I 10 migliori manga di samurai

3511

Scopriamo i dieci migliori manga di samurai secondo l’utenza di MyAnimeList

10 MIGLIORI MANGA DI SAMURAI – I samurai sono sempre stati oggetto di interesse in molti aspetti dei media giapponesi, anche grazie al fascino del loro codice d’onore. Indubbiamente, l’atto di affinare le proprie abilità per tendere alla perfezione consente ai mangaka di creare personaggi coinvolgenti che generalmente si muovono nel tumultuoso paesaggio del periodo Edo.

Di conseguenza, il genere riflette generalmente un forte apprezzamento per la storia e lo spirito guerriero, temi che rendono alcune serie senza tempo. Tanto che alcuni dei titoli che vedremo in questa classifica dei dieci migliori manga di samurai vedremo anche fumetti risalenti agli anni ’70. Ciò dimostra indubbiamente la forza del genere.

La classifica sarà basata sui punteggi presenti nel database di MyAnimeList, che raccoglie i voti di migliaia di utenti.

10 – KAZE HIKARU, di Taeko Watanabe (7.85)

manga di samurai

Durante la rivoluzione di Bakumatsu, che pose fine all’era Tokugawa e diede inizio alla Meji, una giovane ragazza di nome Sei Tominaga, per vendicare la morte del padre e del fratello, si traveste da maschio e acquista l’identità di Seizaburo Kamiya per riuscire a entrare nel clan Shinsengumi. Nel 2003 Kaze Hikaru si è aggiudicato il Shogakukan Manga Award nella categoria shoujo. -animelick

Ambientato durante la rivoluzione Bakamatsu, una giovane ragazza di nome Sei si traveste da ragazzo per diventare un samurai e vendicare la morte dei suoi genitori. È durante il suo addestramento che incontra il compagno samurai Okita.

La storia del periodo precedente l’inizio dell’era Meiji si propone come uno sfondo interessante per le vicende e le difficoltà di Sei. Tuttavia, la serie ha conquistato i fan non solo per il suo approccio storico, ma anche per lo sviluppo del personaggio di Sei e al mix di azione e romanticismo.

Leggi anche: Toki, la donna che fa viaggiare nel tempo!

9 – KUBIKIRI ASA – SAMURAI EXECUTIONER, di Kazuo Koike e Goseki Kojima (8.01)

manga di samurai

Kubikiri Asa è un’opera partorita dagli stessi autori del popolare Lone Wolf and Cub. La serie è stata serializzata in Giappone dal 1972 al 1976 e raccolta in 10 volumi. La storia è ambientata durante il periodo Edo, nel Giappone feudale, ed ha come protagonista Yamada Asaemon (soprannominato Kubikiri-Asa o “Tagliateste Asaemon”), una ronin che ha la responsabilità di collaudare le nuove spade per lo shogun. Egli è spesso chiamato anche a compiere esecuzioni capitali. Molte delle storie narrate nella serie in realtà non si concentrano su Asaemon, ma sui tanti personaggi in cui questi si imbatte nello svolgimento del proprio importante incarico. Il più delle volte vengono narrate le vicende dei criminali che egli è incaricato di giustiziare, e che si raccontano prima di ricevere il colpo fatale. Ogni volume è tratteggiato con grande accuratezza storica, anche se i personaggi del manga sono fittizi. -animelick

Una delle due serie nella lista che è stata pubblicata negli anni ’70, un’epoca di grandi opere che spesso vengono dimenticate. Samurai Executioner è una delle serie che ha gettato le basi per il genere. Attraverso le imprese del samurai Kubikiri Asa (decapitatore e maestro samurai dello shogun). Il lettore viene catapultato nel violento mondo dei samurai.

La serie si concentra sui doveri del samurai, la forte volontà e l’abilità necessarie per sopravvivere in un mondo saturo di avidità e desiderio di vendetta.

Leggi anche: Shutenmaru: il Robin Hood di Wano

8 – OOKU – LE STANZE PROIBITE, di Fumi Yoshinaga (8.07)

manga di samurai

In un ipotetico Giappone feudale alternativo, una strana malattia che colpisce soltanto gli uomini ha causato una massiccia riduzione della popolazione maschile, modificando del tutto la struttura sociale e costringendo le donne a prendere il posto degli uomini anche nei lavori più duri. Dopo ottant’anni dall’insorgenza del morbo, con un rapporto di un uomo ogni quattro donne, il Giappone è diventato un impero completamente matriarcale, in cui le donne detengono tutti i più importanti ruoli di potere e gli uomini figurano semplicemente come loro consorti. Solo la donna più potente e influente, a capo dello shogunato Tokugawa, può detenere un intero harem di bellissimi uomini, conosciuto come “Oooku”. -animelick

Ambientato in un Giappone alternativo, dove la popolazione maschile ha visto un netto declino che ha portato al dominio del matriarcato, Ooku offre una svolta interessante sia sul genere harem che su quello dei samurai. Tanto che la mangaka Fumi Yoshinaga ha ricevuto molti riconoscimenti e premi per il suo lavoro.

