One Piece Live Action: il Cast (secondo noi) – La Flotta dei 7 #2

2904
one piece live action

One Piece Live Action: ecco gli attori che secondo noi sarebbero adatti ad interpretare i personaggi del manga di Eiichiro Oda

One Piece Live Action: l’uscita della serie tv basata sul manga di Eiichiro Oda è prevista per il 2021

Ben ritrovati nella rubrica che tenta di unire One Piece con il mondo del cinema. Come promesso verranno svelati gli attori ideali per interpretare il gruppo di pirati della Flotta dei 7, ma prima d’iniziare sarà meglio fare un copia e incolla delle regole:

  • L’abbinamento personaggio-attore non va principalmente per somiglianza (diciamo che influisce di un 20%-30% masimo), ma per adeguatezza! Ci si deve porre la domanda: le sue doti da attore/attrice lo/la rendono adatto/o per quel ruolo? Sì=ok  No=ritenta con altri interpreti.
  • Ogni singolo attore/attrice può essere usato una sola volta (ovviamente).

Aggiungerei anche una terza regola che davo per scontata ma che nella parte 1 non lo è stata:

  • Valgono solo attori ad attrici! Qualsiasi altro artista che non ha mai fatto cinema di un certo livello è escluso da tale rubrica.

E per la serie “prima le signore” cominciamo con:

  • Boa Hancock= Scarlett Johansson

Forse questo è l’unico caso dove conta parecchio anche l’aspetto dell’attrice, proprio a causa della natura del personaggio. In tutta onestà avrei preferito mettere Angelina Jolie, ma purtroppo non ha più 25 anni ed utilizzare il trucco (già troppo in questa ipotetica serie) per ringiovanirla sarebbe davvero uno spreco. Meglio utilizzare una bellezza più “moderna”, quindi la nostra cara Scarlett…che poi con i capelli lunghi e scuri (come in foto) non sta nemmeno male.

  • Orso Bartholomew= Sylvester Stallone

Premessa: quando si tratta di persone enormi o si possono ingigantire a computer, oppure si utilizza una tecnica chiamata prospettiva forzata. È un “trucco del mestiere” divenuto popolare grazie alla trilogia de Il Signore degli Anelli, nota anche come IST (Intoccabile Santa Trinità). In parole MOLTO semplificate si cerca d’ingannare l’occhio facendo credere che i personaggi siano uno di fronte all’altro quando in realtà sono sfalsati anche di diversi metri. Ovviamente anche il paesaggio e gli oggetti devono essere ingranditi o rimpiccioliti per mantenere questa “illusione”. Unico problema sono le scene dinamiche dove il movimento di camera e degli attori svela l’illusione e lì serve per forza l’aiuto della tecnologia.

Un’altra alternativa, anche se dispendiosa in termini di tempo è girare la scena prima solo con tizio enorme, poi solo con tizio basso ed infine sovrapporle come se fosse una scena unica. Insomma come potete vedere i modi per sviare questo problema non mancano.

Quindi, tornando a noi…

Occorre qualcuno che di base abbia la costituzione adatta, capace d’incutere timore e….un bel mascellone: Sylvester Stallone (hei ho fatto la rima!).

Un po’anzianotto? Sì, ma possiamo concederci questo piccolo sgarro, negli adattamenti si fanno sempre alcune variazioni. Il copia e incolla c’è già, si chiama anime.

  • Drakul Mihawk= Ethan Hawke

La prima persona che viene in mente è Johnny Depp, ma sappiamo tutti il suo “stile eccentrico” nell’interpretare personaggi di fantasia, in più lui è già Capitan Jack Sparrow! Inserirlo in una “seconda identità” da pirata non renderebbe perchè tutti noi abbiamo in testa già l’indimenticabile Jack! Quindi piano B: Ethan Hawke. Un attore buono di cui stranamente nessuno si ricorda mai, in più sia lui che il personaggio da interpretare hanno la parola “falco” nel proprio cognome. Coincidenze?

