia segue le avventure di Monkey D. Rufy, un ragazzo il cui corpo ha assunto le proprietà della gomma dopo aver inavvertitamente ingerito un frutto del diavolo. Reclutando compagni per formare una ciurma, Rufy esplora la Rotta Maggiore in cerca del leggendario tesoro One Piece e inseguendo il sogno di diventare il nuovo Re dei pirati.

One Piece è adattato in una serie televisiva anime, prodotta da Toei Animation e trasmessa in Giappone su Fuji TV dal 20 ottobre 1999. L’edizione italiana è andata in onda su Italia 1 dal 5 novembre 2001 per poi continuare su Italia 2 nel 2012; inizialmente intitolata All’arrembaggio!, la serie ha avuto diversi cambi di denominazione nel corso delle stagioni, fino ad assestarsi sull’originale One Piece. Toei Animation ha prodotto inoltre 13 special televisivi, 15 film anime, due cortometraggi 3D, un ONA e un OAV. Svariate compagnie ne hanno tratto merchandise di vario genere, come colonne sonore, videogiochi e giocattoli.

One Piece ha goduto di uno straordinario successo. Diversi volumi del manga hanno raggiunto record di vendite e di tiratura iniziale in Giappone; il 15 giugno 2015 è entrato inoltre nel Guinness dei primati come serie a fumetti disegnata da un singolo autore con il maggior numero di copie pubblicate, che in quella data ammontavano a più di 320 milioni. È poi il manga ad avere venduto di più al mondo, con oltre 500 milioni di copie in circolazione al 2022.

Lascia un commento


Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.