I 10 migliori manga di sempre

7132
10 migliori manga di sempre

Scopriamo i dieci migliori manga di sempre secondo l’utenza di MyAnimeList, 10 capolavori senza tempo

I 10 MIGLIORI MANGA DI SEMPRE – Negli ultimi 60 anni, il manga si è evoluto da arte di nicchia del Giappone a una delle forme d’arte più conosciute e rispettate al mondo. Il Sol Levante continua a produrre innumerevoli capolavori tutt’oggi discussi, inaugurando sempre nuove generazioni di avidi lettori e fan.
Considerando l’incalcolabile quantità di manga in circolazione, non dovrebbe sorprendere che alcuni franchise siano più ben accolti di altri. Indipendentemente da ciò, molte serie hanno avuto un impatto profondo sul genere, influenzando allo stesso modo nuovi artisti e veterani. Scopriamo quindi i dieci migliori manga di tutti i tempi, secondo l’utenza di MyAnimeList.

10 – KINGDOM, di Yasuhisa Hara (2006- in corso) 9.00 / 10

kingdom migliori manga

Milioni di anni sono passati dai tempi delle leggende, quando era il desiderio dell’uomo a muovere il mondo. È l’era della guerra dei 500 anni: il periodo degli stati combattenti. Kingdom è la storia di un giovane ragazzo di nome Xin, che si trasformò in un grande generale. La storia di un ragazzo e tutte le prove e gli spargimenti di sangue che sarà costretto ad affrontare per raggiungere il suo grandioso obbiettivo. -animeclick

Leggi anche: I 10 migliori anime d’azione del 2020

Kingdom è un manga realizzato da Yasuhisa Hara e pubblicato dal 2006 sulla rivista Weekly Young Jump della Shūeisha. È stato adattato successivamente in una serie televisiva anime dal giugno 2012 al febbraio 2013. Una seconda serie è andata in onda dal giugno 2013 al marzo 2014. Una terza stagione va in onda dall’aprile 2020.
La storia è ambientata in Cina durante il periodo degli stati combattenti (475-221 a.C.), e vede protagonista Shin, un orfano di guerra nel Regno del Qin.

La storia di Kingdom è un adattamento del periodo storico cinese conosciuto come periodo degli stati combattenti, che ebbe termine nel 221 a.C quando Ying Zheng, Re del Qin, portò a termine la conquista degli altri stati cinesi unificandoli. Diversi personaggi del manga fanno riferimento a figure storiche realmente esistite, sebbene spesso vengono presentati con nomi diversi. Alcuni nomi cinesi infatti non hanno equivalenti kanji giapponesi; per esempio il nome Ō Ki è leggermente alterato rispetto a quello di Wang Yi perché l’ultimo carattere non esiste nei kanji.

Ci sono molti esempi di personaggi che fanno riferimento direttamente alla storia di quel periodo; Ei Sei è basato su Ying Zheng, il suo fratellastro Seikyō su Chengjiao, suo padre e suo nonno rispettivamente ai re Zhuangxiang e Zhaoxiang del Qin. Ryo Fui è ispirato a Lü Buwei, mentre i suoi sostenitori, Shōheikun e Ri Shi, sono basati su Changping e Li Si. La famiglia Mō (Mō Bu, Mō Gō, Mō Ten, Mō Ki) è basata sulla famiglia Meng (Meng Ao, Meng Wu, Meng Tian, Meng Yi).

9 – SLAM DUNK, di Takehiko Inoue (1990-1996) 9.01 / 10

slam dunk

Hanamichi Sakuragi è una matricola del liceo Shohoku ed è sostanzialmente un attaccabrighe che non passa certo inosservato con i suoi capelli rossi fuori dal comune e con la sua altezza. Entrerà nel mondo del basket dopo essersi innamorato di una ragazza che si chiama Haruko, alla quale questo sport piace molto… quindi per conquistarla decide di entrare nella squadra di basket della sua scuola… anche se è totalmente a digiuno di questo sport, di cui non conosce nemmeno le regole! Gli inizi non saranno quindi certo dei più semplici, ma sotto sotto si potrà pian piano scoprire in lui un talento innato per questo sport! -animeclick

Slam Dunk è uno spokon di trentuno volumi scritto e disegnato dal mangaka giapponese Takehiko Inoue e ambientato nel mondo della pallacanestro liceale.