Leggi anche: One Piece – Ecco da dove arriva Shinobu!

7 – SHIGURUI – LE SPADE DELLA VENDETTA, di Takayuki Yamaguchi (8.14)

shigurui

Lo stile di spada dello spietato maestro Kogan Iwamoto è rinomato per la sua imbattibilità: tutti gli ardimentosi che ne hanno sfidato la scuola hanno difatti perso la vita o sono stati deturpati da orribili mutilazioni. Kogan è però ormai anziano e si avvicina il giorno in cui nominerà fra i suoi discepoli colui che gli succederà e ne sposerà la figlia. Gennosuke e Seigen sono i due migliori samurai del dojo, ma nient’altro li accomuna. I due sono anzi divisi da una bruciante rivalità, e l’ambizione e la bramosia condurranno alla rovina uno di loro, la cui vendetta trascinerà nel baratro l’intera scuola di Kogan. “Le Spade Della Vendetta” è uno scabroso racconto che narra il lato oscuro dei samurai, in un’era di eccessi, sadismi, rigore militare, follia e misticismo. -animeclick

Shigurui si contraddistingue per lo stile visivo che ricorda serie come Le bizzarre avventure di Jojo, Grappler Baki e Kengan Ashura. Di conseguenza, ci sono molte scelte di design atte a celebrare la forma umana. Inoltre, la serie contiene sequenze di combattimento avvincenti che hanno contribuito alla popolarità del manga.

Leggi anche: 10 combattimenti in cui il protagonista avrebbe dovuto perdere

6 – HOUSE OF FIVE LEAVES BY NATSUME ONO (8.14)

manga di samurai

Serie ambientata sotto il dominio dell’ottavo shogun dell’epoca Edo. Akitsu Masanosuke, ronin in cerca di padrone, viene assunto come guardia del corpo di Yaichi, carismatico leader del “Casato delle Cinque Foglie”. Dietro al criminale, però, si celano molto più delle semplici attività illecite. -animeclick

La mangaka Natsume Ono è un talento sfaccettato all’interno della produzione nipponica, dilettandosi in vari generi. In particolare, si fanno notare le abilità nella creazione di un contesto emotivo appropriato alle storie che racconta. Di conseguenza, non sorprende che la sua unica incursione nei manga di samurai sia risaltata all’interno del fandom di questo genere di opere.

La serie di discosta molto dalle sanguinose storie proposte in questa lista, riuscendo a distinguersi proprio per le sue diversità.

Leggi anche: 5 personaggi che Usopp può sconfiggere a Wano

5 – L’IMMORTALE, di Hiroaki Samura (8.44)

l'immortale manga

L’Immortale segue le vicende di Manji, un abile samurai dotato di un enorme potere: nessuno può ucciderlo se non somministrandogli un raro veleno. In passato Manji ha compiuto degli atti criminali, uccidendo 100 samurai (incluso il marito di sua sorella). La sua immortalità deriva dal verme Kessen-chu, che vive in simbiosi con il suo corpo e gli permette di bloccare il naturale processo di invecchiamento rimarginando in poco tempo qualunque ferita inflittagli. Per liberarsi dall’immortalità, Manji dovrà uccidere 1000 “scellerati”. Durante il suo cammino, Manji incontra la giovane Rin Asano, unica sopravvissuta alla strage che gli uomini dell’Itto-Ryu hanno perpetrato sulla sua famiglia. La giovane chiede all’abile samurai di aiutarla a vendicarsi, ed egli decide di appoggiarla soltanto perché lei gli ricorda la defunta sorella. Inizia così la caccia ai membri dell’Itto-Ryu. -animeclick

Seguendo le vicende di un samurai immortale, il manga di Hiroaki Samura racconta una elegante storia di vendetta. La serie vanta alcune fantastiche sequenze d’azione, rendendolo L’Immortale un punto di riferimento all’interno del panorama moderno del genere.

Leggi anche: Onigashima e la leggenda di Momotaro

4 – GINTAMA, di Hideaki Sorachi (8.56)

gintama

La storia si svolge nella città di Edo, l’attuale Tokyo, in Giappone. Questa città viene invasa da degli alieni chiamati Amanto sin dal periodo Edo. I samurai giapponesi sono ormai caduti, e gli Amanto hanno posto il divieto di portare le katane in pubblico. La trama si concentra su un eccentrico samurai, Sakata Gintoki, il suo (parziale) apprendista Shimura Shinpachi, e una giovane aliena, Kagura. Tutti e tre sono dei liberi professionisti che cercano lavoro per pagare l’affitto mensile, cosa che solitamente non accade. -animeclick

Gintama ha trovato il successo come una delle migliori commedie moderne, con una particolare abilità nel parodiare a meraviglia altre serie. Innegabilmente, la serie ha affascinato molti fan con il suo mix di generi, utilizzando il periodo Edo e i samurai come sfondo delle vicende.

