One Piece Episodio 922: Orochi è Mr. Bean…?!

2440

Non dimenticare di seguirci anche su Telegram! Ti basta cliccare qui!

One Piece Episodio 922: il commento dell’ultima puntata dell’anime di One Piece tratto dal manga ideato e disegnato da Eiichiro Oda

Hyo! Bentornati. Avete visto l’episodio? Vi è venuta una certa qual voglia di andare al casinò? Lo scorso episodio me lo sono perso, ma quel poco che ho visto dal riassunto non era malaccio dal punto di vista tecnico e come avevo sperato ho anche sentito la musica da processione che avevo immaginato nel manga. So però che molti l’hanno trovato troppo lento come al solito. Avete trovato lento anche questo? Parliamone.

Oggi l’episodio ci è stato offerto dal NIF TEAM. Supportateli.

La prima parte, fino alla comparsa di Franky, è tutta filler. Ci mostra ciò che nel capitolo 929 del manga viene solo accennato, così da guadagnare qualche minuto di tempo. Per quanto riguarda la vicenda del furto di Carrot e Vanda non c’è molto da dire, né in positivo né in negativo, ma ho tutto sommato apprezzato il dettaglio sull’abilità di Carrot come scavatrice in quanto coniglio. Tutto il resto procede senza nessun problema, se non per il fatto che Carrot ci legge ad alta voce il messaggio come se gli spettatori non sapessero leggere. Ricordatevi che l’anime è un prodotto per la tv giapponese, presumo che gli spettatori non abbiano bisogno di Dora l’Esploratrice che li guida…
Sembra che Kin’emon e Inuarashi vogliano far incazzare Ashura. Ci riusciranno?

NIF TEAM, vi sono sfuggite delle virgolette. VI capisco, anche io faccio centinaia di typo simili.

Ora passiamo all’avventura filler di Zoro. Prima però voglio farvi soffermare un secondo su questo tipo:

Se seguite il manga lo amate, ne sono sicuro. Se non lo seguite, imparerete ad adorarlo nel corso di questo secondo atto di Wano. Tonoyasu lasciò molto perplesso anche me quando venne introdotto, così dal nulla, a fianco di Zoro nelle rovine di Kibi. Mi ha però convinto in pochissimo tempo, e sono certo lo stesso succederà a voi. La voce è persino meno fastidiosa di quanto mi aspettassi, ma resta acuta come me l’ero immaginata. Certo che…immaginarsi una voce del genere su uno come…no vabbè, non dico più nulla. Mi ha fatto ache abbastanza piacere vederlo fare qualcosa nell’episodio (i.e. convincere lo yakuza a cedere i soldi con le parole), non ha “solo” accompagnato.

Che dire invece del filler in generale? È molto tranquillo per essere incentrato su Zoro, ma è comunque riuscito ad inserire un pochino d’azione. L’atmosfera mi è piaciuta molto, un ambiente calmo eppure intimidatorio con luci soffuse. Anche la musica di sottofondo ha fatto il suo, nonostante mi sembrasse più adatta ad un tempio.

Sembra che Zoro sia in grado di prevedere il risultato dei dadi tramite l’Ambizione dell’Osservazione. Non so come mi fa sentire questa cosa. Intendo dire: è da Zoro “barare” in questo modo al gioco? Si può considerare barare? Parliamo pur sempre di un pirata, quindi normalmente non ci sarebbe nulla di strano… non so, ditemi voi.
In ogni caso vedere Zoro giocare è stato abbastanza piacevole, forse perché non è una cosa che ho visto spesso.

Quel che mi sfugge invece è: come faceva il tizio nascosto con l’ago a sapere quando e come muovere il dado? Riusciva a vederlo sotto tutta quella paglia? Comunque, Zoro ha pensato bene di smascherarlo nel modo più tranquillo che conosce: generando un tornado e distruggendo mezzo edificio. Se ricordo bene, è a terza volta che vediamo lo spadaccino usare la tecnica a zero spade, la prima nel Davy Back Fight e la seconda in One Piece Gold (oh no vi ho spoilerato poverini). Finora quindi la tecnica è più usata nell’anime che nel manga. L’animazione della tecnica non è stratosferica ma nemmeno da bocciare, in generale in tutto l’episodio non ci sono virtuosismi tecnici da questo punto di vista.

Brought to you by Midori Matsuda

Zoro usa anche il Daishinkan (o Terremoto del Drago), la stessa usata su Monet. Ammetto che prima di andare a rivedere che tecnica fosse, non avevo capito affatto che minchia fosse successo. In pratica, come Monet non riusciva a ricomporsi per il terrore che la tecnica le aveva fatto provare, anche questi yakuza si sentono lacerati fisicamente per la sola paura di essere colpiti, anche se Zoro li ha volutamente mancati. Poco chiaro, ma graficamente non è male da vedere, no?

Promuovo anche gli effetti sonori, che ora non potete sentire.

Con questo si concludono i filler di oggi, e non ho nulla di che lamentarmi. Se non per qualche dialogo, promuovo senza problemi il lavoro di Ryo Yamazaki alla sceneggiatura. O forse è meglio dire che non lo boccio.