Dall’opera sono stati tratti un anime di centouno episodi, la cui trasmissione è partita il 16 ottobre 1993, e quattro OAV. L’anime segue gli avvenimenti del manga ma presentando spesso scene in ordine diverso, inoltre sono state aggiunte e tolte diverse altre piccole sequenze che ne modificano leggermente il contenuto, la produzione animata è stata interrotta a poco più della metà del manga per volere dell’autore dell’opera originale, in quanto ritenuta troppo differente e non adeguata dallo stesso, l’anime non presenta quindi un vero e proprio finale essendone stato troncato lo sviluppo; gli OAV, invece, sono indipendenti dalla serie e narrano storie a parte.

Leggi anche: I 10 migliori anime di Toei Animation

Slam Dunk tratta la tematica dello sport con molto humour, con il protagonista Hanamichi Sakuragi spesso in primo piano con le sue tragicomiche situazioni, ma anche un argomento tanto attuale quanto delicato come il bullismo nelle scuole; lo stile dei disegni, inoltre, fa ricorso al super deformed, specie per evidenziare i comportamenti infantili dei protagonisti.

Si tratta di uno dei manga più celebri in patria e nel mondo e ha contribuito in maniera molto marcata alla diffusione e allo sviluppo del basket nella Terra del Sol Levante: molti ragazzi hanno infatti iniziato a praticare questo sport dopo aver letto l’opera di Inoue, grande appassionato di pallacanestro sin da piccolo e che ha dedicato altri due suoi lavori a questo sport (Buzzer Beater e Real). La storia presenta inoltre evidenti riferimenti all’NBA, la lega professionistica statunitense ritenuta universalmente il miglior campionato di basket al mondo: le divise dello Shohoku, dello Shoyo, del Ryonan e del Kainan, ad esempio, ricordano per colori e caratteri rispettivamente quelle dei Chicago Bulls, dei Boston Celtics, degli Orlando Magic e dei Los Angeles Lakers.

8 – GRAND BLUE, di Kenji Inoue e Kimitake Yoshioka (2014- in corso) 9.02 / 10

grand blue migliori manga

Una nuova vita inizia per Iori Kitahara, che ha deciso di trasferirsi per frequentare l’università ad Izu. Si trasferisce quindi da suo zio che gestisce un negozio di sub, il Grand Blue. Iori inizierà a scoprire le meraviglie dell’oceano, donne bellissime, e uomini che amano le immersioni e l’alcool… e forse la vita da universitario che Iori si immaginava prenderà una piega inaspettata. -animeclick

Leggi anche: Ecco quale sarebbe la squadra Pokémon di Luffy

Grand Blue comincia la sua pubblicazione nel 2014 e guadagna pian piano una significativa fanbase. Questo manga comico segue Iori Kitahara, una matricola dell’università di Izu. Come molti studenti del primo anno, Kitahara ha alcune aspettative sulla vita del college, che si rivelano molto diverse da ciò che effettivamente sperimenta. Tuttavia, si abitua presto allo stile di vita festoso mentre soggiorna al negozio di immersioni subacquee di suo zio chiamato “Grand Blue”.

