I 10 migliori manga psicologici di sempre

1453

Scopriamo i 10 migliori manga psicologici di sempre secondo l’utenza di MyAnimeList

TOP 10 MANGA PSICOLOGICI – Le storie che trattano tematiche psicologiche possono presentarsi in molte forme diverse. Quando si tratta della psiche umana, è davvero una questione di ciò che guida l’ansia di tutti e la risposta è tanto varia quanto viene effettivamente mostrata nella finzione. Nella maggior parte dei manga, la psicologia può penetrare attraverso una varietà di generi, dal fantasy allo sport.

Ma è questo fattore riconoscibile che fa desiderare a molti fan di leggere e comprendere questi tipi di manga. In quanto tale, ogni lettori ha i propri manga psicologici preferiti in cui spesso rivedono e riflettono cose che li riguardano o con cui possono relazionarsi personalmente, indipendentemente dagli eventi e dalle situazioni dei personaggi.

10 – Beastars, di Paru Itagaki (8.34/10)

beastars netflix

In un mondo popolato da animali antropomorfi, erbivori e carnivori coesistono gli uni con gli altri. Per gli studenti della scuola di Cherryton la vita scolastica è piena di speranze ed amori come, tuttavia, di disagio e timore.
Il protagonista, il lupo Legoshi, è un membro del club di teatro. Nonostante il proprio aspetto minaccioso, il giovane ha in realtà una rara gentilezza; per tutta la sua vita è però stato temuto ed odiato dagli altri animali a causa dei pregiudizi, a tal punto da esserci ormai abituato. Presto, tuttavia, Legoshi si ritrova ad essere sempre più coinvolto dalle insicurezze dei suoi compagni – vedendo così un lento cambiamento nella sua vita scolastica e cercando di trovare il suo posto nel mondo. -animeclick

Beastars è un manga shōnen scritto e disegnato da Paru Itagaki e pubblicato in Giappone dall’8 settembre 2016 all’8 ottobre 2020, sul settimanale Weekly Shōnen Champion di Akita Shoten. La serie è ambientata in un mondo popolato da animali antropomorfi e civilizzati, in cui, nonostante la convivenza tra carnivori ed erbivori, vige ancora un certo pregiudizio nei confronti dei primi. Il protagonista della storia è il lupo Legoshi, uno studente dell’Istituto Cherryton.

Il manga è stato premiato con numerosi riconoscimenti, tra cui il premio Manga Taishō, il Premio culturale Osamu Tezuka e il Premio Kodansha per i manga nel 2018.

Leggi anche: I 5 migliori film e serie anime in CGI

9 – One Outs, di Shinobu Kaitani (8.58/10)

migliori manga psicologici

Kojima Hiromichi è il clean-up hitter dei Lycaons, squadra di baseball della Major League giapponese. Un giorno, mentre è in ritiro con alcuni compagni, si imbatte in Toua Tokuchi, abile lanciatore e giocatore d’azzardo che partecipa a scommesse clandestine su sfide uno contro uno tra lanciatori e battitori. I due si sfidano, e lo scontro si conclude con l’infortunio di Kojima e l’entrata di Toua nei Lycaons. Toua non è solo un abile lanciatore, ma sa capire perfettamente i punti deboli, fisici ma soprattutto psicologici, dei suoi avversari, usandoli a suo favore. -animeclick

One Outs è una serie di manga giapponese di baseball di Shinobu Kaitani originariamente serializzato nel periodico di manga seinen Business Jump dal 1998 al 2006. È stato rilanciato su Business Jump il 1º ottobre 2008. Il 7 ottobre 2008, grazie alla Madhouse divenne anche un anime ma è piuttosto diverso dal manga.