La serie comica riesce anche ad avere molto cuore ed è in grado di costruire alcuni momenti davvero rilevanti. A differenza di qualsiasi altra serie nell’elenco, Gintama ha creato la tempesta perfetta di generi che lo colloca in cima a questa lista.

Leggi anche: Le 10 battaglie off-screen più iconiche di sempre

3 – KENSHIN SAMURAI VAGABONDO, di Nobuhiro Watsuki (8.62)

kenshin samurai vagabondo

La narrazione ruota attorno al protagonista Battousai Himura, spietato assassino, che a metà 1800 contribuì alla fine dello Shogunato Tokugawa, sul trono da 200 anni, e all’avvento del periodo Meiji. In seguito all’insediamento del nuovo governo, Battousai scompare per tornare sotto nuovo nome: Kenshin. Ora viaggia con una katana a lama invertita che non può tagliare nessuno, e il suo obiettivo sta nel proteggere le persone che incontra dalle ingiustizie. Nel suo viaggio, Kenshin si troverà coinvolto in combattimenti con samurai che non apprezzano il nuovo stile di vita pacifico (nella nuova era Meiji non è più permesso nemmeno a un samurai di portare la spada) e in complotti che cercano di restaurare la vecchia società feudale. -animeclick

Probabilmente Kenshin Samurai Vagabondo è la serie di questo elenco che ha avuto più successo, grazie a serie anime e film live-action che hanno alimentato il mito di Battosai. Tuttavia, niente di tutto ciò sarebbe stato possibile se non fosse stato per il manga di Nobuhiro Watsuki. Il manga si distingue per vari motivi, tra cui i personaggi accattivanti e senza tempo, sempre sviluppati mediante aspirazioni e desideri.

Leggi anche: Luffy esce dal manga in questa figure di Wano

2 – LONE WOLF & CUB, di Kazuo Koike e Goseki Kojima (8.65)

lone wolf and cub

Nel giappone del 17° secolo il samurai Ogami Itto ricopre la prestigiosa carica di Kogi Kaishakunin, il boia dello Shogun. La potente famiglia degli Yagyû ordisce un subdolo inganno per sottrarre a Itto la sua importante posizione, non facendosi scrupolo di ucciderne la moglie. Privato della sua dignità di samurai e costretto al seppuku (il suicidio rituale), Itto decide di ribellarsi e sceglie la via del Meifumaido: divenuto un ronin (samurai senza padrone) e accompagnato dal figlio di soli 3 anni in un continuo peregrinare nelle terre del sol levante, diventa un assassino a pagamento col nome de “Il lupo solitario e il suo cucciolo” col fine di ricostituire il proprio casato e soprattutto vendicarsi degli odiati Yagyû. Nella sua missione di vendetta, sempre in bilico sul sottile filo fra la vita e la morte, egli si affida alla sua impareggiabile maestria nell’uso della spada, alla sua incrollabile determinazione e alla attiva collaborazione del figlio, il quale, sebbene molto piccolo, non esita a rischiare la vita nel condividere il destino del padre. -animeclick

La seconda serie di questo elenco, originariamente pubblicata negli anni ’70, Lone Wolf and Cub è probabilmente la serie di maggior impatto in questa lista. La serie ha anche ispirato una serie cinematografica, che è diventata iconica per il genere samurai. Inoltre, lo scenario di un saggio guerriero che deve prendersi cura di un bambino piccolo è diventato una formula imitata molteplici volte. Un vero capolavoro del genere, tra i migliori manga di samurai di tutti i tempi.

Leggi anche: La nuova figure di Zoro in versione cyborg

1 – VAGABOND, di Takehiko Inoue (9.10)

vagabond

Ambientato nel Giappone del XVII secolo, successivo alla battaglia di Sekigahara, seguiamo la vita di Takezo Shinmen alias Musashi Miyamoto e di Kojirō Sasaki, due fenomenali spadaccini realmente esistiti dalle leggendarie abilità. La storia si apre successivamente alla battaglia e tra gli sconfitti sopravvissuti ci sono Takezo Shinmen e il suo amico Matahachi Honiden. Per fare ritorno al loro villaggio natale dovranno superare molte insidie e verranno accolti dalla bella Oko e da sua figlia Akemi. Le strade dei due amici qui si separeranno, generando una serie di eventi che cambieranno per sempre la loro vita. -animeclick

Vagabond è verosimilmente la serie di samurai più adorata che sia mai stata pubblicata. Molti fan la considerano non solo una lettura obbligata per il genere, ma per il medium in generale.

Basato sul leggendario spadaccino Miyamoto Musashi, la serie offre una visione storicamente accurata del Periodo Edo Japan, condita da drammaticità e straordinaria arte visiva. Innegabilmente, Vagabond merita la prima posizione in questa classifica dei migliori manga di samurai.

Fonte: cbr

I 10 migliori anime di Toei Animation

Lascia un commento