Grand Blue è un manga scritto da Kenji Inoue e disegnato da Kimitake Yoshioka, serializzato su good! Afternoon dal 7 aprile 2014. Un adattamento anime da 12 episodi, prodotto da Zero-G, è stato trasmesso in Giappone dal 13 luglio al 28 settembre 2018.
Il manga, scritto da Kenji Inoue e disegnato da Kimitake Yoshioka, ha iniziato la serializzazione sulla rivista good! Afternoon di Kōdansha il 7 aprile 2014. Il primo volume tankōbon è stato pubblicato il 7 novembre 2014 e al 22 novembre 2018 ne sono stati messi in vendita in tutto dodici. Negli Stati Uniti i diritti di distribuzione digitale in lingua inglese sono stati acquistati da Kodansha USA. L’edizione è stata poi resa disponibile in tutto il mondo, ad eccezione del Giappone, sul sito di Crunchyroll.

7 – BUONANOTTE PUNPUN, di Inio Asano (2007-2013) 9.05 / 10

buonanotte punpun migliori manga

Protagonista è Punpun, un uccello disegnato con fattezze caricaturali in un ambiente altrimenti umano e normale. Lo seguiremo nella sua quotidianità con la sua scapestrata famiglia, gli amici, i primi amori e il suo approccio all’arrivo di un’adolescenza per una mente iperattiva. -animeclick

Leggi anche: 10 insegnanti degli anime che vorremmo nella realtà

Buonanotte, Punpun è un manga scritto ed illustrato da Inio Asano. In Giappone è pubblicato da Shogakukan a partire dall’agosto 2007 a cadenza all’incirca semestrale con 13 volumi all’attivo e serializzato su Big Comic Spirits a partire dal 2008, a causa del fallimento di Weekly Young Sunday, prima rivista che lo ospitava dal 2007. Il manga termina con il 13° volume nel 2013.
In Italia è pubblicato dalla Panini Comics: la prima edizione italiana risale all’aprile 2011 e sono stati pubblicati tutti i 13 volumi.

La storia ruota attorno ad un bambino (sebbene stilizzato sotto forma di un uccellino) di nome Punpun Punyama, della madre, del padre e dello zio materno Yuichi Onodera. I volumi analizzano la maturazione scolastica, psicologica e sessuale di Punpun assieme alle vicende che i vari familiari affrontano nel corso degli anni.

6 – FULLMETAL ALCHEMIST, di Hiromu Arakawa (2001-2010) 9.09 / 10

fullmetal alchemist

Ambientato in un mondo alternativo simile all’Europa di inizio 1900, narra i viaggi e la maturazione fisica e spirituale di due fratelli, Edward e Alphonse Elric. Abbandonati dal padre alchimista in tenera età e cresciuti quindi dalla sola madre Trisha, i due bambini manifestano fin da subito grandi attitudini nello studio delle scienze alchemiche. Questo li porta, anni dopo, a tentare una trasmutazione umana, il massimo dei tabù dell’alchimia, al fine di riportare in vita la madre, morta di malattia. Un’azione che pagheranno a caro prezzo, dando così inizio a una fantastica avventura che li porterà sulle tracce delle leggendaria Pietra Filosofale al fine di riparare all’errore commesso. -animeclick

Leggi anche: Fullmetal Alchemist: 5 eventi che hanno cambiato Edward Elric per sempre

Fullmetal Alchemist è un manga scritto e disegnato da Hiromu Arakawa. L’opera è stata pubblicata sulla rivista Monthly Shōnen Gangan di Square Enix dal 12 luglio 2001 al 12 giugno 2010 per un totale di 108 capitoli più un capitolo speciale. Questi sono in seguito stati raccolti in 27 volumi sotto l’etichetta Gangan Comics e pubblicati tra il 22 gennaio 2002 e il 22 novembre 2010. Il manga è stato tradotto in diverse lingue, tra cui in italiano da Planet Manga.