Passando al contenuto originale del manga, questo viene adattato praticamente senza filler se non per qualche battuta. Forse avrete pensato che la scena di Franky sia stata fillerata, ma vi sbagliate: Franky si fa avanti e indietro per mezza Wano anche nel manga. Trovo che la scena nella sua interezza sia stata resa bene, mi ha divertito come mi divertì nel capitolo! A differenza del manga però, vediamo Minatomo difendersi da solo contro Franky, mentre nel cartaceo il cyborg alla fine tira missili a tutta la squadra di carpentieri… Forse è un modo per disegnare meno personaggi. Chi avrà comprato, alla fine, i progetti della reggia di Kaido?

Adesso parliamo di questo tipo qua:

Accidenti…lo vediamo già in chiaro. Eppure nel manga resta oscurato per tutta la scena, visto che verrà presentato per bene poche pagine dopo!

Sì, lo so che lo vediamo benissimo nell’opening e diverse volte l’abbiamo visto anche nelle puntate (riciclando la scena dell’opening come oggi…), c’era poco da nascondere ormai…però fossi stato io agli storyboard avrei lasciato il volto di Orochi mezzo coperto dall’ombra, anche solo per ricalcare la minacciosità che si percepisce nel manga. Questa abitudine della saga di Wano di trattare le sorprese come se non lo fossero non mi piace, oggi l’ho definitivamente capito. Sentiamo finalmente la voce dello Shogun, presa in prestito da Hiroshi Iwasaki (la voce del Dr. Hogback e…di Mr. Bean, anzi Rowan Atkinson nel doppiaggio giapponese!), anche questa fastidiosa quanto basta per il personaggio, forse me l’ero immaginata più grave.

Io ve lo dico già: Orochi è il miglior/peggior villain di tutto One Piece. Un pezzo di merda vero, che Spandam vi sembrerà simpatico alla fine di Wano. I capitoli usciti recentemente non fanno che confermare questa descrizione! Tornando però all’anime, la scena con la CP0 (sì, Orochi non teme nemmeno il Governo o i Draghi Celesti) è come me l’ero immaginata. Orochi tira fuori tutte e 8 le teste del suo Zoo Zoo mitologico, mentre nel manga ne libera solo tre, ma pazienza. Almeno le teste vengono quasi del tutto oscurate dall’aura potentiss- uuh dall’aura malefica dello Shogun. Pronti a conoscere per bene Orochi settimana prossima?

In conclusione, un piccolo ragionamento per chi non segue il manga. Guardando prima questa scena

e poi questa

quale complessa e raffinata ipotesi vi salta in mente? La risposta la so già, e scommetto che sapete già anche voi se ci avete azzeccato o no. Ma nel dubbio, non dico nulla di più. L’anime non ha strafatto e non ha esasperato niente, come invece è solito fare, rimanendo invece fedele allo schema già molto trasparente di Oda.

Con questo mi sento di dare un pollice in su a Yusuke Suzuki per la direzione dell’episodio, non mi ha fatto lamentare di niente direi, senza però  farmi sognare. Spero vivamente non abbiate guardato le anticipazioni alla prossima puntata, spoiler che più spoiler non si può…

[Symonch]

P.S.: Kanjuro vero MVP.

Leggi anche: One Piece Episodio 907: La primissima avventura di Luffy!

One Piece è un manga scritto e disegnato da Eiichirō Oda, serializzato sulla rivista giapponese Weekly Shōnen Jump di Shūeisha dal 19 luglio 1997. La casa editrice ne raccoglie periodicamente i capitoli anche in volumi formato tankōbon, di cui il primo è stato pubblicato il 24 dicembre. L’edizione italiana è curata da Star Comics, che ne ha iniziato la pubblicazione in albi corrispondenti ai volumi giapponesi il 1º luglio 2001. La storia segue le avventure di Monkey D. Luffy, un ragazzo il cui corpo ha assunto le proprietà della gomma dopo aver inavvertitamente ingerito il frutto del diavolo Gomu Gomu. Raccogliendo attorno a sé una ciurma, Luffy esplora la Grand Line in cerca del leggendario tesoro One Piece e inseguendo il sogno di diventare il nuovo Re dei pirati

One Piece è adattato in una serie televisiva anime, prodotta da Toei Animation e trasmessa in Giappone su Fuji TV dal 20 ottobre 1999. L’edizione italiana è edita da Merak Film ed è andata in onda su Italia 1 dal 5 novembre 2001 per poi continuare su Italia 2 nel 2012; inizialmente intitolata All’arrembaggio!, la serie ha avuto diversi cambi di denominazione nel corso delle stagioni, fino ad assestarsi sull’originale One Piece. Toei Animation ha prodotto inoltre 11 special televisivi, 13 film anime, due cortometraggi 3D, un ONA e un OAV. Svariate compagnie ne hanno tratto merchandise di vario genere, come colonne sonore, videogiochi e giocattoli.

One Piece ha goduto di uno straordinario successo. Diversi volumi del manga hanno infranto record di vendite e di tiratura iniziale in Giappone. Con trecento milioni di copie in circolazione al 2014 l’opera è il manga ad avere venduto di più al mondo. Il 15 giugno 2015 è entrato inoltre nel Guinness dei primati come serie a fumetti disegnata da un singolo autore con il maggior numero di copie pubblicate: oltre 320 milioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here