Leggi anche: 5 anime spokon per gli amanti dell’azione

8 – Pluto, di Naoki Urasawa (8.62/10)

pluto naoki urasawa

“Pluto” si ispira al personaggio omonimo creato dal grande Osamu Tezuka nella serie “Tetsuwan Atom”, conosciuta in Italia come “Astro Boy”.
Tutto inizia con la misteriosa morte di Mont Blanc, uno dei robot più potenti della Terra, amato da tutti. A indagare su questo caso e sulla morte di molti altri robot c’è il detective Gesicht.
Vincitore nel 2005 del prestigioso “Osamu Tezuka Cultural Award”, e dell’“Excellence Prize” nella divisione manga del Japanese Media Arts Festival, elogiato e apprezzato da tutti, “Pluto” è già un capolavoro. Ecco come un genio rilegge l’opera di un altro genio. -animeclick

Leggi anche: I 10 cyborg più fighi degli anime

Pluto è un manga di Naoki Urasawa pubblicato in Giappone su Big Comic Original di Shogakukan dal 2003 al 2009, con i capitoli raccolti in otto volumi Tankōbon. In Italia viene pubblicato dalla Panini Comics da maggio 2009. Takashi Nagasaki viene accreditato come coautore. Makoto Tezuka, il figlio di Osamu Tezuka, ha supervisionato la serie e la Tezuka Productions ha cooperato nella sua creazione.

Il manga è basato sulla serie Astro Boy di Osamu Tezuka, nello specifico rinarra a modo suo l’episodio intitolato “Il più grande robot del mondo” ed è rinominato con il nome dell’antagonista principale dell’opera. Naoki Urasawa reinterpreta la storia come un Thriller fantascientifico ricco di suspence, il cui protagonista è Gesicht, un robot detective dell’Europol che cerca di risolvere una serie di omicidi di robot e umani.

Pluto è stato un successo critico e commerciale, vincendo diversi premi, incluso il nono Premio culturale Osamu Tezuka, e vendendo oltre 8.5 milioni di copie.

7 – Watashitachi No Shiawase Na Jikan, di Sumomo Yumeka (8.62/10)

top 10 manga psicologici

Juri è una pianista, ragazza prodigio in gioventù, orfana di padre e con un conflittuale rapporto con la madre. Abbandonato il piano dopo essere stata stuprata dal suo tutore, ha tentato di suicidarsi per ben tre volte. Grazie a sua zia, Suor Monica, incontra il tre volte assassino Yuu, orfano di un padre alcolista e con un fratello cieco suicidatosi per non essere un peso. Legati dal dolore e dalla sofferenza, Yuu e Juri cercheranno insieme di ritrovare la speranza di andare avanti. -animeclick

Uno dei manga più oscuri di questa lista, questa storia segue la figlia di un pianista un tempo famoso di nome Juri Mutou, che incontra un detenuto di nome Yuu.

Yuu è un assassino accusato di aver ucciso tre persone e da allora ha tentato il suicidio, come Juri. Dopo un incontro casuale tra i due, grazie alla zia Monica di Juri che è un membro del clero, le loro vite sono cambiate per sempre.

Leggi anche: One Punch Man: ecco l’action figure di Saitama in bagno

6 – Death Note, di Tsugumi Ohba e Takeshi Obata (8.72/10)

death note obata

Light Yagami è un geniale quanto cinico liceale diciassettenne. La vita lo tedia e il mondo, con la sua ingiustizia, lo disgusta profondamente. Ryuk è un dio della morte, che come tutti i suoi “colleghi” conduce da tempo immemorabile un’esistenza vuota e minata dalla noia. In cerca di distrazioni, Ryuk decide di abbandonare nel mondo degli uomini il suo Quaderno Della Morte, all’apparenza un semplice block notes, ma dotato di un tremendo potere, perché scrivere il nome di una persona sul Quaderno significa decretarne la morte. Dopo aver per caso trovato il Quaderno Della Morte, e averne compreso le potenzialità, Light decide di servirsene per cambiare il mondo, mentre Ryuk lo osserva divertito. -animeclick

Leggi anche: I 5 migliori film live-action tratti da manga

Death Note è un manga ideato e scritto da Tsugumi Ōba e illustrato da Takeshi Obata. È stato serializzato in Giappone dal 1º dicembre 2003 al 15 maggio 2006 sul settimanale Weekly Shōnen Jump dalla casa editrice Shūeisha e poi raccolto in dodici volumi tankōbon. L’edizione italiana è stata curata da Planet Manga, etichetta della Panini Comics, che ha pubblicato l’opera dal 19 ottobre 2006 al 18 settembre 2008.