La storia segue i giovani alchimisti Edward e Alphonse Elric, due fratelli in viaggio per la nazione di Amestris alla ricerca della leggendaria pietra filosofale. Il loro scopo è quello di riottenere i loro corpi originari persi in una trasmutazione umana finita male. Durante il loro viaggio scopriranno un piano orchestrato da sette esseri chiamati homunculus che potrebbe distruggere il Paese se non fermati in tempo.
Dal manga sono state tratte due serie televisive anime prodotte dallo studio d’animazione Bones: Fullmetal Alchemist conta 51 episodi, trasmessi tra il 2003 ed il 2004, e traspone fedelmente il manga solo per i primi volumi, narrando poi una storia originale; Fullmetal Alchemist: Brotherhood, è un adattamento fedele del manga in 64 episodi, mandati in onda tra il 2009 ed il 2010. La serie ha avuto un enorme successo, generando anche altri adattamenti, tra cui film animati, romanzi e videogiochi.

5 – MONSTER, di Naoki Urasawa (1994-2001) 9.09 / 10

monster urasawa

Salvare vite umane è il mestiere di ogni medico. Un medico ha il dovere di considerare tutte le vite allo stesso modo, perché nessuna esistenza vale più di un’altra.
Questo è quello che pensa il protagonista di questo manga, il giovane dottore giapponese Kenzo Tenma; questo è il suo imperativo categorico e allo stesso tempo la sua croce. Cosa succede a questo medico idealista e sincero quando si trova a combattere con le dinamiche di potere all’interno della clinica Eisler di Dusseldorf? E cosa succede quando un giorno decide di salvare la vita di un bambino anziché quella del sindaco della città, contravvenendo alle direttive del direttore Heinemann (che è anche il padre della sua ragazza, Eva)? Cosa succede quando si accorge che questa sua scelta ha risvegliato un mostro? -animeclick

Leggi anche: I 5 migliori film live-action tratti da manga

Monster è un manga scritto e disegnato da Naoki Urasawa. È stato pubblicato sulla rivista Big Comic Original di Shogakukan tra il 1994 e il 2001 e in seguito raccolto in 18 volumi tankōbon. La storia, ambientata in Germania, segue il brillante neurochirurgo giapponese Kenzo Tenma e i suoi sforzi per fermare Johan Liebert, un suo ex paziente diventato un pericoloso serial killer.

Nel 1999 vince il Grand Prize all’Osamu Tezuka Cultural Prize. L’anno successivo si aggiudica il 46° Shogakukan Manga Award nella categoria generale.

Al termine della pubblicazione dell’opera, nel 2002, Urasawa ha scritto e illustrato il romanzo Another Monster, che ripercorre gli eventi del manga dal punto di vista di un giornalista d’inchiesta. Un adattamento anime del manga è stato prodotto da Madhouse e trasmesso da aprile 2004 a settembre 2005 su Nippon Television.

Panini Comics ha curato un’edizione italiana del manga tra il 2003 e il 2005, e ha pubblicato anche Another Monster a partire dal 21 giugno 2012. Monster si è rivelato un successo commerciale e di critica, è stato insignito di numerosi premi ed è considerato uno dei migliori manga di tutti i tempi.

4 – VAGABOND, di Takehiko Inoue (1998- in hiatus) 9.10 / 10

vagabond inoue

Ambientato nel Giappone del XVII secolo, successivo alla battaglia di Sekigahara, seguiamo la vita di Takezo Shinmen alias Musashi Miyamoto e di Kojirō Sasaki, due fenomenali spadaccini realmente esistiti dalle leggendarie abilità. La storia si apre successivamente alla battaglia e tra gli sconfitti sopravvissuti ci sono Takezo Shinmen e il suo amico Matahachi Honiden. Per fare ritorno al loro villaggio natale dovranno superare molte insidie, accolti dalla bella Oko e da sua figlia Akemi. Le strade dei due amici qui si separeranno, generando una serie di eventi che cambieranno per sempre la loro vita. -animeclick

Leggi anche: I 10 migliori manga di samurai

Vagabond è un manga scritto e disegnato da Takehiko Inoue, liberamente ispirato al romanzo “Musashi” di Eiji Yoshikawa, che narra le vicende relative al samurai Musashi Miyamoto.

