I 10 migliori anime a tema soprannaturale di sempre

1317

Scopriamo i dieci migliori anime di genere soprannaturale di sempre, secondo l’utenza di MyAnimeList

Il genere soprannaturale conta un gran numero di titoli, rendendolo uno dei più ampli all’interno del database MyAnimeList. Ci sono ben 1508 anime che raccontano di storie che trascendono i limiti dell’esperienza e della conoscenza umana.

Scopriamo pertanto i dieci migliori anime soprannaturali secondo l’utenza di MyAnimeList. Soltanto un titolo di uno stesso franchise verrà selezionato, così da evitare ripetizioni di serie come le Monogatari, tra gli esempi più popolari.

10 – Mushishi, 2014 (8.75/10)

mushishi soprannaturale

In natura esistono i mushi, strane creature simili ad insetti invisibili alla maggior parte degli uomini. Queste sono entità legate alla vita e alla natura in modo più profondo rispetto all’uomo, in grado di alterare, anche profondamente, la vita di tutte le creature con cui vengono a contatto. Ginko è un mushishi, un uomo in grado di vedere i mushi, che viaggia per tutto il Giappone senza fissa dimora. Il suo compito è risolvere i più disparati problemi causati dai mushi agli esseri umani. Ogni episodio è una nuova storia, un nuovo mushi di cui esplorare storia, natura ed effetti, una nuova situazione di cui indagare personaggi, caratterizzazioni psicologiche, situazione sociale ed economica. -animeclick

Mushishi è un manga di dieci volumi creato da Yuki Urushibara. L’opera ha vinto diversi premi: nel 2003 ha vinto il premio all’eccellenza al Japan Media Arts Festival e il premio per il miglior manga al Premio Kodansha per i manga nel 2006. La pubblicazione italiana del manga è curata da Star Comics. Il fumetto ha avuto anche un adattamento anime di 26 episodi prodotto dalla Artland nel 2005. Nel 2006 il regista Katsuhiro Ōtomo ha diretto l’adattamento live action del manga, presentato al Festival del cinema di Venezia.

Leggi anche: I 10 migliori anime psicologici di sempre

La serie di Yuki Urushibara ha ricevuto diversi adattamenti animati da parte dello studio d’animazione Artland. La prima è trasmessa tra 2005 e 2006, in 26 episodi che riproponevano altrettanti capitoli del manga sino al quinto volume. A questa prima produzione ha fatto seguito nel 2014 lo special TV Mushishi tokubetsu-hen ‘Hihamukage’, adattamento dello speciale omonimo della serie manga.

Dopo la trasmissione viene annunciato il seguito ufficiale della serie televisiva: Mushishi zoku-shō, composto da 20 episodi totali. Gli episodi 11 e 12 sono stati uniti in un unico special TV, Mushishi zoku-shō tokubetsu-hen “Odoro no michi”, andato in onda il 20 agosto dello stesso anno.

Un film riassuntivo degli ultimi capitoli del manga, Mushishi zoku-shō: Suzu no shizuku, realizzato dallo stesso staff delle serie televisive anime, è uscito nei cinema giapponesi il 16 marzo 2015, chiudendo così l’opera.

9 – Demon Slayer the Movie: Mugen Train, 2020 (8.77/10)

demon slayer

In seguito alla riabilitazione e all’apprendimento di nuove tecniche, Tanjiro e i suoi compagni riprendono la loro attività di cacciatori di demoni, preparandosi ad affrontare nuove, pericolosissime missioni. Il loro prossimo incarico consisterà nell’indagare su un treno dal quale sono misteriosamente scomparse oltre quaranta persone nell’arco di breve tempo. L’identità del demone è attualmente sconosciuta, tuttavia, questa volta il gruppo di giovani cacciatori potrà contare sull’aiuto del pilastro del fuoco. -animeclick

Demon Slayer: Kimetsu no Yaiba the Movie: Mugen Train, noto anche come Demon Slayer: Mugen Train o Demon Slayer: Infinity Train, è un film d’azione dark fantasy giapponese del 2020. Il film è basato sulla serie manga shōnen Demon Slayer: Kimetsu no Yaiba di Koyoharu Gotouge. Mugen Train è un sequel diretto della prima stagione della serie anime, diretto da Haruo Sotozaki e scritto dai membri dello staff di Ufotable. Il film è stato prodotto da Ufotable in associazione con Aniplex e Shueisha.

Questo film ha incassato oltre 500 milioni di dollari al botteghino mondiale, diventando il film con il maggior incasso del 2020, la prima volta che una produzione non hollywoodiana ha superato il botteghino annuale. Ha anche stabilito i record al botteghino per il film anime e il film giapponese con il maggior incasso di tutti i tempi.