  • Donqijote Doflamingo= Tom Hiddleston

La scelta è esclusivamente recitativa. Hiddleston impersona Loki nel MCU e ci sono piccoli parallelismi tra i due personaggi (l’odio verso il padre, l’essere manipolatore…) quindi partirebbe già con il piede giusto nell’interpretare uno dei personaggi più complicati di One Piece. Inoltre serve assolutamente qualcuno con la “risata adatta”, in grado cioè di riprodurre quel sorriso inquietante che contraddistingue il nostro fenicottero e Tom Hiddleston ha questa dote in maniera naturale! Quando ride a 32 denti mette sempre in soggezione! (vedere foto per credere).

  • Gekko Moria= Ewen Bremner

Qui serve la CGI (di nuovo!!), ma a differenza di Chopper e Brook dove essa è totale, qui occorre una cosa tipo alla Hulk o Avatar, dove nonostante tutto il volto dell’attore è presente e riconoscibile. Ho scelto Bremner sia a causa dei particolari lineamenti del viso che lo rendono perfetto per questo ruolo, sia perchè spesso interpreta personaggi particolari, che, pur occupando piccole parti recitative, ti rimangono impressi rispetto ad altri e l’aspetto particolarissimo di Moria come te lo fai a dimenticare?

  • Jinbe= Mark Ruffalo

Occorre un buon trucco e dei supporti che nascosti sotto le vesti aumentino la stazza del busto dell’attore (il resto del corpo Jinbe lo ha normale). Per pura logica sceglierei Mark Ruffalo abituato grazie ad Hulk a fare la parte di tizi XL. Non scordiamo, poi, che ha recitato benissimo anche in ruoli molto più seri come il caso Spotlight, Shutter Island, i ragazzi stanno bene…Quindi si troverebbe a suo agio in quelle scene-monologo classiche di Jinbe.

  • Crocodile= Colin Farrell

Esperienza nella recitazione ne ha, lo stile di Crocodile saprebbe farlo benissimo, onestamente non so che aggiungere. È il suo ruolo.

Si è conclusa, così, anche la seconda parte sulla Flotta dei 7, vi aspetto con il terzo capitolo dedicato alle 11 Supernove. Alla prossima!

twitchAbbiamo aperto un canale Twitch, clicca qui per iscriverti!

One Piece è un manga scritto e disegnato da Eiichirō Oda, serializzato sulla rivista giapponese Weekly Shōnen Jump di Shūeisha dal 19 luglio 1997. La casa editrice ne raccoglie periodicamente i capitoli anche in volumi formato tankōbon, di cui il primo è stato pubblicato il 24 dicembre. L’edizione italiana è curata da Star Comics, che ne ha iniziato la pubblicazione in albi corrispondenti ai volumi giapponesi il 1º luglio 2001. La storia segue le avventure di Monkey D. Luffy, un ragazzo il cui corpo ha assunto le proprietà della gomma dopo aver inavvertitamente ingerito il frutto del diavolo Gomu Gomu. Raccogliendo attorno a sé una ciurma, Luffy esplora la Grand Line in cerca del leggendario tesoro One Piece e inseguendo il sogno di diventare il nuovo Re dei pirati

One Piece è adattato in una serie televisiva anime, prodotta da Toei Animation e trasmessa in Giappone su Fuji TV dal 20 ottobre 1999. L’edizione italiana è edita da Merak Film ed è andata in onda su Italia 1 dal 5 novembre 2001 per poi continuare su Italia 2 nel 2012; inizialmente intitolata All’arrembaggio!, la serie ha avuto diversi cambi di denominazione nel corso delle stagioni, fino ad assestarsi sull’originale One Piece. Toei Animation ha prodotto inoltre 11 special televisivi, 13 film anime, due cortometraggi 3D, un ONA e un OAV. Svariate compagnie ne hanno tratto merchandise di vario genere, come colonne sonore, videogiochi e giocattoli.

One Piece ha goduto di uno straordinario successo. Diversi volumi del manga hanno infranto record di vendite e di tiratura iniziale in Giappone. Con trecento milioni di copie in circolazione al 2014 l’opera è il manga ad avere venduto di più al mondo. Il 15 giugno 2015 è entrato inoltre nel Guinness dei primati come serie a fumetti disegnata da un singolo autore con il maggior numero di copie pubblicate: oltre 320 milioni.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here