La storia si incentra su Light Yagami, un brillante studente delle scuole superiori che trova un quaderno dai poteri soprannaturali chiamato Death Note, gettato sulla Terra dallo shinigami Ryuk. L’oggetto dona all’utilizzatore il potere di uccidere chiunque semplicemente scrivendo il suo nome sul quaderno mentre ci si figura mentalmente il volto. Light intende usare il Death Note per eliminare tutti i criminali e creare un mondo libero dal male, ma i suoi piani sono contrastati dall’intervento di Elle, un investigatore privato chiamato a indagare sul caso delle misteriose morti dei criminali.

Al manga hanno fatto seguito numerose opere derivate: una serie televisiva anime di 37 episodi, cinque lungometraggi, una miniserie televisiva live action, un dorama, un musical, due light novel e vari videogiochi.

5 – Real, di Takehiko Inoue (8.80/10)

real manga psicologici

Kiyoharu, Tomomi e Hisanobu sono tre ragazzi dal carattere fondamentalmente diverso, ma le cui strade si intrecciano sia nella sventura che nella voglia di riscatto. Kiyoharu, in seguito a una malattia, ha dovuto subire l’amputazione di una gamba, rimanendo così su una sedia a rotelle, ma non rassegnandosi per questo a giocare a basket. Tomomi ama il basket più di ogni altra cosa, ma è perseguitato dal rimorso di aver provocato un incidente stradale rendendo invalida una ragazza. Hisanobu è il capitano della squadra di basket del suo liceo, ma rimane paraplegico dopo essere stato investito da un camion. Le vicende di questi tre giovani confluiranno un po’ alla volta in una toccante e avvincente storia che parla di amicizia, coraggio e amore. -animeclick

Leggi anche: I 10 migliori manga di sempre

Real è un manga scritto e disegnato da Takehiko Inoue, che tratta della vita di alcuni ragazzi legati in un modo o nell’altro al mondo dei disabili e in particolare del basket in carrozzina. È stato pubblicato sulla rivista Weekly Young Jump a partire dal 1999 e i capitoli sono stati raccolti in volumi tankōbon editi da Shūeisha, il primo dei quali è stato pubblicato il 19 marzo 2001. I primi sette volumi hanno venduto più di 9 milioni di copie nel solo Giappone.

4 – 20th Century Boys, di Naoki Urasawa (8.95/10)

20th century boys naoki urasawa

Un robot, un’organizzazione malvagia, degli eroi che la combattono, gli alieni, un terribile virus… un nuovo manga di azione? No… semplicemente il gioco di un gruppo di bambini che dalla loro base segreta sognavano un futuro in cui salvavano il mondo da una terribile minaccia. Chi l’avrebbe detto che il quaderno in cui scrivevano e disegnavano le loro idee sarebbe diventato la nuova Bibbia?

Sono passati parecchi anni, ormai tutti sono cresciuti, quando alcuni eventi mettono in moto il lento meccanismo della memoria che li costringerà a ricordare i giorni della loro infanzia, la chiave per capire la minaccia che a breve avrebbe colpito l’intera umanità.