Leggi anche: 10 combattimenti in cui il protagonista avrebbe dovuto perdere

8 – Jujutsu Kaisen, 2020 (8.77/10)

jujutsu kaisen

Itadori Yuji è un ragazzo dall’incredibile possanza fisica, malgrado viva una vita comune da liceale. Per salvare un amico attaccato da una Maledizione, un giorno, ingoia il dito dello Spettro Bifronte, accogliendo così la Maledizione nella sua stessa anima. Condivide da allora il suo corpo con lo Spettro Bifronte. Sotto la guida del più potente degli stregoni, Gojo Satoru, Itadori è ammesso alla Tokyo Metropolitan Technical High School of Sorcery. Questa è un’organizzazione che combatte le Maledizioni. Inizia così il racconto eroico di un ragazzo che diviene una Maledizione per esorcizzare le Maledizioni, vita da cui non potrà mai tornare indietro. -animeclick

Leggi anche: I 10 migliori anime horror di sempre

Jujutsu kaisen – Sorcery Fight è un manga scritto e disegnato da Gege Akutami, pubblicato sulla rivista Weekly Shōnen Jump di Shūeisha a partire dal 5 marzo 2018. I singoli capitoli vengono poi raccolti e pubblicati in volumi tankōbon. A luglio 2019, Planet Manga ne ha annunciato la pubblicazione italiana, che è iniziata nell’ottobre 2019.

La serie è il sequel di una serie mensile di quattro capitoli chiamata L’istituto di arti occulte di Tokyo. Venne pubblicata sulla rivista Jump Giga di Shueisha da aprile a luglio 2017, e successivamente pubblicata sotto forma di volume con il titolo Jujutsu kaisen 0 a dicembre 2018.

Un adattamento di anime di 24 episodi realizzato da MAPPA è stato presentato in anteprima su MBS nell’ottobre 2020. L’anime è arrivato su Crunchyroll per lo streaming al di fuori dell’Asia.

7 – Fate/stay night Movie: Heaven’s Feel – III. Spring Song, 2020 (8.80/10)

fate heaven feel soprannaturale

Trilogia di film basati sulla terza route della visual novel erotica di “Fate/Stay Night” della Type-Moon. Questa terza e conclusiva route, Heaven’s Feel, ha come eroina principale Sakura Matou e ne viene approfondito il rapporto con gli altri personaggi principali come Rin e Shirou. Quest’ultimo è stato coinvolto in una guerra per ottenere il Santo Graal, un oggetto capace di esaudire qualunque desiderio. Tutti i partecipanti devono usare spiriti eroici chiamati Servant per combattere tra di loro, tuttavia, Shirou è un novizio privo delle abilità magiche necessarie, quindi, si rivelerà ancora più complicato riuscire a salvare la sua vita e quella della sua amica Sakura. -animeclick

Fate/stay night: Heaven’s Feel – III. spring song è un film d’animazione di produzione giapponese del 2020 diretto da Tomonori Sudō e prodotto dallo studio Ufotable.

Sequel del precedente Fate/stay night: Heaven’s Feel – II. lost butterfly, è il terzo ed ultimo capitolo della trilogia cinematografica di Fate/stay night: Heaven’s Feel, trasposizione della terza route omonima narrata nella visual novel Fate/stay night pubblicata da Type-Moon, concepita da Kinoko Nasu ed illustrata da Takashi Takeuchi.

Il film ripercorre gli eventi degli ultimi due giorni della quinta Guerra del Santo Graal e il suo successivo epilogo.

Leggi anche: 10 eroi degli anime che hanno ucciso i propri genitori

6 – La città incantata, 2001 (8.81/10)

la città incantata

Cihiro è una bambina di 10 anni. I suoi genitori si stanno trasferendo in una nuova città quando, a pochi minuti dall’arrivo, si ritrovano nel mezzo del bosco davanti a uno strano edificio. Incuriosito, il padre di Chihiro scende dall’auto e insiste per dare un’occhiata. La bambina, inizialmente contraria, si affretta a raggiungerli, intimorita dal rimanere da sola in macchina ad aspettarli. Attraversano il curioso edificio e, una volta dall’altra parte, si ritrovano in un ampio prato. Da lì, raggiungono un curioso villaggio… -animeclick

La città incantata o anche La sparizione di Chihiro e Sen è un film d’animazione del 2001 scritto e diretto da Hayao Miyazaki.