La serializzazione del manga, in Giappone, è iniziata nel 1998, sulle pagine del quindicinale Weekly Morning, per poi giungere alla pubblicazione dei tankōbon nel 1999, ad opera della Kōdansha.
In Italia, invece, Vagabond è edito da Panini Comics (Planet Manga), in due differenti edizioni: la prima, la cosiddetta “edizione regolare”, arrivata nelle fumetterie nel maggio del 2000, è costituita da volumi che contengono meno pagine di quelle presenti nel tankōbon originale; la seconda, “Vagabond Deluxe”, consta invece di volumi di formato e contenuto uguale a quelli nipponici.

L’autore, Takehiko Inoue, ha ricevuto numerosi riconoscimenti e premi per quest’opera, tra cui il 24º Premio per il miglior manga della Kodansha, nel 2000, e l’Osamu Tezuka Culture Award nel 2002.

3 – ONE PIECE, di Eiichiro Oda (1997- in corso) 9.12 / 10

one piece

Monkey D. Rufy è un giovane pirata sognatore che da piccolo ha inavvertitamente mangiato il frutto del diavolo Gom Gom che lo rende “elastico”, permettendogli di allungarsi e deformarsi a piacimento, a scapito, però, della capacità di nuotare. L’obiettivo che lo ha spinto in mare è quello ambizioso di diventare il “re dei pirati”. Dovrà, dunque, ritrovare il leggendario “One Piece”, il magnifico tesoro lasciato dal mitico pirata Gold Roger sull’isola di Raftel, alla fine della Rotta Maggiore, mai ritrovato e sogno di ogni pirata.
Nella sua avventura, Rufy riunirà intorno a lui una ciurma ben assortita, e si troverà in mezzo a situazioni bizzarre e stravaganti, tanto almeno quanto lo sono i personaggi, amici o nemici, presenti nell’universo che lo circonda, che raggiungono spesso livelli assurdi e grotteschi e che donano all’opera un’atmosfera surreale e divertente. -animeclick

One Piece è un manga scritto e disegnato da Eiichirō Oda, serializzato sulla rivista Weekly Shōnen Jump di Shūeisha dal 22 luglio 1997. La casa editrice ne raccoglie periodicamente i capitoli in volumi formato tankōbon, di cui il primo è stato pubblicato il 24 dicembre. L’edizione italiana è curata da Star Comics, che ne ha iniziato la pubblicazione in albi corrispondenti ai volumi giapponesi il 1º luglio 2001.

La storia segue le avventure di Monkey D. Rufy, un ragazzo il cui corpo ha assunto le proprietà della gomma dopo aver inavvertitamente ingerito il frutto del diavolo Gom Gom. Raccogliendo attorno a sé una ciurma, Rufy esplora la Rotta Maggiore in cerca del leggendario tesoro One Piece e inseguendo il sogno di diventare il nuovo Re dei pirati.

Leggi anche: ONE PIECE: un grafico aggiornato mostra tutte le pause di Eiichiro Oda

One Piece è adattato in una serie televisiva anime, prodotta da Toei Animation e trasmessa in Giappone su Fuji TV dal 20 ottobre 1999. L’edizione italiana è edita da Merak Film ed è andata in onda su Italia 1 dal 5 novembre 2001 per poi continuare su Italia 2 nel 2012; inizialmente intitolata All’arrembaggio!, la serie ha avuto diversi cambi di denominazione nel corso delle stagioni, fino ad assestarsi sull’originale One Piece. Toei Animation ha prodotto inoltre 13 special televisivi, 14 film anime, due cortometraggi 3D, un ONA e un OAV. Svariate compagnie ne hanno tratto merchandise di vario genere, come colonne sonore, videogiochi e giocattoli.