Qualcuno sta cercando di realizzare il loro gioco, e ci riuscirà, a meno che loro non riescano a fermarlo.
Questo qualcuno è l’Amico, che utilizza come stemma proprio il logo che da bambini avevano inventato. Ma chi è l’amico? Come fa a conoscere il contenuto del loro quaderno?
E cosa potranno fare loro, un gruppetto di persone comunissime, contro una simile minaccia? Intrighi, politica, amicizia, speranza e coraggio… ecco gli elementi che potrete trovare in questo intelligente e geniale manga. -animeclick

Leggi anche: I 10 migliori anime di Toei Animation

20th Century Boys è un manga di Naoki Urasawa pubblicato in Giappone sulla rivista Big Comic Spirits della casa editrice Shogakukan a partire dal 1999 e conclusa nel 2006 con 249 capitoli raccolti in 22 tankōbon. Si tratta di un manga di ampio respiro con un’atmosfera cupa, che mescola elementi di teoria della cospirazione alla fantascienza. Numerosi sono i riferimenti alla cultura popolare giapponese e internazionale, in particolare al mondo dei fumetti e della musica rock. La trama include altresì richiami al problema delle sette che affligge la società giapponese e al terrorismo internazionale.

La narrazione è non-sequenziale e contiene parecchi flashback, coprendo eventi che vanno dal 1969, quando i protagonisti erano dei ragazzini che sognavano di “salvare il mondo”, al 1997, quando parte la narrazione “lineare” della storia, al 2001, quando l’Assemblea generale delle Nazioni Unite celebra una serie di personaggi che hanno “salvato il mondo”, per poi passare al 2014, quando la pace mondiale sembra nuovamente in pericolo e ancora oltre, all'”Era dell’Amico”, dal 2016 in poi.

Leggi anche: I 10 migliori manga anni ’80

La serie ha goduto di una trasposizione in una trilogia di film live-action, diretti da Yukihiko Tsutsumi, prodotti da Dentsu e proiettati nelle sale giapponesi tra il 2008 ed il 2009. Da gennaio a luglio 2007 è stata pubblicata su Big Comic Spirits una serie sequel intitolata 21st Century Boys, raccolto in due volumi.

Il fumetto ha ricevuto un’ottima accoglienza da parte della critica e ha vinto importanti riconoscimenti come il Premio Kodansha per i manga nel 2001, il Premio Shogakukan per i manga nel 2003 ed il Premio Seiun nel 2008 e la sua traduzione in inglese ha ottenuto un Eisner Award come miglior fumetto asiatico pubblicato negli Stati Uniti nel 2011 e nel 2013. Durante l’assegnazione del Grand Prize del 37º Japan Cartoonist Award, nel 2008, è stato definito un «capolavoro che è riuscito a stabilire un nuovo livello di qualità per i manga successivi alla seconda guerra mondiale».

3 – Buonanotte Punpun, di Inio Asano (9.05/10)

buonanotte punpun inio asano

Protagonista è Punpun, un uccello disegnato con fattezze caricaturali in un ambiente altrimenti umano e normale. Lo seguiremo nella sua quotidianità con la sua scapestrata famiglia, gli amici, i primi amori e il suo approccio all’arrivo di un’adolescenza per una mente iperattiva. -animeclick

Buonanotte, Punpun è un manga scritto ed illustrato da Inio Asano. In Giappone è pubblicato da Shogakukan a partire dall’agosto 2007 a cadenza all’incirca semestrale con 13 volumi all’attivo e serializzato su Big Comic Spirits a partire dal 2008, a causa del fallimento di Weekly Young Sunday, prima rivista che lo ospitava dal 2007. Il manga termina con il 13° volume nel 2013.

In Italia è pubblicato dalla Panini Comics: la prima edizione italiana risale all’aprile 2011 e sono stati pubblicati tutti i 13 volumi.