Leggi anche: Luffy e Katakuri disegnati con lo stile dello Studio Ghibli in questa popolare fan-art

Prodotto dallo Studio Ghibli e distribuito dalla Buena Vista, il film, liberamente ispirato al romanzo fantastico Il meraviglioso paese oltre la nebbia della scrittrice Sachiko Kashiwaba, narra le avventure di Chihiro, una bambina di dieci anni che si introduce senza rendersene conto, insieme ai genitori, in una città incantata abitata da yōkai (spiriti). Qui i genitori della bambina vengono trasformati in maiali dalla potente maga Yubaba e la piccola protagonista decide di rimanere nel regno fatato per tentare di liberarli.

Il film presenta l’altissima qualità tecnica consueta dello Studio Ghibli ed è considerato il capolavoro del cineasta giapponese Miyazaki. Pubblicato il 20 luglio 2001, diventò il film di maggior successo della storia del Giappone, incassando circa 330 milioni di dollari in tutto il mondo. Superò Titanic (allora in cima alle classifiche di vendita) ai box-office giapponesi e rimase per 19 anni il lungometraggio di maggior successo nella storia in Giappone, con un incasso totale di 30,4 miliardi di yen.

Acclamato all’unanimità dalla critica, è considerato uno dei migliori film degli anni 2000 e della storia del cinema. Vinse l’Orso d’Oro alla cinquantaduesima edizione del festival internazionale del cinema di Berlino e (caso finora unico nella storia degli anime) l’Oscar per il miglior film d’animazione nel 2003.

5 – Kizumonogatari, 2017 (8.81/10)

monogatari soprannaturale

In seguito alla cerimonia di chiusura dell’anno scolastico, Araragi viene a conoscenza di alcune voci in merito alla presenza di un vampiro in città grazie alla sua amica Hanekawa, una studentessa modello della sua scuola. In quello stesso giorno, troverà una donna gravemente ferita nella stazione della metropolitana. Ciò che Araragi non sa, però, è che quella donna altri non è che una leggendaria vampira centenaria, che lo coinvolgerà in svariate situazioni soprannaturali. -animeclick

Kizumonogatari è una trilogia di film d’animazione giapponese diretta da Akiyuki Shinbo e Tatsuya Oishi e prodotta da Shaft. Insieme, i film sono un adattamento dell’omonima light novel del 2008, che è la seconda voce della serie Monogatari scritta da Nisio Isin e un prequel del primo, Bakemonogatari. Il primo film, Kizumonogatari Part 1: Tekketsu, è uscito nelle sale giapponesi l’8 gennaio 2016. Il secondo film, Kizumonogatari Part 2: Nekketsu, è stato rilasciato il 19 agosto 2016, e il terzo e ultimo film, Kizumonogatari Part 3: Reiketsu, è stato rilasciato il 6 gennaio 2017.

Leggi anche: Attack on Titan: le altezze dei personaggi in un video in cgi

4 – Mob Psycho 100 II, 2019 (8.82/10)

mob psycho 100

In seguito alle avversità affrontate nella precedente serie, Mob ha ricominciato a frequentare la scuola. Torna a essere uno studente che nel tempo libero abbatte qualche spirito maligno per conto di Reigen. Questa pace apparente, però, non è destinata a durare a lungo. Sembra che l’organizzazione chiamata “Artiglio” abbia intenzione di ritornare in azione, e questa volta Mob potrebbe non essere pronto a un nuovo scontro. Di recente, infatti, la sua vita è scossa da un sentimento strano e inaspettato che non aveva mai provato prima: l’amore. -animeclick

Mob Psycho 100 è un manga scritto e disegnato da One, serializzato sulla webzine Ura Sunday di Shogakukan dal 18 aprile 2012 al 22 dicembre 2017. Un adattamento anime, prodotto da Bones, è trasmesso in Giappone tra l’11 luglio e il 26 settembre 2016. Una seconda stagione è trasmessa da gennaio 2019. In lingua italiana il manga è edito da Star Comics, mentre l’anime è stato sottotitolato via streaming da Crunchyroll.

Dal manga è tratto uno spin-off intitolato Reigen.

Shigeo Kageyama è uno studente delle medie soprannominato Mob, che pur essendo una persona poco appariscente, è di fatto un esper particolarmente dotato. Più cresce, più Mob si rende conto però del pericolo che le sue abilità psichiche costituiscono. Cerca quindi di vivere una vita normale per evitare di perderne il controllo. Accumulando emozioni represse di giorno in giorno, a seconda degli ostacoli che gli si parano davanti, il suo potere minaccia di strabordare in ogni momento.