One Piece ha goduto di uno straordinario successo. Diversi volumi del manga hanno infranto record di vendite e di tiratura iniziale in Giappone. Con oltre 480 milioni di copie in circolazione al 2021, è il manga ad avere venduto di più al mondo. Il 15 giugno 2015 è entrato inoltre nel Guinness dei primati come serie a fumetti disegnata da un singolo autore con il maggior numero di copie pubblicate: oltre 320 milioni.

2 – LE BIZZARRE AVVENTURE DI JOJO: STEEL BALL RUN, di Hirohiko Araki (2004-2011) 9.21 / 10

le bizzarre avventure di jojo steel ball run

È il 1890 quando il magnate Stephen Steel organizza una gara di corsa a cavallo il cui premio per il vincitore sarà l’incredibile somma di cinquanta milioni di dollari! Il percorso si snoda attraverso i mille pericoli degli Stati Uniti, da San Diego a New York, e fra i partecipanti troviamo ogni genere di personaggio, per estrazione sociale e provenienza geografica: inizia così la grande avventura di J.Lo Zeppelie e Johnny Joestar! -animeclick

Steel Ball Run è la settima serie del manga Le bizzarre avventure di JoJo di Hiroiko Araki, pubblicata su Ultra Jump dal 2004 al 2011.

La trama non ha nulla a che vedere con quella generazionale e lineare delle 6 serie precedenti, anzi, torna indietro nel tempo (1890) al periodo in cui si svolge la prima serie (Phantom Blood). I nomi dei personaggi richiamano quelli classici senza tuttavia averci nulla a che fare (ad esempio c’è un Dio Brando con una personalità simile ma con un passato e un potere diverso da quello “classico”). Questa serie si svolge in un universo completamente differente da quello delle prime sei serie.

Leggi anche: JoJo: Hirohiko Araki rivela quale potrebbe essere il suo potere Stand

1 – BERSERK, di Kentaro Miura (1989- in corso) 9.35 / 10

berserk

Berserk è la storia di Gatsu, un trovatello che viene allevato da un condottiero di ventura. iniziato alle arti militari già a 6 anni diviene ben presto un guerriero molto forte che, nonostante proposte di carriera molto “allettanti” che lo porterebbero a non vivere più il terrore della morte, sogno di ogni poveretto che disgraziatamente si guadagna da vivere come mercenario, decide di vagare di battaglia in battaglia. Si unisce ad un gruppo mercenario capitanato da un ragazzo di non nobili origini, Grifis, che lo sconfigge in duello conquistando così la sua vita (“tu mi appartieni, deciderò io quando morirai”). -animeclick

Berserk è un manga scritto e illustrato da Kentarō Miura. Le vicende si incentrano su Gatsu, un guerriero maledetto costretto a vagare senza sosta per sopravvivere e trovare vendetta. La storia, inizialmente horror ma via via arricchita di elementi del genere fantasy, esplora gli anfratti più profondi della natura umana. Le tematiche principali sono l’illusorietà del libero arbitrio, l’oscuro e necessario potere della violenza, il destino dell’uomo, l’onnipresenza del male. Tanto l’anime quanto il manga sono noti per la loro cruda violenza.

Il manga è serializzato in Giappone da Hakusensha nella collana Young Animal dal 1989. In Italia è pubblicato dalla Panini Comics: la prima edizione italiana risale all’agosto 1996 ed in seguito sono state edite diverse ristampe che portano il nome di Berserk Collection, Maximum Berserk e Berserk Collection Serie Nera.

Il successo del manga ha portato alla realizzazione, nel 1997, di una prima serie televisiva anime, di una trilogia di film tra il 2012 e il 2013, il cui progetto si intitola Berserk – L’epoca d’oro, e di una seconda serie televisiva nel 2016, seguita da una seconda stagione nel 2017, oltre a diversi videogiochi.

Fonte: cbr

Top 10 finali dei manga più attesi in Giappone

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here