Leggi anche: I 10 migliori anime originali del decennio

2 – Monster, di Naoki Urasawa (9.09/10)

monster manga naoki urasawa

Salvare vite umane è il mestiere di ogni medico. Un medico ha il dovere di considerare tutte le vite allo stesso modo, perché nessuna esistenza vale più di un’altra.
Questo è quello che pensa il protagonista di questo manga, il giovane dottore giapponese Kenzo Tenma; questo è il suo imperativo categorico e allo stesso tempo la sua croce. Cosa succede a questo medico idealista e sincero quando si trova a combattere con le dinamiche di potere all’interno della clinica Eisler di Dusseldorf? E cosa succede quando un giorno decide di salvare la vita di un bambino anziché quella del sindaco della città, contravvenendo alle direttive del direttore Heinemann (che è anche il padre della sua ragazza, Eva)? Che accade quando si accorge che questa sua scelta ha risvegliato un mostro? -animeclick

Leggi anche: 10 villain shonen che meriterebbero un proprio anime

Monster è un manga scritto e disegnato da Naoki Urasawa. È stato pubblicato sulla rivista Big Comic Original di Shogakukan tra il 1994 e il 2001 e in seguito raccolto in 18 volumi tankōbon. La storia, ambientata in Germania, segue il brillante neurochirurgo giapponese Kenzo Tenma e i suoi sforzi per fermare Johan Liebert, un suo ex paziente diventato un pericoloso serial killer. Al termine della pubblicazione dell’opera, nel 2002, Urasawa ha scritto e illustrato il romanzo Another Monster, che ripercorre gli eventi del manga dal punto di vista di un giornalista d’inchiesta. Un adattamento anime del manga è stato prodotto da Madhouse e trasmesso da aprile 2004 a settembre 2005 su Nippon Television.

Panini Comics ha curato un’edizione italiana del manga tra il 2003 e il 2005, e ha pubblicato anche Another Monster il 21 giugno 2012. Monster si è rivelato un successo commerciale e di critica, è stato insignito di numerosi premi ed è considerato uno dei migliori manga di tutti i tempi.

1 – Berserk, di Kentaro Miura (9.37/10)

berserk kentaro miura

Berserk è la storia di Gatsu, un trovatello che viene allevato da un condottiero di ventura. iniziato alle arti militari già a 6 anni diviene ben presto un guerriero molto forte che, nonostante proposte di carriera molto “allettanti” che lo porterebbero a non vivere più il terrore della morte, sogno di ogni poveretto che disgraziatamente si guadagna da vivere come mercenario, decide di vagare di battaglia in battaglia. Si unisce ad un gruppo mercenario capitanato da un ragazzo di non nobili origini, Grifis, che lo sconfigge in duello conquistando così la sua vita (“tu mi appartieni, deciderò io quando morirai”)… -animeclick

Leggi anche: Top 10: le dieci migliori armi di Berserk

Berserk è un manga scritto e illustrato da Kentarō Miura. Le vicende si incentrano su Gatsu, un guerriero maledetto costretto a vagare senza sosta per sopravvivere e trovare vendetta. La storia, inizialmente horror ma via via arricchita di elementi del genere fantasy, esplora gli anfratti più profondi della natura umana. Le tematiche principali sono l’illusorietà del libero arbitrio, l’oscuro e necessario potere della violenza, il destino dell’uomo, l’onnipresenza del male. Tanto l’anime quanto il manga sono noti per la loro cruda violenza.

Il manga è serializzato in Giappone da Hakusensha nella collana Young Animal dal 1989.
In Italia è pubblicato dalla Panini Comics, la prima edizione italiana risale all’agosto 1996. In seguito sono state edite diverse ristampe che portano il nome di Berserk Collection, Maximum Berserk e Berserk Collection Serie Nera.

Il successo del manga ha portato alla realizzazione, nel 1997, di una prima serie televisiva anime. In seguito di una trilogia di film tra il 2012 e il 2013, il cui progetto si intitola Berserk – L’epoca d’oro, e di una seconda serie televisiva nel 2016, seguita da una seconda stagione nel 2017, oltre a diversi videogiochi.

Fonte: cbr

I 10 migliori anime horror di sempre

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here