Leggi anche: I 10 migliori manga di samurai

3 – Your Name., 2016 (8.92/10)

your name soprannaturale

Mitsuha è una studentessa delle superiori che vive in una cittadina rurale immersa nel profondo delle montagne. Vive con la sorellina e la nonna, mentre suo padre, il sindaco del paesino, non sta a casa quasi mai. Mitsuha non ama il posto dove vive e anela il meraviglioso stile di vita di Tokyo. Taki, invece, è uno studente che vive nel centro di Tokyo che passa il tempo con i suoi amici, lavora part-time in un ristorante italiano e si interessa di architettura e belle arti. Un giorno, Mitsuha ha un sogno in cui lei è un giovane uomo. Anche Taki ha un sogno in cui è uno studente di liceo femminile in un paese di montagna che non ha mai visitato. Qual è il segreto che si cela dietro questi sogni? -animeclick

Your Name. è un film d’animazione giapponese del 2016 scritto e diretto da Makoto Shinkai. Prodotto da CoMix Wave Films e distribuito da Toho, il lungometraggio è correlato all’omonimo romanzo dello stesso Shinkai, pubblicato il 18 giugno 2016. Masayoshi Tanaka si è occupato del character design e il gruppo musicale Radwimps ha composto la colonna sonora. Il film è stato presentato per la prima volta all’Anime Expo 2016 svoltosi a Los Angeles, California il 3 luglio 2016, e successivamente in Giappone il 26 agosto 2016.

Leggi anche: I 10 migliori anime scolastici di sempre

Your Name. ha ricevuto ottime opinioni dalla maggior parte della critica cinematografica: sul sito Rotten Tomatoes il film ha una “freschezza” del 98%, basata su 111 recensioni, e un punteggio medio di 8.3/10. Viene così descritto: “Your Name., una storia meravigliosamente animata ed estremamente emozionante, aggiunge un altro capitolo alla filmografia dello sceneggiatore e regista Makoto Shinkai”. Similmente, sul sito Metacritic, che raccoglie opinioni di critici e pubblico, il film ha ricevuto 80/100 di valutazione, basandosi su 8 recensioni di critici, punteggio che indica “recensioni generalmente positive”, mentre il voto degli utenti è di 9.3/10. Sul sito IMDb, Your Name. ha ottenuto un voto di 8,4/10 dal pubblico.

Mark Schilling, del The Japan Times, assegna a Your Name. una valutazione di 4/5, apprezzandone l’animazione per “l’unione di magnifici, realistici dettagli e di fantasia nata dall’emozione” e criticando l’uso eccessivo di gag basate sull’imbarazzo e la goffaggine dei protagonisti alle prese l’uno col differente sesso dell’altra, affermando che esse “sono abbastanza carine, ma come lo sono altre simili in dozzine di serie TV locali”. Inoltre afferma che il finale è “una sorpresa solo per chi non ha mai visto un seishun eiga (film sulla gioventù) giapponese”.

Mark Kermode, del quotidiano britannico The Guardian, l’ha inserito al nono posto nella classifica dei migliori film distribuiti nel suo paese nel 2016.

2 – Clannad: After Story, 2009 (8.95/10)

clannad after story

La seconda stagione di “Clannad” riparte esattamente dove si era interrotta la prima. Tomoya e Nagisa trascorrono spensieratamente gli ultimi mesi di scuola prima del diploma. Una volta terminata la scuola, poi, si ritroveranno a dover affrontare i problemi tipici della vita adulta, come la ricerca di un lavoro e la costruzione di una famiglia. Il futuro, però, sembra essere costellato di poche luci e molte ombre. -animeclick

Clannad è una visual novel giapponese sviluppata da Key e pubblicata il 28 aprile 2004 per Microsoft Windows. A differenza dei due titoli precedenti di Key, Kanon ed Air, pubblicati prima come giochi per adulti e poi censurati e riadattati per un pubblico più giovane, Clannad è concepito direttamente come un gioco rivolto a tutte le età. Oltre ai port per le console PlayStation 2, PlayStation Portable, Xbox 360, PlayStation 3 e PlayStation Vita, la versione Full Voice del gioco viene pubblicata su Steam da Sekai Project.

Leggi anche: ONE PIECE: un video mostra le altezze dei personaggi mentre ballano

La prima parte della storia, School Life, ruota attorno a Tomoya Okazaki, un delinquente delle superiori che incontra diverse persone durante il suo ultimo anno di liceo. Tra queste cinque ragazze che verranno aiutate da lui a risolvere i loro problemi. La seconda parte, chiamata After Story, segue invece la sua vita da adulto dopo aver conseguito il diploma. Il gameplay di Clannad si basa su una struttura ramificata che offre al giocatore l’opportunità di scegliere tra vari percorsi d’interazione (routes), incentrati su una delle cinque ragazze o su altri personaggi incontrati nel corso della storia.

La versione per PC è stata il gioco bishōjo più venduto in Giappone al momento della sua pubblicazione. Anche successivamente si è mantenuta tra i primi cinquanta titoli di maggior successo registrati nelle classifiche nazionali delle vendite. Uno spin-off per adulti, intitolato Tomoyo After: It’s a Wonderful Life, è dedicato a una delle cinque eroine, Tomoyo Sakagami.

Leggi anche: I 10 migliori anime di Toei Animation

Clannad ha anche ispirato altri media, realizzati nel corso degli anni seguenti all’uscita del videogioco. Oltre ad antologie, light novel, artbook, drama-CD e album, quattro adattamenti manga sono serializzati rispettivamente da ASCII Media Works, Flex Comix, Fujimi Shobō e Jive. Un film d’animazione, prodotto da Toei Animation, è uscito nelle sale cinematografiche giapponesi il 15 settembre 2007. Mentre tra il 2007 e il 2009 lo studio d’animazione Kyoto Animation ha realizzato due serie televisive anime, accompagnate da due episodi OAV.

1 – Fruit Basket: the Final, 2021 (9.06/10)

fruit basket soprannaturale

La dolce Toru Honda, già orfana di padre, dopo la morte della madre è costretta ad andare a vivere col nonno, poiché nessun altro parente si vuol prendere “il fastidio”. A causa di alcuni problemi ben presto però si trova costretta a lasciare l’abitazione, e decisa ad andare avanti con le sue forze, inizia a vivere in una tenda in un bosco. La positività della ragazza non basta e sciagure si susseguono: un tifone spazza via la sua “casa-tenda”.

Nel momento di maggior sconforto è Yuki Soma ad aiutarla, un compagno di scuola detto “principe” per via del suo bell’aspetto e i modi raffinati. Yuki le propone di trovare sistemazione nella casa in cui vive con dei parenti: Shigure, romanziere brillante, e Kyo, un ragazzo introverso con il quale ha un pessimo rapporto. Toru accetta l’invito estesole da Yuki e Shigure e scopre ben presto il segreto di casa Soma. Quando i membri della famiglia vengono abbracciati da una persona di sesso opposto, si trasformano in uno dei dodici animali dello zodiaco cinese! A vista la cosa potrebbe apparire divertente, si tratta in realtà di un’oscura maledizione a cui sembra impossibile sottrarsi. -animeclick

Leggi anche: 5 anime spokon per gli amanti della commedia

Fruits Basket è un manga shōjo scritto e disegnato da Natsuki Takaya, pubblicato in Giappone sulla rivista Hana to Yume di Hakusensha dal 18 luglio 1998 al 20 novembre 2006. Nel 2001, l’opera ha vinto il premio Kodansha nella categoria shōjo.

Un adattamento anime prodotto dallo Studio Deen è stato trasmesso in Giappone su TV Tokyo a partire dal 5 luglio al 27 dicembre 2001. Tra settembre 2015 e marzo 2019 l’opera cartacea ha avuto un seguito, con personaggi diversi, dal titolo Fruits Basket another. Dal 5 aprile 2019 viene trasmesso su TV Tokyo un remake anime della serie in tre stagioni che, a differenza del precedente, copre tutte le vicende narrate nel manga.

In Italia il manga è stato pubblicato da Dynit dal luglio 2002 al febbraio 2008, mentre l’anime è inedito.

Leggi anche: Arlong, Barbanera e Do Flamingo: i veri pirati di One Piece

Il titolo dell’opera deriva da un semplice gioco per bambini, chiamato appunto “Fruit Basket”. Consiste nel disporsi in cerchio, seduti, mentre al centro il capo assegna a tutti il nome di un frutto che chiamerà in seguito. Quando Tohru era all’asilo e gli altri bambini giocavano a questo gioco, le veniva sempre assegnato l’onigiri, che è una polpetta di riso.

Tohru ingenuamente accettava pensando che l’onigiri fosse molto buono; ma durante il gioco venivano chiamati tutti tranne lei, che rimaneva seduta pensando a quanto delizioso fosse l’onigiri e non si accorgeva che, non essendo un frutto, non poteva essere chiamato, e in questo modo gli altri bambini la escludevano dal gioco di proposito.

Nel corso del manga appaiono spesso i personaggi in super deformed: di solito Tohru è rappresentata proprio con l’onigiri. Inoltre, dopo aver ricordato quell’episodio risalente all’asilo, si sente finalmente accettata nel cesto di frutta (la famiglia Soma).

Fonte: cbr

I 10 migliori anime originali del decennio

Lascia un commento